Menu

Roma. Blitz nelle sedi aziende municipalizzate

I movimenti sociali della Capitale hanno occupato questa mattina contemporaneamente le sedi di Acea a piazzale Ostiense, Atac a piazzale degli Archivi e Ama a via Capo d’Africa, ossia delle aziende municipalizzate che dovranno essere privatizzare in base al decreto del governo Monti sulle liberalizzazioni. “Siamo cittadini e movimenti che oggi, nelle sedi delle tre più importanti aziende che gestiscono i servizi pubblici locali della nostra città, vogliono far sentire la loro voce – scrivono in un comunicato – Ama, Atac e Acea sono le nostre tre AAA, quelle che le agenzie di rating ci vogliono togliere e che noi siamo qui, in maniera pubblica, a difendere, per migliorarle e reimmaginarle, in un modo completamente opposto a quello che ci viene imposto dalle misure di questo e del precedente governo”.”La gestione del ciclo dei rifiuti, del trasporto, dell’acqua e dell’energia – proseguono – appartengono alla categoria dei beni comuni e  come tali devono essere governati. La gestione di tali risorse ha implicazioni concrete sulla nostra vita quotidiana, non può rispondere alla logica del profitto e del mercato, ma deve essere interamente immaginata nell’ottica del miglioramento della qualità della vita della città intera. Noi vogliamo una città diversa che sappia lavorare alla drastica riduzione dei rifiuti, che sappia promuovere un sistema capillare di raccolta differenziata da opporre alla costruzione di nuovi inceneritori e all’apertura di nuove discariche. Abbiamo bisogno di una città in cui il trasporto pubblico sia gestito con l’obiettivo di diminuire le automobili in circolazione e quindi dei livelli di smog e inquinamento. Vogliamo che l’acqua sia gestita come 27 milioni di persone hanno chiesto nel referendum di giugno”.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.