Menu

Ecuador. La valigia dell’ambasciatrice USA

Il governo dell’Ecuador ha dichiarato “persona non gradita” Heather Hodges
attuale ambasciatrice degli USA a Quito e ne ha ordinato l’espulsione. Gli
Stati Uniti come rivalsa hanno ordinato l’espulsione dell’ambasciatore
ecuadoreno a Washington Luis Gallegos. “Questa ultimo incidente porta allo
scoperto la lunga catena deglle ingerenze statunitensi negli affari interni
del paese, interferenze che sono continuate” srive oggi l’agenzia stampa
Alai/Amlatina. La decisione dell’Ecuador deriva dalle rivelazioni di un
cablo dell’ambasciata USA a Quito reso pubblicato da Wikileaks (il documento
ufficiale statunitense è del 10 luglio 2009) e reso noto dal quotidiano
spagnolo El Pais. Nel cablo, l’ambasciatrice statunitense Hodges descrive
alcuni episodi di corruzione nella Polizia Nazionale guidata dal gen.Jaime
Hurtado, un ufficiale nominato dal presidente Correa, il quale – secondo
l’ambasciatrice – non poteva non sapere del coinvolgimento del gen. Hurtado
nei casi di corruzione e che lo aveva nominato sapendo dei suoi scheletri
nell’armadio per poterlo così ricatatre e manipolare. Le autorità
dell’Ecuador, attraverso il cancelliere Ricardo Patino, hanno chiesto
ufficialmente spiegazioni all’ambasciatrice statunitense, ricevendo però
come unica risposta che “si tratta di documenti rubati e sui quali non c’è
alcuna dichiarazione da fare”. Secondo Patino, il problema non riguarda le
informazioni sulla corruzione della polizia ma la diffusione di notizie
false. Infatti il gen. Hurtado non era stato nominato dal presidente Correa
per poterlo manipolare. Non solo. In una intervista collettiva al
Coordinamento delle Radio Popolari (Corape). il Presidente Correa ha
dichiarato che “non vi è alcun dubbio che ci sia corruzione nella Polizia
Nazionale e la dimostrazione è stato proprio il tentato colpo di stato del
30 settembre scorso, ma non si può permettere che l’ambasciatrice Usa abbia
relazioni dirette e informazioni dettagliate da dentro la Polizia Nazionale
ecuadoriana”.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • Davide Bonlivar

    fuera los yankys de America Latina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.