Menu

La tracotanza contro la cultura, il pop contro la Storia

Trump minaccia la distruzione di siti culturali in Iran. Cioè, di quella che un tempo era la Persia. Un paese dal passato e dalla storia millenaria. La tracotanza volgare dell’imperialismo statunitense, guerrafondaio, criminale e mafioso – attitudini e qualità tipiche del Capitale Monopolistico Internazionale, ben rappresentato dagli Usa – sta imprimendo il suo marchio di fabbrica della morte in franchising, alla Storia del mondo e dell’umanità. Come l’Isis a Palmira, ma con la tecnologia più moderna.

Vorremmo ricordare a questi mediocri carnefici a stelle e strisce, e al loro solo ultimo rappresentante in ordine di tempo, il patron del gioco d’azzardo di Atlantic City, Donald Trump – ma la Clinton o Obama non avrebbero fatto differenza, se non per i liberal sinistroidi di casa nostra, proni ai desiderata della cupola amerikana o per i radical-chic sedicenti “comunisti”, sempre pronti a formulare corollari di equidistanza da un atto di aggressione e di guerra – vorremmo ricordare agli Usa e a Trump, dicevamo, che la cultura e l’arte persiana e iraniana, sono un vanto e un patrimonio dell’umanità.

Patria di Zarathustra e del primigenio culto dello zoroastrismo, che giunse ad influenzare persino la culla della cultura occidentale. Ovvero la Grecia e, stando ad alcune incerte testimonianze, attribuibili ai suoi discepoli, uno dei massimi filosofi dell’antichità: Platone. In poche parole, quel mondo ellenico grazie al quale esistono, ahinoi, pure gli Stati Uniti. Per non dire dell’ architettura persiana pre islamica – splendidi i palazzi di Serse, di Ciro, di Dario – e, successivamente, islamica. Della scrittura cuneiforme. Dei Caravanserragli. E dei tanti siti considerati patrimonio dell’umanità. A cominciare da Persepoli.

Un paese senza storia, il cui unico, essenziale contributo al cammino della Cultura e dell’Arte umana sono stati il Pop e il Postmodernismo – ovvero la voracità rimasticatrice di ogni forma espressiva e l’inautenticità dello spettacolo elevata ad episteme del nostro tempo – minaccia, dunque, di distruggere la Storia.

Come Talebani della postmodernità.

Basterebbe questo per condannare l’infame aggressione statunitense, senza attardarsi in ipocriti sofismi equidistanti.

Perciò, pur non dimenticando mai il massacro dei comunisti del Tudeh sotto gli ayatollah, oggi siamo con l’Iran. Ossia contro gli Usa e Trump.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

4 Commenti


  • bettino

    Un appunto : non si tratta di Atlanta, ma di Atlantic city


  • Vincenzo

    È vero. Mi scuso per la distrazione


  • Francesco

    Aggiungo che l’antica Roma, la Grecia o la stessa Persia erano società organizzate in forme tali che al confronto l’odierna Europa, l’Iran e persino gli Usa sono il paradiso in terra: all’epoca si praticava la schiavitù di massa, le donne erano poco meno che oggetti, la violenza si manifestava in forme più brutali etc.. Ma non per questo rinneghiamo Socrate, Aristotele, Seneca o Cicerone.


  • Maurizio

    La minaccia di Trump esprime qualcosa di molto grave perchè fa intendere che non si vuole limitare ad ammazzare gli iraniani, ma vuole anche distruggere la loro cultura e gli oggetti che testomoniano la loro memoria storica. Un progetto di annientamento che non è nuovo nella storia e nemmeno in quella degli USA (ricordiamo il Bush che voleva riportare l’Iraq all'”età della pietra”) ma che è di totale, estrema gravità. Che poi distruggere Persepoli o la meravigliosa piazza di Esfahan sia una perdita per tutta l’umanità è un’evidenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *