Menu

Socialismo o barbarie, secondo Papa Francesco

Ho seguito senza perdere un parola l’intervista di Papa Francesco a Che tempo che fa.

Sono ateo, ma quando ho sentito il Papa definire putretudine il clericalismo, ho provato un senso di liberazione, perché questa sua affermazione non tocca solo i credenti, ma tutti noi.

Il clericalismo in Italia è sempre stato un blocco politico e di potere reazionario, che ha profondamente condizionato nel male la vita del paese. Anche oggi il clericalismo è la bandiera delle destre peggiori.

Di Papi clericali ce ne sono stati tanti, ma un pontefice che condannasse il clericalismo chiamandolo con il suo nome non lo ricordo.

Papa Francesco ha deciso di aprire l’intervista a Fabio Fazio parlando dei venti di guerra che attraversano l’Europa, ma non ha usato le parole neutre ed in fondo complici di Mattarella. Egli non solo ha detto no alla guerra, ma ha parlato delle armi e del commercio degli strumenti di morte. Basterebbe un anno di spesa militare per sfamare il mondo, ha detto.

“Chiudete gli arsenali ed aprite i granai”, disse Pertini, riprendendo una parola d’ordine dei socialisti radicali del primo novecento.

L’accoglienza ai migranti è un obbligo morale e sociale anche per le guerre infami da cui essi fuggono e quello che l’Europa fa contro di essi è criminale. Le parole del Papa contro i lager dove i migranti sono rinchiusi per conto della Unione Europea, quelle parole, sono le nostre.

Così come nostre sono le sue parole sulla crisi climatica, che per lui come per noi è strettamente connessa alla questione sociale, alle terribili ingiustizie della mondo, che nessun greenwashing capitalista e multinazionale potrà mai minimamente risolvere.

Bisogna partire dalle persone, da quelle che soffrono, da quelle sfruttate e oppresse; non so se quando il Papa parla di esse intenda la stesso idea di riscatto che abbiamo noi che vogliamo il socialismo, ma so che quello che afferma non è estraneo alla lotta per rovesciare questa devastante società del profitto.

Certo, con questo Pontefice non siamo d’accordo sull’aborto e su altri temi di fondo delle libertà civili, e se Fabio Fazio avesse avuto il coraggio di porre una domanda su questi temi sarebbe stato meglio, anche per il valore dell’intervista.

Ma resta il fatto che le semplici e umanissime parole di Papa Francesco sono un formidabile sostegno a chi non ha rinunciato, anche in queste nostre ricche e ingiuste società occidentali, a lottare per l’eguaglianza e la giustizia, anche quella verso la natura.

Marx diceva che gli esseri umani si pongono i problemi quando possono pensare di risolverli. Ecco, io che non credo nella Provvidenza penso che il fatto che le parole del capo della Chiesa cattolica portino tutte alla necessità del cambiamento della società sia il segno che questo cambiamento non solo è necessario, ma è possibile.

Socialismo o barbarie, grazie Papa Francesco.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

7 Commenti


  • franco

    Ah sì? e perchè non toglie la scomunica ai comunisti e non la commina ai guerrafondai, alle multinazionali che aprono e chiudono siti produttivi quando e come vogliono gettando sul lastrico i lavoratori, agli sfruttatori di migranti e non ecc, ecc.?


  • Pasquale

    Risentirà per alcuni aspetti dell’influenza della cosiddetta teologia della liberazione predicata in America Latina dove la chiesa pone la liberazione comunicata da Cristo sicuramente nello spirito, ma soprattutto nell azione sociale e politica.


  • pantera

    Mai sarò d’accordo con un prete, papa, monica o pressapoci. Saranno sempre una gran massa di *** per conto mio. Questo poi è gesuita, un ipocrita per definizione, e la sua collaborazione con Videla storicamente accertata, Con le parole il prete fa presa sempre sui più ‘simplici ingegni’, ha una assiduità al Potere millenaria e sa che per continuare a lucrare sull’ignoranza umana deve adeguarsi al vento che sta cambiando. Il capitaliberismo è diventato suo nemico, il Potere finanziario non ha più bisogno della sua funzione di puntello, il Potere ha oggi altri strumenti per annichilire il dissenso e il senso critico, possiede media e socialmedia molto più economici ed efficaci di un predicozzo pretesco. Non avrà più denaro da quella parte e senza denaro si estinguerà. Per questo attacca quello che ora è diventato suo nemico da che era il suo principale se non unico sostentamento. Hypocrisy is oftenest clothed in the garb of religion.


