Menu

Stati Uniti. Il movimento No War convoca una mobilitazione immediata contro la guerra alla Siria

4690 visualizzazioni

 L'amministrazione Trump sta conducendo una nuova guerra di aggressione in Medio Oriente. L'obiettivo questa volta è la Siria. Più di 70 missili da crociera degli Stati Uniti hanno colpito questa notte la Siria.
La Coalizione ANSWER sta invitando le persone e le organizzazioni a mobilitarsi con proteste coordinate a livello nazionale, già da oggi Venerdì alle 17:00 e durante il fine settimana, per chiedere la fine della guerra degli Stati Uniti contro la Siria. Queste proteste si svolgeranno nelle città di tutto il paese, tra cui Washington, alla Casa Bianca.

È interessante notare che nelle ore prima che Trump ordinasse attacchi militari contro la Siria, Hillary Clinton sia emersa di nuovo sotto i riflettori del pubblico per chiedere a Trump di effettuare attacchi militari contro la Siria.

Anche in questo caso, seguendo un copione vero e provato più volte nelle azioni militari imperialiste degli usa contro un governo indipendente Medio Orientale, l’attacco avviene con il pretesto di proteggere i civili dalle armi di distruzione di massa.

L'ipocrisia dei politici e dei media di guerra è stupefacente. Gli Stati Uniti hanno bombardato l'Iraq, lo Yemen e altrove tutti i giorni, uccidendo centinaia di civili a Mosul, in Iraq in un solo attacco. Decine di famiglie, compresi i loro figli, sono stati uccisi dalle bombe americane. I media degli Stati Uniti sono stati praticamente in silenzio su questo crimine.

Nel solo mese di marzo, il Pentagono ha effettuato 70 bombardamenti sullo Yemen, più che in tutto il 2016, e continua a fornire le bombe e bombardieri per la guerra genocida saudita guidata in quel paese.

Ora, il governo degli Stati Uniti sta bombardando il governo laico di Bashar al-Assad nel momento in cui l'esercito nazionale siriano sta sconfiggendo al-Qaeda, il cosiddetto Stato islamico e altre organizzazioni armate terroristiche. Il governo siriano nega di aver usato armi chimiche. Invece di fare prima i bombardamenti e fare domande in seguito, non dovrebbe esserci un'indagine obiettiva sui fatti?

Ancora una volta, il governo degli Stati Uniti descrive i suoi motivi di guerra come umanitaria. Ancora una volta, il governo degli Stati Uniti afferma che il governo preso di mira possiede ed ha usato armi di distruzione di massa, come pretesto per un'altra campagna di bombardamenti.

A questo punto, ogni persona negli Stati Uniti deve presumere che il governo degli Stati Uniti, il Pentagono e la CIA mentono quando cercano di giustificare questa nuova aggressione militare.

Non dimentichiamo che il governo degli Stati Uniti ha insistito di aver dovuto fare la guerra in Iraq per impedire al governo di Saddam Hussein di usare armi di distruzione di massa. Queste armi non esistevano nel 2003. Centinaia di migliaia di iracheni sono morti, decine di migliaia di soldati americani hanno subito lesioni che cambiano la vita o sono stati uccisi, e l'Iraq è stato frammentato, permettendo all’ISIS di imporsi.

Gli attacchi militari di Trump contro la Siria rappresentano un grave pericolo di escalation in un confronto regionale o addirittura mondiale. Il governo siriano, nella sua battaglia contro al-Qaeda, ISIS e altri gruppi armati, ha il sostegno di Russia e Iran.
 

altre info: www.answercoalition.org 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *