Menu

USA. Il cannone laser diventa realtà

La marina militare degli Stati Uniti é pronta a fare un passo verso il futuro. E’ pronta ad abbattere droni o altri velivoli o ad affondare imbarcazioni veloci “ostili” che dovessero avvicinarsi troppo alle sue navi senza sparare neanche un colpo di cannone o di mitragliatrice, ma utilizzando un potente raggio luminoso ad alta intensità. Un raggio laser, appunto.

Si tratta di un nuovo sistema d’arma, denominato LaWS (LaserWeapon System) di cui un esemplare sarà presto installato a bordo di una unità che incrocia nelle acque del Golfo Persico (un quadrante a caso del mondo…), la Ponce, prevedibilmente già all’inizio del prossimo anno. Almeno così informa il Pentagono, secondo cui nei test finora realizzati la nuova arma si sarebbe dimostrata particolarmente efficiente. ”Non ha mancato l’obiettivo neanche una volta”, ha affermato l’ammiraglio Matthew Klunder, capo dell’Ufficio Ricerche dalla Navy (ONR). Ufficiali della marina hanno ammesso che il LaWS è ancora ad uno stadio per cui non é in grado di abbattere un caccia o un missile, ma si sta lavorando per potenziarlo e renderlo all’altezza di obiettivi del genere. Al momento, é stato testato con successo su droni e imbarcazioni veloci; come dimostra anche un video messo su YouTube dalla Navy: http://www.youtube.com/watch?v=OmoldX1wKYQ&feature=youtu.be.
E poi, ha sottolineato l’ammiraglio Klunder, si tratta di un’arma incredibilmente economica. Contrariamente alle centinaia di migliaia di dollari di costo di ogni missile, per il LaWS ogni ‘colpo’ costa meno di un dollaro, senza contare che, nonostante abbia di fatto una quantità praticamente inesauribile di ‘munizioni’, non richiede alcuna riserva nella santabarbara. E’ inoltre estremamente facile da connettere con i sistemi di puntamento già installati sulle unità da combattimento della marina. La sua potenza può anche essere regolata, e quindi utilizzata per ammonire eventuali velivoli o imbarcazioni ostili in avvicinamento. Insomma, un vero affare. ”Il futuro é qui”, ha affermato Peter Morrision, un ufficiale dell’ONR impegnato nel progetto, secondo cui, ”il laser allo stato solido é un grande passo verso una rivoluzione del modo di combattere, come lo é stata la polvere da sparo nell’era dei pugnali e delle spade”. Il LaWS é però meno ‘scenico’ dei potenti raggi distruttori visibili nei film di fantascienza di Hollywood. Il suo raggio non é infatti neanche visibile ad occhio nudo, perché rientra nello spettro infrarosso.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • Giovanni

    Che figata. Meno di un dollaro ogni colpo!

    Ho il voltastomaco…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.