  • Redazione Contropiano

    RISPOSTA COLLETTIVA
    Ricordo che uno dei testi guida del 1968, per altro ancora attualissimo, fu Lettera ad una professoressa di Don Lorenzo Milani, che Papa Francesco ha recentemente ricordato.
    Poi che la Chiesa sia una istituzione del potere da secoli, che non si diventi Pontefice senza essere parte di quel sistema di potere, mi pare persino ovvio. Tuttavia saremmo ottusi se non vedessimo lo scontro in atto al suo interno, tra il mondo di Ratzinger e quello di Papa Francesco, con tante chiese ufficiali, penso a quelle dell’America Latina, che in gran parte sperano solo che questo Papa lasci il campo per tornare indisturbate alla politica reazionaria di Woitila ..
    Mi pare importante che in questa epoca di capitalismo fallito eppur trionfante ci sia un Papa che, ovviamente dal suo punto di vista, alimenti la critica al sistema sociale. Sta poi a noi comunisti lottare perché le cose cambino.
    Infine è evidente che le posizioni del Papa sul l’aborto sono un macigno, l’ho ricordato nel testo, ed è ovvio che sarebbero una discriminante nella politica, non ho mai detto che lo vorrei Presidente della Repubblica.. ma saper cogliere ciò che può aiutare chi lotta contro le ingiustizie nel mondo per me è importante, e inviterei quelle compagne e quei compagni che lanciano anatemi di essere meno rancorosi e acidi, il comunismo è anche gioia diceva Mao, non l’acrimonia di chi pensa che sia tutto sbagliato e che solo lui abbia ragione.
    Giorgio Cremaschi


  • Alida Vilardi

    sono d’accordo con Cremaschi su alcuni punti condivisibili con papa Francesco l’anticlericalismo denunciato con chiarezza,la oersona al centro contro ogni tipo di sfruttamento,la consapevolezza ecologista e la ferma condanna della guerra con riferimento all’economia delle armi…..sentire queste parole in una intervista che milioni di cittadini e soprattutto giovani possono udire mi sembra davvero una azione di grande efficacia


  • giancarlo+staffolani

    Ben vengano le contraddizione in seno al nemico di cui il papa è parte, ma senza lasciarsi andare ad elogi entusiasti, Quanto all’efficacia mediatica di certe esternazioni non bisogna illudersi, il potere del capitale oggi è in grado di digerire tutto in poco tempo come acqua fresca. Il richiamo a Mao è quindi del tutto improprio. Il solo metodo efficace per sfruttare le contraddizioni è quello di togliere al sistema il terreno sotto i piedi con la critica di classe ed il radicamento sociale paziente e solido, solo scavando nel reale con una “rete di quadri” maturerà il conflitto duraturo fino ad avere riflesso anche sui “grandi media”. Oggi queste condizioni non ci sono e quindi lavorare per generarle diventa il compito principale.


  • pantera

    Acrimonia, rancore, acidità ,,, parole che ho già sentito pronunciate in difesa retorica da quei neri che si difendono da chi gli chiede conto di quei dieci mld di euro pubblici che si mangiano a sbafo ogni anno.
    Dieci mld … quando per aumentare gli stipendi da pezzente si elemosina un mld e nemmeno lo si ottiene dal padrone.
    Ma non voglio far qui polemica, e non sono nemmeno deluso da Cremaschi che fino a ieri stimavo e apprezzavo, mi sento soltanto vecchio e stanco.
    Certo questo non è più il mio mondo tanto mi fa ribrezzo essere governato da preti e loro sottoposti in finanza.
    Italia divisa est in partes tres ,,, parafrasando un tizio: al nord padroncini del fascio, al centro preti, al sud la mafia, chi vuole il Potere in questo paese deve per forza fare i conti e scendere a patti con questi.
    Per conto mio varrà sempre la massima nessun Potere è meglio di nessun Potere.
    Vale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.