Menu

Romiti r.i.p., ma anche no

Riposi in pace Cesare Romiti, magari accanto ai tanti operai che si suicidarono dopo anni di cassa integrazione e discriminazione.

Se nell’ottobre 1980 avessimo vinto noi e non lui e Agnelli oggi l’Italia sarebbe un paese migliore.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • nico

    hai ragione Giorgio,saremmo stati un paese migliore e chissà che non lo dinenteremo. allora ero un fanciullo e oggi in età matura e senza pretendere di insegnare nulla la responsabilità la porta il PCI il più grande, allora d’occidente il più meschino della terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.