Menu

Saud-Usa, una passione smorzata

Voltano le spalle agli obiettivi dei fotografi gli emiri delle petromonarchie, ma le girano principalmente a Obama, un presidente considerato ormai ben poco amico. Di fatto nel giro d’incontri avviato ieri alla Casa Bianca il re dei re della dinastìa Saud, Salman, non s’è presentato. Impegnato in affari interni che hanno un sapore internazionale, perché, come dichiarano svariate agenzie, il sovrano dell’Arabia sta pianificando le prossime strategie d’attacco ai ribelli Houti, nello Yemen. Uno sviluppo dell’ulteriore crisi che infiamma il Medioriente ma in una latitudine ben vicina  alla penisola arabica. Quel che non piace a re Salman – e agli amici-alleati di Emirati Arabi Uniti, Oman e Bahrein – è la politica della mano tesa che il primo cittadino statunitense ha avviato con l’omologo Rohani. L’Iran è il grande competitore nella regione ai disegni che la dinastia di Riyad persegue da decenni, e la monarchia è a suo agio nei panni del controllore del mondo arabo e delle riserve energetiche.

Un binomio d’intenti che ha condiviso con la politica estera americana nell’area, dove ciascuno ricavava vantaggi e compenetrava l’altrui interesse. Non importa se in fatto di diritti umani e fondamentalismo diffuso la nazione saudita incarna quanto di più estremo e destabilizzante il mondo conosca. Eppure da qualche tempo il mutuo soccorso fra Washington e Riyad appare incrinato, e i forfeit di queste ore lo dimostrano. Responsabili le differenti visioni sull’alito delle ‘Primavere’ represse nel sangue o comunque bypassate in ogni nazione mediorientale e gli ‘stop and go’ di Obama in fatto di azioni di apertamente militari. Da lui  non sono benviste le operazioni della Confederazione del Golfo in terra yemenita, e se aviatori americani e sauditi cooperano per combattere lo Stato Islamico, Riyad continua a richiedere maggiori azioni di forza contro Asad che, invece, lasciano Obama riluttante.

Fino a qualche tempo fa ogni presidente statunitense guardava oltre le questioni sociopolitiche del grande Stato del Golfo perché tutto era misurato col metro dei barili di petrolio; che continuano a rappresentare un fattore determinante ma ora non indispensabile. Almeno per le nuove prospettive energetiche americane. Esse non riguardano esclusivamente la frontiera estrattiva dello shale gas, che mostra gli States in cima a qualsiasi campagna grazie alle nuove riserve di scisti bituminosi scoperti in alcuni Stati confederali (Nord Dakota) e in Alaska, seppure in barba alle contraddittorie conseguenze e ai pericoli che il metodo impone al geosistema. Già da un paio d’anni esperti di settore come l’International Energy Agency sottolineano le potenzialità americane legate alla citata di estrazione, fra un quinquennio gli Usa potrebbero contendere la leadership alla stessa Arabia Saudita che non sarebbe più una nazione chiave, ma un competitore. Il mercato fa fluttuare simpatie e odi, vedremo se le diplomazie in smoking e djellabah continueranno a frequentarsi.  

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.