Menu

Niscemi. Migliaia contro il Muos. Blitz nella base

Cinquemila persone arrivate a Niscemi dalla Sicilia e non solo per dire no al Muos, scontri fra attivisti e polizia, un finanziere contuso, un bengala lanciato all’indirizzo di un elicottero della polizia e alla fine una tregua “armata” fra manifestanti e forze dell’ordine, con l’occupazione della base e la discesa dei contestatori che ieri erano saliti per protesta su alcune delle 46 antenne.

È questo il bilancio della manifestazione contro il sistema satellitare di difesa Usa, che si è svolta oggi a Niscemi. Fra i manifestanti c’erano militanti, cittadini, mamme e bambini schierati contro il sistema satellitare di difesa Usa i cui lavori potrebbero presto essere completati dopo il dietrofront della Regione e del governatore Crocetta. In testa al corteo, lo striscione “Fermarlo è possibile. Fermarlo tocca a noi”.

Una volta arrivati nei pressi della struttura, diversi attivisti avevano tentato di forzare il blocco, con l’intenzione di occupare la base. Il clima si è subito surriscaldato e sono iniziati gli scontri. Alcuni sono riusciti con una corda a buttare giù la rete che delimita l’area militare, mentre le forze dell’ordine in assetto antisommossa tentavano di respingerli.

Durante gli scontri tra attivisti No Muos e forze dell’ordine, un finanziere è rimasto lievemente contuso: colpito alle gambe, le sue condizioni non sarebbero gravi. Un bengala, poi, è stato lanciato contro un elicottero della polizia che sorvolava l’area per riprendere le scene e individuare i manifestanti.

Alla fine i militanti no-Muos hanno invaso e occupato la base e i dieci che da ieri occupavano le 4 antenne, sono scesi, sospendendo la protesta.

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa
Argomenti:

1 Commento


  • Daniele

    Ritengo che la disperazione del governicchio ora in carica contro le libere manifestazioni popolari aumenterà a dismisura da settembre in poi; non so se schiereranno l’esercito o cosa, non credo in un’edizione rinnovata di Genova 2001, almeno lo spero, ma ci sarà da divertirsi in autunno, poi chi ha la testa più dura l’avrà vinta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.