Menu

La Nato ed il Fondo Monetario alla guida della UE

Ursula Von der Leyen e Christine Lagarde guideranno i più importanti poteri dell’Unione Europea.

La ministra tedesca della difesa è stata una delle artefici della guerra in Ucraina, con il rifornimento di armi alle truppe di Kiev. È una sostenitrice della NATO e del riarmo europeo, con gli USA e per conto proprio.

Per la presidente del Fondo Monetario Internazionale è sufficiente il ruolo svolto, visto che il Fondo è un’agenzia di dominio finanziario che esercita la sua ferocia sui paesi debitori, ne sanno qualcosa in America Latina ed in Grecia.

Queste due rappresentanti pure della élite occidentale conservatrice liberista e guerrafondaia sono state designate all’unanimità alla guida della Commissione UE e della BCE.

Il che vuol dire che i cosiddetti sovranisti, italiani compresi, sono buffoncelli duri coi migranti e servi dei poteri europei che contano davvero. Che i governi di centrosinistra, da quello spagnolo a quello greco, sono anche essi dentro il gioco. E che la UE è sempre più un partito-stato, dove la destra conservatrice si fa le regole e se le gestisce, mentre tutti gli altri sono solo comprimari.

Non si può essere contro l’austerità, per l’eguaglianza sociale e per la pace, e non volere la rottura della UE, oggi ancor più chiaramente governata dalla NATO e dal FMI.

Neppure nelle pagine di Lenin sull’imperialismo troviamo la descrizione di un potere così sfacciatamente guidato dalla finanza e dal complesso militare industriale, come la nuova Unione Europea. Essere contro di essa è quanto di più giusto e di sinistra oggi si possa fare.

PS. Salvini, che blaterava di una “nuova Europa”, dovrebbe chiedere asilo alla Seawatch…

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.