Menu

Renzi ed il Pd nemici dei lavoratori

La Corte Costituzionale ha condannato le norme del Jobs Act sui licenziamenti, affermando che non tutelano i lavoratori e chiedendo al Parlamento di cambiare la legge.

Noi lo abbiamo sempre saputo e detto, ora è confermato anche sul piano giuridico: il Jobs Act è stata un vergognoso atto a favore dei peggiori padroni e contro i diritti civili e umani dei lavoratori.

Quando vi parlano di “destra” e “sinistra” ricordate che è profondamente di destra colpire le libertà e la dignità di chi lavora, come ha fatto il Jobs Act.

E’ quello che hanno fatto Renzi ed il PD, autentici nemici dei lavoratori.

Ora non fatevi incantare da fumi elettorali: il PD vuole l’”agenda Draghi”, nella quale il Jobs Act continua a prosperare e a far danni a chi lavora.

Bisogna invece abolire questa legge iniqua, ripristinare l’articolo 18 contro i licenziamenti, cancellare i contratti precari e schiavisti, istituire il salario minimo ad almeno 10 euro all’ora.

Basta con tutti coloro che chiedono il voto ai lavoratori per poi venderli allo sfruttamento.

Qui informazioni sul salario minimo

https://poterealpopolo.org/salario-minimo-almeno-10/

Qui per aderire

https://www.change.org/p/almeno-10-una-legge-per-il-salario-minimo-in-italia

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

3 Commenti


  • Luca

    io voterò per voi solo se vi presenterente in coalizione con Fratoianni, Di Battista e Conte, che sono gli unici che vogliono il salario minimo


  • Pasquale

    Bisogna trovare metodi e modi per farlo capire a tutti. Assolutamente a tutti. La vera Sinistra, attualmente, non siede in parlamento. La Sinistra autentica la trovi tra la gente per ascoltare e condividere problemi e paure. Se a queste elezioni non si riuscirà a costruire valide alternative a tutta la brodaglia che si vede in giro, l’unica strada per il futuro sarà la Rivoluzione proletaria.
    Hasta la Victoria


  • Rosspo

    No a fratoianni, conte e di Battista UNIONE POPOLARE non si allea coi compromissivi e i populisti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.