Menu

Un piano di pace “nucleare” per la guerra in Ucraina

Da quando è mancato Piero Angela ho sentito particolarmente il suo ultimo appello “Io ho fatto la mia parte, fate anche voi la vostra”. Eccomi. Sono professore universitario di impianti nucleari. Eh già, come alcuni sanno.

La centrale nucleare di Zaporizhia (Zapo, per noi che la conosciamo) è in zona di guerra. Dista 45 km dalla città omonima che è ancora in mano ucraina ed è bombardata dall’esercito russo e delle repubbliche.

La Centrale è dai primi di marzo in mano ai russi e finora aveva continuato a funzionare. Sono in realtà ben SEI impianti VVER (il moderno PWR russo, nulla a che vedere con Chernobyl) costruiti da URSS (5) e Russia (1) in Ucraina a fine anni 80 e primi 90.

Ognuno ha una potenza di 950 MWe, e nel complesso è la più grande centrale in Europa. Può tranquillamente produrre fino a 45 miliardi di kWh di energia: da sola, per dire, produce un sesto di tutte le centrali elettriche italiane messe assieme.

Non c’è nulla di “segreto” o militare in quella centrale, sia l’Ucraina che la Russia sono membri dell’IAEA e la centrale è sempre stata revisionata dagli ispettori dell’Agenzia.

Faccio anche presente che la Russia ha nel suo territorio 6300 bombe atomiche, decine di reattori e complessi nucleari militari, eccetera: a loro e ad altri 4 (USA, UK, Francia, Cina) è “consentito” avere il nucleare militare.

Ergo: sia gli uni che gli altri vogliono quella montagnata di energia elettrica, e basta.

Per ora, la Centrale ha messo energia elettrica in rete, continuava anche ad arrivare in Ucraina, ma i piani sono certamente di annettere la zona ad una repubblica o direttamente alla Russia, “tagliare i fili” all’Ucraina e arrivederci.

Allora l’Ucraina, che da quella zona sta per essere cacciata, come da ovunque in questa guerra, comprensibilmente “non ci sta”.

Allora – usando razzi ed altri armamenti gentilmente forniti da noialtri – prova a fare un po’ di caciara. Dato che sono un po’ più svegli di Giggino Di Maio, sanno dove possono colpire.

Qualunque centrale termoelettrica – sono le leggi della termodinamica – per fare circa 1.000 MWe ne deve produrre 3.000, di MW, termici, attraverso o reazioni di combustione (di carbone o gas, per esempio) o nucleari. Quindi per ogni 1.000 elettrici che produce, ne deve scaricare 2.000 di calore in un “pozzo freddo”, un fiume, ad esempio.

Dato che una centrale nucleare è un impianto a rischio rilevante, perché contiene molto materiale radioattivo, la “fornace” dove si produce il calore, che si chiama nocciolo, è contenuta entro diversi contenitori di sicurezza, a cipolla, l’ultimo dei quali (il contenitore in cemento) è progettato (la faccio breve) per farsi un baffo dei missili ucraini.

L’acqua che asporta il calore dal nocciolo scorre in un circuito chiuso che è tutto entro il contenitore e scambia calore con un circuito acqua-vapore secondario che fa girare le turbine e produce elettricità.

Il vapore dopo la turbina viene riportato allo stato liquido da un altro scambiatore di calore (“condensatore”) che usa, appunto, l’acqua del fiume per smaltire tutto il calore in eccesso (circuito “terziario” o prese d’acqua, appunto).

E qui casca l’asino. Il condensatore e le prese d’acqua non sono protette dal contenitore di sicurezza, dato che non hanno nulla di radioattivo, sono più o meno opere di ingegneria termoidraulica come per una centrale a carbone.

Ebbene, se tu bombardi quella parte, al reattore manca il “pozzo freddo” e non può più funzionare. Devi spegnerlo: in tutta sicurezza, intatto, ma spento. E addio energia elettrica.

