Menu

Tre anni di “lavoro”, 9,4 milioni di buonuscita. Ottime ragioni per l’odio di classe

65917 visualizzazioni

La notizia è di quelle che farebbero salire il sangue agli occhi anche a un santo. Ammonta infatti a quasi 9,4 milioni di euro l'assegno di buonuscita che riceverà Mauro Moretti da Leonardo, l'azienda del settore aerospaziale di Finmeccanica del quale è stato amministratore delegato per soli tre anni. Il consiglio di amministrazione di Leonardo, nella prima riunione del nuovo cda tenutasi il 16 maggio scorso, "ha verificato la sussistenza dei presupposti per l'attribuzione all'ex amministratore delegato e direttore generale di un'indennità compensativa e risarcitoria pari a 9.262.000 euro oltre alle competenze di fine rapporto e di quanto spettante in relazione ai diritti maturati nell'ambito della partecipazione ai piani di incentivazione a breve e medio-lungo termine, come riportati nella relazione sulla remunerazione della società". A tale indennità, spiega ancora la nota, si aggiunge un importo di 180 mila euro "a fronte di rinunce specifiche effettuate" da Moretti "nell'ambito della risoluzione del rapporto". A Moretti subentra Profumo, anche lui ex presidente dell’Unicredit e persino del Monte dei Paschi di Siena.

Moretti, durante il suo mandato di a.d di Leonardo, è stato condannato a sette anni per la strage di Viareggio, avvenuta quando era amministratore delle Ferrovie dello Stato.

Proprio in questi giorni, il rapporto annuale dell’Istat ha provato a radiografare – con criteri posti sulla graticola da sociologi come Schizzerotto – il boom delle disuguaglianze sociali nel nostro paese. Una forbice cresciuta enormemente in questi ultimi dieci anni e che in larga parte è determinata proprio dalla bassa retribuzione del lavoro. Una condizione che ha portato alla crescita della popolazione che vive in condizione di povertà relativa.

Ma in un paese dove solo le pensioni d’oro non possono essere toccate perché sono un “patto tra stato e cittadini” (criterio non valido invece per quelli massacrati dalla riforma Fornero); dove il tetto alle retribuzioni più ricche viene giudicato un disvalore mentre i tagli a quelle più basse una inevitabile necessità; dove si muore e ci si ammala di più perché non ci sono più i soldi per curarsi, leggere che un pessimo personaggio come Moretti, per soli tre anni di lavoro in una azienda si porti a casa 9,4 milioni di euro di buonuscita, è una notizia che invoca quasi naturalmente quello che Marx prima e il grande Edoardo Sanguineti poi definirono come un giustificato odio di classe. Una categoria della coscienza sociale completamente diversa da quella che gentaccia come Briatore liquida come "invidia". E' qualcosa, anzi molto di più.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

4 Commenti


  • marku

    Nessuno scandalo ai miei occhi

    E' solo il sistema che si autoassolve e si autorigenera

    Nel caso specifico

    il mostro in questione è un miserabilissimo ex sindacalista cgil

    (interroghiamoci quindi su questa istituzione e sul suo ruolo sociale, dai quali provengono i varti bertinotto ed altri fra i più fetidi nemici del popolo attuali)

    Solo una carica rivoluzionaria massimalista potrà spazzare via e far pagare caro

    e tutto

    a questi prodotti dell'iperliberismo globalista delle merci e del merkato

     

     


  • RobyGi

    L'hanno premiato per le armi fornite all'Arabia Saudita e con le quali i tagliatori di teste continuano a massacrare la popolazione yemenita.


  • MARINA

    Ma non era un bravo sindacalista della CGIL?? E allora che classe? Viene forse da una famiglia nobile? Vogliamo parlare della classe dei "magnoni" ?? Non è questione di classe, ma di AFFARISTI, Sanguisughe, trafficoni, affamati di soldi e POTERE…e che si sono accasati dappertutto, anche tra i comunisti ecc.. o ex-tali!!!… Vedi, ad esempio i cari amici…RIFONDAIOLI…DEL CAVOLO!!!


  • Giovanni

    Io ci lavoro in Leonardo. E me ne vergogno. Siamo lì a giustificare lo stipendio (e le buonuscite) dei boiardi.
    Ogni due anni cambiamo nome, forse per non farci riconoscere.
    Partecipiamo a forniture militari verso Israele, Arabia saudita, Emirati, Turchia. Per non parlare di quelle a Pakistan ed India. Avevamo commesse per bombardare la Jamahiriya la settimana prima che il governo Berlusconi appoggiasse l’attacco. Strapaghiamo per acquisire aziendine asfittiche degli amici dei boiardi.
    Insomma, le peggio cose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *