Menu

Ansaldo non deve chiudere!

Solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori di Ansaldo Energia.

L’Unione Popolare esprime incodizionata solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori di Ansaldo Energia a cui è stata comunicato il pre-fallimento dall’amministratore delegato Giuseppe Marino, intenzionato a portare i libri in tribunale, per supposta mancanza di commesse additando la guerra come principale motivo della crisi. I 2400 lavoratori diretti, e circa 400 in subappalto, sono sotto vergognoso attacco di un sistema di politiche industriali fallimentari

che in una fase di crisi socioeconomica inedita per il nostro paese rischia di portare alla chiusura l’azienda e al disastro di migliaia di lavoratori e famiglie, ed un ulteriore impoverimento del tessuto manufatturiero.

Giustamente i lavoratori chiedono le dimissioni dell’amministratore delegato Giuseppe Marino ed un incontro con la Cassa Depositi e Prestiti, e soluzioni concrete a livello occupazionale per il mantenimento della continuità produttiva.

La lotta dei lavoratori dell’Ansaldo è una lotta di tutti e tutte!

Noi stiamo con chi lotta:

lavoro diritti dignità per le classi popolari!

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.