Menu

Il governo sceglie la strada del populismo penale

3347 visualizzazioni

Ci sono poche aggiunte da fare a questo commento, e sono tutte relative alla "filosofia" espressa occasionalmente da Minniti, ma egemone nell'establishment straccione che ci ritroviamo.

E' l'idea che tutto ciò che costituisce un problema – dal barbone al manifestante – va semplicemente negato e nascosto. Eliminato dai centri storici, per il momento, che vanno "valorizzati" come una Disneyland in proporzioni megalomani.

Ma è trasparente il marchingegno che viene messo in azione a partire da questa indecorosa idea di "decoro". Una volta rotta la continuità territoriale delle città – tra una "zona vip" da igienizzare e periferie lasciate a se stesse – nulla più impedisce di spostare a piacimento il confine. Niente, insomma, vieta più di estendere le "zone rosse" fino alla porta di casa di ciascuno.

Non c'è veramente nulla di nuovo, sotto questo cielo piddino. Stabilito il "decoro" come metro di misura, qualsiasi funzionario desideroso di mettersi in mostra per salire più velocemente le scale della carriera, sarà autorizzato a individuare nuove figure meritevoli di venir nascoste sotto il tappeto.

E', al dunque, la "filosofia" che ha portato milioni di esseri umani "poco decorativi" dietro i cancelli con su scritto "Arbeit macht frei"…

Redazione Contropiano

****

Il governo sceglie la strada del populismo penale

Il decreto Minniti, approvato ieri alla Camera e che di qui a breve sarà convertito in legge, propone un’idea di sicurezza secondo cui la marginalità sociale presente nello spazio pubblico deturpa il «decoro», disturba la «quiete pubblica» e attenta alla «moralità».

Di conseguenza, contro elemosinanti, clochard, venditori abusivi e consimili si decide di abbattere una scure di sanzioni molto aspre. Il provvedimento rilancia lo spirito del decreto Maroni del 2008, quando in nome di una guerra senza quartiere ai marginali d’ogni risma si tirarono fuori i sindaci sceriffi. Come già all’epoca, si agisce con decreto, ritenendo che sussistano i requisiti di necessità e urgenza. Al contempo però, con una certa schizofrenia governativa, lo stesso ministro Minniti, rispondendo al question time della Camera, dichiarava ieri un calo del 9,4% dei reati nel corso dell’ultimo anno. Tuttavia, aggiungeva il ministro, la percezione di insicurezza è aumentata. È alla percezione, ovvero alla pancia del paese, che risponde questo decreto. Il governo volta così le spalle al garantismo e prende la strada del populismo penale.

Come già per il decreto Maroni, è verosimile che la Corte Costituzionale dichiari illegittime numerose parti del provvedimento. Alcuni punti sono in effetti particolarmente critici: il potere dei sindaci, benché più contingentato di allora, appare ancora troppo ampio; e il cosiddetto Daspo cittadino prevede disuguaglianze nel trattamento. In sostanza il decreto dice, all’articolo 13, che il questore – il questore, si badi bene, e non il giudice – può vietare l’accesso a una serie di luoghi pubblici a chi negli ultimi tre anni è stato condannato, anche con sentenza non definitiva, per spaccio; e si sa che spaccio è una categoria giuridica che nella realtà comprende molti semplici consumatori.

Qualora questo divieto fosse infranto, si potrebbero comminare multe che vanno dai 10 ai 40mila euro. Poi magari si verrà assolti in terzo grado, ma le sanzioni per essere andati laddove non si poteva e quando non si poteva resteranno sul groppone del malcapitato.


Tutto ciò avviene a pochi giorni di distanza da una sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’uomo, la sentenza Italia c. De Tommaso, che raccomanda al nostro paese di far uso un cauto delle cosiddette misure di prevenzione, essendo queste degli strumenti che limitano la libertà di movimento in assenza di un controllo giurisdizionale. Il governo invece, ne ha allargato il campo d’applicazione.

Il decreto, fra le tante cose, prevede che vengano multati e allontanati anche coloro che impediscono la libera fruizione delle stazioni, ovvero barboni e senzatetto, che proprio nelle stazioni usano chiedere l’elemosina e ripararsi dalle intemperie, poiché lì circola tanta gente e si può racimolare qualche soldo in più. Per questi si prevedono multe dai 100 ai 300 euro, che com’è noto non verranno mai pagate. Laddove poi queste persone non ottemperino all’ordine dell’autorità, come farebbe un barbone cacciato dalla stazione il giorno prima e tornatoci quello dopo, secondo l’articolo 650 del codice penale potrebbero essere portate in carcere.

Sulla scia di una cultura forcaiola propria della Lega, che infatti in commissione ha applaudito il decreto, il governo sembra mandare un messaggio alle forze dell’ordine, incoraggiandole ad adottare un approccio repressivo nei confronti di categorie già vulnerabili, ora anche indesiderabili. Pochi giorni fa l’associazione Antigone ha incontrato nel carcere di Regina Coeli un detenuto ghanese che prima di finire dietro le sbarre dormiva all’addiaccio, anzi sotto il tetto della stazione. Due agenti delle forze dell’ordine sono andati a dirgli di andar via, e di fronte al suo rifiuto hanno buttato la sua coperta nel cestino; coperta che il ragazzo in questione è andato a prendere, e che gli agenti hanno nuovamente buttato via. Fino a quando, alla quarta volta, il ragazzo è stato portato in carcere per resistenza a pubblico ufficiale. Ora, a nostro avviso, l’azione di chi sta al governo, e a volte si dice pure garantista e nemico dei populismi di ogni sorta, dovrebbe essere portatrice di messaggi d’altro tipo, e dar vita a provvedimenti motivati da ben altre urgenze, come ad esempio l’emergenza integrazione.

* Associazione Antigone

da "il manifesto"

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • De Marco

    All'Associazione Antigone

    Il Ministro Minniti, il Ministro Orlando assieme a tutto l'ex-governo Renzi ed all'attuale governo Gentiloni hanno il dovere imprescindibili dare una risposta urgente e dettagliata all'interrogazione parlamentare scritta presentata dall'Onorevole Parentela (1) per quello che riguarda la persecuzioni criminale con la complicità delle autorità italiane del Professore Paolo De Marco. La giustizia è uguale per tutti. Non c'è alternativa alla giustizia. La negazione della giustizia rimane il crimine più grave in assoluto.

    La Redazione di Contropiano porta la gravissima responsabilità di non avere pubblicato la mia lettera aperta e di non avermi neanche contattato.

    Paolo De Marco, ex-professore di Relazioni Internazionali – Economia Politica Internazionale. Cittadino italiano, nato e residente in Italia.

    17 Marzo 2017

    1) 2017-02-16_17_48_14_PARENTELA_PAOLO_9073_85

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *