Menu

La Nato si prende l’Ucraina: al governo banchieri stranieri e marionette Usa

704 visualizzazioni

Scrivevano ieri agenzie di stampa e quotidiani vari che il nuovo governo ucraino, la cui formazione era questione di ore, sarebbe stato filo-occidentale. Ma in realtà sarà occidentale e basta, visto che a governare gli ucraini – almeno quelli che non si sono ribellati armi alla mano dopo il golpe di febbraio – saranno direttamente esponenti stranieri. Alcuni espressione diretta delle potenze occidentali che hanno sostenuto EuroMaidan prima e il regime change poi, altri provenienti da vari paesi dell’ex Urss e marionette di Usa e Nato.
A guardare la nuova lista dei ministri e dei responsabili frutto dell’accordo raggiunto dai cinque partiti di destra ed estrema destra entrati alla Rada grazie alle elezioni del 26 ottobre sembra di trovarsi di fronte una squadra di calcio tanti sono gli stranieri. Alcuni dei quali sono stati scelti per dirigere settori chiave, esplicitando così senza infingimenti la natura eterodiretta di quella che in tanti, in troppi, si ostinano ancora a definire una ‘rivoluzione’.
Ad esempio a capo del ministero delle Finanze ci sarà la statunitense Natalia Jaresko, che ha il ‘pregio’ di essere di origini ucraine, e che è anche amministratore delegato di un fondo di investimenti del gruppo Horizon Capital.
Il Ministero dell’Economia andrà invece a un lituano, il banchiere Aivaras Abromavicius, partner della società di investimenti East Capital, che conosce bene l’Ucraina avendoci lavorato negli ultimi 20 anni dopo aver ricoperto incarichi al Dipartimento di Stato americano. C’è da chiedersi quale sia stato il suo ruolo nel porre le condizioni per il sovvertimento del presidente Yanukovich, a febbraio.
A guidare il dicastero della Sanità andrà invece il georgiano Alexander Kvitashvili, di ferrea osservanza Nato, ex ministro della Salute e del Lavoro nel governo di Tbilisi ai tempi del presidente Mikhail Saakhasvili (oggi sotto processo in patria e rifugiato negli Usa).
Ai tre il presidente Poroshenko, che ha giustificato la novità con la necessità di combattere la corruzione, rimettere in sesto l’economia e difendere il paese “dall’aggressione russa”, ha seduta stante concesso la cittadinanza ucraina, visto che legalmente non è possibile farsi governare da cittadini di un altro paese. Il miliardario ha anche promesso in parlamento un decreto “per concedere la cittadinanza ucraina agli stranieri che combattono” nel sud-est al fianco delle truppe di Kiev contro i miliziani separatisti e “gli aggressori russi”.

Avevamo già fatto notare la stranezza di un panorama politico di destra e presuntamente nazionalista che si fa dettare le condizioni dagli Stati Uniti, dall’Unione Europea, dall’Alleanza Atlantica e dal Fondo Monetario Internazionale. Ma ora si è andati ben oltre l’immaginabile, con l’Ucraina ridotta a colonia amministrata non più attraverso delle “teste di legno” locali, ma direttamente dagli sponsor e dai padrini stranieri del nuovo regime. Banchieri e tecnocrati con un legame evidente con l’Alleanza Atlantica e il dipartimento di Stato di Washington. Non c’è che dire per quella che anche organizzazioni e media di sinistra hanno entusiasticamente descritto come una ‘rivoluzione antioligarchica’.

Incredibilmente, poi, la scelta dei “candidati stranieri” per il nuovo esecutivo ucraino è stata gestita da due società di selezione del personale, naturalmente straniere, la Pedersen & Partners e la Korn Ferry, che hanno trovato 185 potenziali candidati tra gli stranieri presenti a Kiev e tra i membri della comunità ucraina che lavorano all’Estero, in Canada, Stati Uniti e Regno Unito. Dopo i colloqui, i professionisti della selezione hanno ben 24 candidati, alcuni dei quali destinati a guidare alcuni ministeri, altri a gestire il governo come funzionari altamente qualificati (e influenti). Un lavoro di casting da far invidia a ‘X Factor’! Dietro il quale, ci informa un sarcastico Sole 24 Ore, c’è la mano e la supervisione della Fondazione Renaissence, “network globale di consulenza politica” al servizio del miliardario statunitense di origini ungheresi George Soros che avrebbe sborsato, secondo il quotidiano KyvPost, circa 80 mila dollari per finanziare le due società.
Un personaggio che si è spesso vantato di aver alacremente lavorato per buttare giù il precedente governo ucraino che si opponeva alla firma del trattato di associazione con l’Ue e all’avvicinamento alla Nato e che ora esce allo scoperto.

Il passaggio parlamentare non ha rappresentato alcun problema. La Verkhovna Rada ha infatti detto si al nuovo esecutivo con ben 288 voti a favore, 62 più di quelli necessari. Vladymir Groisman, ex ministro dello sviluppo regionale e delfino di Poroshenko è stato nominato presidente del parlamento, terza carica dello Stato. Sono stati anche confermati al loro posto il ministro degli Esteri, Pavlo Klimkin, e il titolare della Difesa, Stepan Poltorakv, entrambi in quota Poroshenko e più vicini agli interessi dell’Unione Europea, che però esce con le ossa rotte da una tale ‘evoluzione’ dell’esecutivo di Kiev, di fatto quasi totalmente in mano al falco filo statunitense Arseni Iatseniuk che ora potrà contare sui nuovi ministri stranieri e sui funzionari che di fatto avranno il ruolo di orientare le scelte di settori e ministeri controllati nominalmente da esponenti di non stretta osservanza Usa.

Yatseniuk verrà sostenuto da un maggioranza parlamentare molto ampia, pari ai due terzi dei seggi necessari per le modifiche costituzionali che il nuovo regime vuole imporre, formata da una coalizione di cinque partiti di destra ed estrema destra: il Blocco Poroshenko, il Fronte Nazionale di Iatseniuk, Samopomich di Andrei Sadovy, il Partito radicale di Oleg Lyashko e Patria di Yulia Tymoshenko. Quanto questa maggioranza sarà solida e quanto gli interessi spesso opposti degli oligarchi e dei capi militari dei battaglioni punitivi di estrema destra riusciranno a convivere lo vedremo nelle prossime settimane.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

2 Commenti


  • Manuel J. Escobar

    La storia ci insegna che non è mai detta l’ultima parola e sebbene Yatseniuk stia ora seduto al posto di guida e con chiare intenzioni di sostituire al vecchio sistema di corruzione ex-sovietico uno nuovo corrotto alla maniera occidentale, non penso che avrà i numeri per il tempo necessario a portare il lavoro a termine. Come nella situazione italiana, in cui non vediamo l’alba per colpa dei tanti galli a cantare, anche loro hanno molte difficoltà a fare due passi di fila nella stessa direzione, molti leader ma scarsamente qualificati per governare. E poi se la Nato è così affamata di nuove terre di conquista, non si comprende come mai l’hanno lasciata completamente sola sul piano militare a gestire l’aggressione russa (non capisco il suo virgolettato quando cita “gli aggressori russi”, la violazione dell’integrità territoriale ucraina è un fatto incontestabile). A parte le sanzioni e qualche consulente sul campo non vedo questo grande coinvolgimento della Nato di cui parla. Visibile almeno.


  • Jack Sparrow

    Manuel J. Escobar se lei non vede il coinvolgimento diretto della NATO nell’affare ucraino è probabile che sia poco informato. Ci sono foto e documenti che testimoniano di come la NATO abbia addestrato in campi polacchi e baltici le milizie coinvolte poi nel golpe ucraino.
    Poi, come in tutte le guerre per procura, esiste un equilibrio per il quale il coinvolgimento diretto è meno visibile, ma ancora ben presente.
    L’aggressione di Putin all’integrità territoriale ucraina è sicuramente un atto di forza dello zar, ma è anche una risposta all’accerchiamento che la NATO porta avanti da almeno 20 anni ai danni della stessa Russia. Purtroppo a farne le spese sono gli ucraini.
    La sua obiezione mi pare abbia il solo scopo di ridimensionare le colpe occidentali e sottolineare invece quelle del mostro russo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *