Menu

L’autostrada Roma-Latina “riparte” nonostante le sentenze avverse. Sabato conferenza pubblica dei comitati

Mentre continuano gli annunci di ventennale memoria, l’adeguamento in sicurezza di tutta la Via Pontina segna il passo! Perfino i 137 milioni di euro per i lavori sono di “riqualificazione e potenziamento”, sostanzialmente una grande “romanella”. Difatti, non si costruiranno le corsie di sicurezza, nessun intervento per mettere a norma di legge le corsie di camminamento, di sorpasso e gli spartitraffico, nessuna eliminazione degli incroci e inserimenti a raso, le curve dove la visuale libera è precaria!

Nonostante la liquidazione la Spa Autostrade del Lazio, nonostante le sentenze del Consiglio di Stato e dell’Avvocatura dello Stato, Zingaretti a sorpresa ha annunciato la ripartenza dell’iter della Cisterna-Valmontone con un vertice in Prefettura che si terrà il 30 aprile, per stabilire la road map dell’autostrada Roma-Latina con gli espropri che verranno eseguiti entro fine agosto.

Dopo la presa di posizione dell’on. Morassut (V.Capogruppo PD alla Camera) opposta a quella di Zingaretti: “un adeguamento ed una messa in sicurezza della Pontina, per renderla più scorrevole, più veloce ma anche più sicura, con illuminazione e corsie d’emergenza.” Pensavamo di correggere “solo” la sua proposta di dove stornare i fondi stanziati dal Cipe, ovviamente sull’adeguamento in sicurezza della Pontina.

Per questi motivi e per rilanciare le proposte alternative e di buonsenso dei Comitati NOcorridoio/NObretella, abbiamo organizzato una Conferenza Pubblica a Latina presso il Circolo Cittadino in Piazza del Popolo,2

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.