Menu

Occupy Bologna: ‘Contesteremo Napolitano’

‘Occupy Unibo’, la sigla che raccoglie alcune sigle dei cosiddetti ‘indignati’ bolognesi attivi nelle locali facoltà, ha annunciato una contestazione al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano quando, il prossimo 30 gennaio, sarà in visita a Bologna per ricevere una laurea honoris causa in relazioni internazionali.
«Pensiamo sia un affronto – annunciano gli studenti – che l’Ateneo voglia concedere un titolo di questo genere ad una persona che lungi dal ruolo superpartes che impersonifica, è direttamente responsabile della consegna del potere del nostro paese alle banche e alla finanza internazionale. Per non parlare del suo ruolo decisivo nella partecipazione del nostro Paese alla guerra di Libia, della firma da lui apposta a tutte le peggiori leggi del Governo Berlusconi, come la legge Gelmini o il lodo Alfano, del fatto che abbia istituito lui per primo i Cpt simbolo di quel razzismo istituzionale che ghettizza il migrante e lo rende vittima, in ultima istanza, di tragedie come quella di Firenze». ‘Occupy Unibo’ annuncia, quindi, che gli studenti non permetteranno «a Napolitano una passerella, ma anzi consegneremo a lui la laurea della crisi, del debito, della precarietà. Ci vediamo il 30 gennaio»

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • CARLA

    Buonasera. Avete fatto TROPPO BENE a contestare il nostro “presidente” . Se sapeste come sia veramente il nostro “garante” che si commuove fino alle lacrime per l’Olocausto”. Ho perso mia madre per un intervento do sostituzione di valvola presso ospedale molto potente. Le hanno provocato un infarto pinzandole una coronaria e tenendomelo nascosto. Ho continuato a lottare chiedendo ad un mio conoscente al ministero della salute una verifica delle circostanze. Dopo 2 anni son ostata convocata e di fronte a testimoni mi hanno parlato anche di una possibile trasfusione sbagliata, provata anche da un documento lasciato inavvertitamente. Poi si e’ reso irreperibile! Ho presentato denuncia e non sono MAI stata convocata ne’ io ne’ la persona che era con me , tutto archiviato a fronte di una perizia di ben 7 parole, che non SPIEGA ASSOLUTAMENTE a cosa fossero dovute 40 sacche di sangue (5 volte la quantita’ normale).
    HHo trovato IO il documento di cui m iaveva parlato il responsabile per la vigilanza e che il magistrato non aveva individuato , mi sn opposta all’archiviazione , opposizione richiesta perche’ il documento non e’ stato consdierato rilevante.. Ho continuato a lottare con tutte le mie forze e tramite un mio conoscente sono riuscita ad ottenere che fosse richiesta una valutazione al Csm dell’operato del magistrato 5 ANNI FA. Ancora aspetto di conoscere la valutazione , che e’ avvenuta dopo quasi 3 ANNI , dicosi 3 ANNI, quando a volte sn state sufficienti poche settimane per una valutazione, dopo 5 ANNI E DOPO AVER SUPPLICATO , IMPLORATO, PREGATO ,ancora non so cosa abbia deciso il Csm. Ho scritto centinaia di lettere all’ufficio del presidente Napolitano, ch del Csm e’ il capo, pregando per pieta’ di poterla conoscere, non ho avuto alcuna risposta, pur sapendo che avevo perso mio padre, invalido per servizio , a poco piu’ di 2o anni dopo 10 anni di malattia e avevo subito diversi aborti spontanei senza poter avere figli. E poi questa vicenda terribile… Avevo implorato anche quando mio suocero ha perso la vita per un infarto, in mezzo alal strada, e soffriva molto vedendo come stessi male per questa vicenda… Sono persone senza CUORE, ve lo posso assicurare, , questa storia mi ha distrutta , ho le prove di quanto affermo e se MI POTESTE DARE SUGGERIMENTI DI BLOG, INDIRIZZI DI GRUPPI DI INDIGNADOS e SIMILI VE NE SAREI eternamente GRATA. Moriro’ per la disperazione ma queste “persone” devono essere conosciute per come realmente siano..Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.