Gli ucraini quello fanno. Può sembrare esagerato, ma non è una azione irresponsabile, in una brutta guerra come questa. Sanno che il reattore è al sicuro, non possono danneggiare i suoi componenti “nucleari” e quindi non c’è alcun pericolo reale di disastro nucleare.

Semplicemente, vogliono che i Russi spengano la centrale, vogliono renderla inabile a produrre energia elettrica, fino a che ce l’hanno a tiro di missile.

Come avrete notato, in questo articolo non si parla di politica, diritti umani, pace. Si chiariscono solo i fatti: in gioco non c’è la possibilità di una nuova Chernobyl, c’è solo riuscire a “fottere” al nemico la più grande centrale elettrica d’Europa.

Capito, Giggino?

Qui di seguito lo schema della centrale. Gli scarabocchi in rosso li ho aggiunti io, per Giggino e tutti i giggini del mondo, che però, per fortuna, non fanno i ministri. Spiegano dove gli ucraini cercano di colpire, e spiegano che, se cadono altrove, i missili alla centrale JE RIMBARZANO.

 

Poi, certo, un impianto nucleare, come anche noi, preferisce non essere in zona di guerra, e potere IN PACE continuare a lavorare in sicurezza. Accogliamo la richiesta di Pace della Centrale di Zapo, cucciolona mansueta ma che ha paura dei botti (sul dare nome e pensieri “autonomi” a un impianto nucleare, sorvolate, è una mia patologia…).

Ed ecco il Piano di Pace di Massimino, ingegnere nucleare.

Io prenderei i governi dei due paesi e li chiuderei entro l’edificio reattore, attorno a un tavolo con vista sul vessel. Pane e acqua, e finché non la smettono con questa FOLLIA, non escono.

Dopo una settimana, se non vanno ancora d’accordo, vado io a sfiatare un po’ di vapore primario radioattivo dal pressurizzatore, così, tanto per metter loro un poco di pepe al culo, come i cardinali nel Conclave.

Sono certo che Zapo sarebbe il luogo dello storico accordo.

E Pace nucleare per tutti!

Legenda

Scheme of typical Pressurized Water Reactor (PWR) (Russian VVER) NPP (courtesy of ROSENERGOATOM): General basic features-1) thermal neutron spectrum; 2) uranium-dioxide (UO 2 ) fuel; 3) fuel enrichment about 4%; 4) indirect cycle with steam generator (also, a pressurizer required (not shown)), i.e., double flow circuit (double loop); 5) Reactor Pressure Vessel (RPV) with vertical fuel rods (elements) assembled in bundle strings cooled with upward flow of light water; 6) reactor coolant and moderator are the same fluid; 7) reactor coolant outlet parameters: Pressure 15-16 MPa (T sat = 342-347°C) and temperatures inlet / outlet 290-325°C; and 8 power cycle-subcritical-pressure regenerative Rankine steam-turbine cycle with steam reheat 5 (working fluid-light water, turbine steam inlet parameters: Saturation pressure of 6-7 MPa and saturation temperature of 276-286°C).

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

15 Commenti


  • Giorgio

    Grazie della spiegazione prof Zucchetti! Ma nessuno ti ha spiegato che il governo degli Ukronazi non può decidere nulla che non sia voluto dai suoi padroni che stanno negli Usa e dalla Nato? I quali vogliono che la guerra continui il più possibile, per arricchirsi, per rendere ancora più serva e irrilevante l’Europa occidentale, per mettere le mani sulla Russia, ecc. ecc.
    Il piano di pace di Massimino non può funzionare purtroppo.


    • Redazione Contropiano

      Ci sembra ovvio, ed anche a Massimino, che quel “piano di pace” è un auspicio dell’intelligenza, non una possibilità in questa realtà di merda…


  • Gianfranco

    Un grazie infinito ai veri cervelli dell’umanità.


