Menu

Roma. La Coop. Ed. Lega San Paolo sfratta 14 famiglie che hanno già pagato la loro casa

14 inquilini del Piano di Zona di Tor Vergata sotto sfratto dalla Cooperativa, nonostante abbiano versato l’intero importo per l’’acquisto degli alloggi. L’ASIA-USB ha scritto al Prefetto e ha organizzato un presidio degli inquilini resistenti!

Domani 20 ottobre dalle ore 8,30 l’Ufficiale giudiziario, che ha richiesto l’intervento della forza pubblica, si recherà in via Marcello Gallian 20, a Tor Vergata, per eseguire lo sfratto di una delle 14 famiglie che sono vittime di un assurdo provvedimento di rilascio degli immobili: una sentenza esecutiva nonostante abbiano già pagato l’intero importo per l’acquisto della proprietà della casa.
Le famiglie in questione dimorano in un immobile costruito nel P.D.Z. D3-Ter di Tor Vergata dalla Cooperativa Ed. Lega San Paolo Auto. La Cooperativa è concessionaria del diritto di superficie del suddetto P.D.Z. a seguito di stipulazione con il Comune di Roma di apposita convenzione. Onde realizzare il programma costruttivo previsto, la Cooperativa ha ottenuto un contributo pubblico che, per la disciplina vigente e per gli atti stipulati con il Comune di Roma, avrebbe dovuto essere scomputato dal prezzo massimo di cessione degli immobili costruiti. Al fine di divenire soci e di prenotare l’alloggio gli stessi hanno versato tra i 159.000 euro e i 250.000 euro ciascuno impegnandosi a corrispondere le rate del mutuo acceso per la restante parte del valore dell’immobile al fine di divenirne proprietari. 
Come sicuramente è ormai a tutti noto, i prezzi di cessione degli alloggi di edilizia agevolata a Roma sono stati molto più alti rispetto a quello che la normativa prevedeva, e viste le somme che hanno versato alla Cooperativa edilizia, il prezzo degli immobile è stato già interamente pagato. Eppure gli inquilini sono stati estromessi da soci della Cooperativa, ma per giunta sono stati condannati a rilasciare gli immobili in questione con procedura esecutiva di rilascio dell’immobile!
Tutto ciò accade nell’inerzia del Comune e della Regione che per legge sono gli enti preposti ad un controllo amministrativo e di legalità sulla gestione degli alloggi realizzati nei Piani di Zona di edilizia agevolata, che invece vede continuamente danneggiati gli inquilini. 
L’ASIA-USB il 1° ottobre ha scritto al Prefetto di Roma per chiedere un intervento per il blocco dello sfratto di Tor Vergata, non abbiamo ricevuto riscontri positivi, quindi ha organizzato per domani mattina un presidio degli inquilini resistenti in via Marcello Gallian 20 a Tor Vergata.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.