Menu

Militari Usa in azione in Ucraina

In una guerra “per procura”, combattuta attraverso gli ucraini tra due potenze “simmetriche” e dotate di armamenti nucleari, il richio di “incidente” è all’ordine del giorno.

E ogni giorno che passa cade qualche velo sulla realtà delle forze sul terreno. Pur avendo affermato, il presidente Joe Biden, che gli Usa non sarebbero intervenuti con proprie truppe nel conflitto in corso, sempre più funzionari ammettono invece che personale militare statunitense opera in Ucraina al fianco – o meglio alla testa – delle forze militari locali.

A registrarlo e indirettemente a denunciarlo non è qualche oscuro “putiniano”, ma il più noto ed autorevole giornale statunitense, il New York Times.

Buona lettura.

*****

Una rete di commando coordina il flusso di armi in Ucraina, dicono i funzionari

Mentre le truppe russe proseguono la loro campagna di conquista dell’Ucraina orientale, la capacità della nazione di resistere all’assalto dipende più che mai dall’aiuto degli Stati Uniti e dei loro alleati, compresa una rete segreta di commando e spie che si affrettano a fornire armi, intelligence e addestramento, secondo i funzionari statunitensi ed europei.

Gran parte di questo lavoro avviene al di fuori dell’Ucraina, ad esempio nelle basi in Germania, Francia e Gran Bretagna. Ma anche se l’amministrazione Biden ha dichiarato che non dispiegherà truppe americane in Ucraina, alcuni membri della C.I.A. hanno continuato a operare segretamente nel Paese, soprattutto nella capitale Kiev, dirigendo gran parte delle vaste quantità di informazioni che gli Stati Uniti stanno condividendo con le forze ucraine, secondo quanto riferito da funzionari attuali e precedenti.

Allo stesso tempo, alcune decine di commando di altri Paesi della NATO, tra cui Gran Bretagna, Francia, Canada e Lituania, hanno lavorato all’interno dell’Ucraina.

Gli Stati Uniti hanno ritirato i loro 150 istruttori militari prima dell’inizio della guerra, a febbraio, ma i commando di questi alleati sono rimasti o sono entrati e usciti dal Paese da allora, addestrando e consigliando le truppe ucraine e fornendo un canale in loco per armi e altri aiuti, hanno detto tre funzionari statunitensi.

Pochi altri dettagli sono emersi su cosa stiano facendo il personale della C.I.A. o i commando, ma la loro presenza nel Paese – oltre ai membri del personale diplomatico che sono tornati dopo che la Russia ha rinunciato all’assedio di Kiev – lascia intendere la portata dello sforzo segreto di assistenza all’Ucraina in corso e i rischi che Washington e i suoi alleati stanno correndo.

L’Ucraina rimane in inferiorità numerica e sabato le forze russe hanno scatenato una raffica di missili su obiettivi in tutto il Paese, anche in aree del nord e dell’ovest che sono state ampiamente risparmiate nelle ultime settimane.

Il Presidente Biden e i leader alleati dovrebbero discutere di un ulteriore sostegno all’Ucraina durante la riunione del Gruppo dei 7 Paesi industrializzati che inizierà domenica in Germania e durante il vertice della NATO che si terrà in Spagna nel corso della settimana.

Poco dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, a febbraio, il 10° Gruppo di Forze Speciali dell’Esercito, che prima della guerra stava addestrando i commando ucraini in una base nell’ovest del Paese, ha istituito in sordina una cellula di pianificazione della coalizione in Germania per coordinare l’assistenza militare ai commando e alle altre truppe ucraine. La cellula si è ora allargata a 20 nazioni.

Il mese scorso il Segretario dell’Esercito Christine E. Wormuth ha offerto uno sguardo all’operazione, affermando che la cellula per le operazioni speciali ha aiutato a gestire il flusso di armi e attrezzature in Ucraina.

Mentre gli ucraini cercano di spostarsi e di evitare che i russi cerchino di colpire i convogli, noi cerchiamo di aiutare a coordinare lo spostamento di tutti questi diversi tipi di carichi“, ha detto durante un evento sulla sicurezza nazionale organizzato dal Consiglio Atlantico.

Un’altra cosa su cui penso possiamo aiutare“, ha aggiunto, “è l’intelligence su dove possono essere le minacce a quei convogli“.

La cellula, che è stata modellata su una struttura utilizzata in Afghanistan, fa parte di una serie più ampia di cellule di coordinamento operativo e di intelligence gestite dal Comando europeo del Pentagono per accelerare l’assistenza alleata alle truppe ucraine.

Presso la base aerea di Ramstein, in Germania, ad esempio, una squadra dell’aeronautica e della guardia nazionale statunitense chiamata Grey Wolf fornisce supporto, anche in termini di tattiche e tecniche, alle forze aeree ucraine, ha dichiarato un portavoce militare.

* dal New York Times

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.