  • Giuliana

    “… e tutti i giggini del mondo, che però, per fortuna, non fanno i ministri. Spiegano dove gli ucraini cercano di colpire, e spiegano che, se cadono altrove, i missili alla centrale JE RIMBARZANO.”
    Ecco, io faccio parte della grande informe massa di persone “ignoranti in materia”, ma che vorrebbe capirci qualcosa in più, visto che i giornaloni TV e cartacei stanno molto, molto sul vago. E il vago, si sa, si può manipolare, aggiustare, rinforzare in un senso invece che nell’altro…
    Fortunati i suoi studenti, la materia – mediata dal suo simpatico atteggiamento – je starà certamente + accattivante 😊


  • Rina Vittoria Ridoniidoni

    Penso che i due contendenti, astuti imbecilli, debbano trattare, per interessi personali (di rispetto non solo personale) e per convenienza di accordi politici e anitari. Le popolazioni.in genere formate da persone che altro non desiderano che vivere in pace, lavorando e tirando su famlia come Dio e laBita normale e civile comanda. Il territorio ucraino è già di altri proprietari che se lo sono curato, cosa aspetta il suo “presidente” a togliersi dai coglioni del mondo?


  • Stefano Contartese

    Grande Prof!!


  • GIOVANNI POCCIA

    Per fermare la centrale è sufficiente colpire la sottostazione che è all’aperto (interruttori, trafo compresi quelli di unità,o ancora più economicamente i tralicci dell”alta e altissima tensione che adducono alla centrale. Danni reparabili successivamente che lasciano l’impianto integro nelle sue parti. Certo ci vuole una buona mira a non colpire il contenitore da lontano.


  • Stefano

    fantastico!


  • Riccardo

    Chiarimento assolutamente utile e comprensibile. Certo, ora andrebbe fatto circolare il più possibile perché nessuno e Epiro nessuno, va a leggere un articolo di questo genere di sua iniziativa. Certamente non il “giggino” che ne avrebbe tanto bisogno. Dalla mia cercherò di fare del mio meglio.


  • Guglielmo Cioni

    Grazie Massimino, per il tuo piano di pace, che come sai non puo’ essere attuato, e per tutta la spiegazione che da ingegnere Nucleare (nato morto nel 1987 – l’anno dopo Chernobyl e dopo i referendum) condivido al 100%.
    L’unica cosa di cui ti chiedo conferma è sto fatto che i missili je rimbalzeno. Perchè ai miei tempi si diceva che il sistema di contenimento era progettato per resistere all’impatto di un Boeing 747, ma non si era mai parlato di missili, che oggi sono anche in grado di penetrare in bunker di cemento armato prima di esplodere.
    Con cio’ comunque ribadisco che non ci sarà nessun missile, perchè non conviene a nessuno, nè militarmente, nè tatticamente, nè strategicamente, nè finanziariamente, che poi è l’unica cosa che conta.


  • Salvatore D’Alfonso

    Grazie Professore. Chiaro e inequivocabile.


  • Pasquale

    Come sempre a Sinistra,quella autentica, verità e intelligenza. A destra solo pura e becera propaganda condita con gocce di terrorismo.
    Grazie compagno prof. Zucchetti.


  • Viola Massimo

    Grazie della spiegazione ed anche dello stile ironico e garbato utilizzato per spiegare la complicata materia.
    Premesso che né Ucraini né Russi – anche se non va mai dato nulla per scontato specie la pazzia degli uomini- hanno interesse a crearsi una nube radioattiva in casa, uno o più ‘ tiri imprecisi’ portati con missili perforanti ( mi pare quelli con testate all’uranio impoverito utilizzati per ‘bucare’ le corazze dei carri armati) potrebbero perforare i gusci di protezione del reattore e provocare una potenziale catastrofe? Grazie Professore


  • Giovanni

    Domanda: posso riportare il link dell’articolo sul mio profilo facebook ?
    Grazie
    Giovanni Sala
    Ingegnere


    • Redazione Contropiano

      certamente…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.