Menu

Sudan: tra rivoluzione e contro-rivoluzione nel mondo multipolare

Dopo lo sgombero violentissimo del sit-in di fronte al quartier generale dell’esercito, lunedì della scorsa settimana – il 3 giugno – e le azioni di repressione similare avvenute in tutto il territorio sudanese, la spina dorsale dell’opposizione – l’SPA – che raggruppa differenti settori sociali aveva chiamato la sera stessa alla “disobbedienza civile totale” che è durata 3 giorni, iniziando domenica scorsa e terminata questo martedì, e sospendendo ogni rapporto con quella che ha chiamato “giunta”.

Questa forma di protesta – successiva ai due giorni di sciopero generale politico nella settimana che aveva proceduto lo sgombero – ha paralizzato nuovamente il paese, rendendo deserte le strade e chiuse le attività economiche, mentre le strade erano in una specie di stato d’assedio da parte delle ex-milizie janjaweed, divenute successivamente RSF durante gli anni di Omar Bashir ed incorporate nella struttura dei temibili “servizi di sicurezza” del regime.

Va ricordato che l’Egitto si è offerto di fornire proprio personale per sostituire i lavoratori rimasti a casa nel settore aereo-portuale e dell’energia elettrica, in una forma di “ingerenza” sugli affari interni di uno stato “sovrano” che ha pochi precedenti.

Questa “milizia”, cioè le RSA – i cui membri sono originari di tribù arabe delle regioni rurali talvolta provenienti da fuori del paese – ha avuto un ruolo particolarmente importante nella storia del Sudan contemporaneo, perché è stata usata come “forza contro-insurrezionale” durante la crisi in Darfur dal decennio scorso ed ha esercitato il terrore sulla popolazione locale; poi è stata utilizzata come una sorta di polizia di frontiera per il controllo dei flussi migratori, con il benestare e l’appoggio economico della UE, che ha fatto del paese africano. durante l’era Al-Bashir, uno dei pivot del contenimento dell’immigrazione fuori dai confini continentali con il cosiddetto “processo di Khartoum” e il progetto “ROCK” (Regional Operational Centre in Khartoum).

Vediamo nel dettaglio.

L’Action Plan stabilito a La Valletta nel novembre del 2015, durante l’incontro euro-africano, mette nero su bianco tale strategia, ed è attuato attraverso la “UE-Horn of Africa Migration Initiative”, meglio conosciuta come “il processo di Khartoum”, lanciato nell’ottobre del 2014 come forum per il dialogo politico e la cooperazione tra gli stati membri della UE e alcuni stati africani del “Corno d’Africa” e dell’oriente africano. Una iniziativa di una Commissione Europea che si occupa di immigrazione (DG HOME) e dell’Italia.

In effetti si tratta però della cooptazione di alcuni paesi africani nella propria strategia neo-coloniale, per i propri interessi.

I finanziamenti per il Sudan ammontavano a 215 milioni di euro, nell’sprile 2017.

È stato il numero 2 dell’attuale autorità militare transitoria, il leader della RSF Mohamed Hamdan, conosciuto anche come “Hemetti”, ad aver dichiarato ad Al Jazeera: “Una volta che abbiamo finito di occuparci della ribellione nel Kordofan del Sud, nel Nilo Blu e nel Darfur, ci siamo rivolti immediatamente al deserto del Sahara, in special modo dopo le direttive impartite dal presidente della repubblica per combattere l’immigrazione illegale”.

Da forza “contro-insurrezionale” a gestrice dei flussi migratori, ovviamente utilizzando i metodi mutuati dalla precedente esperienza maturata sul campo.

Sebbene puntuali denunce abbiano costretto a far negare che la UE che finanziasse direttamente o indirettamente le RSF, l’evidenza dovuta alla loro incorporazione nei propri corpi di sicurezza e le parole sempre di “Hemmeti” smentiscono tali affermazioni.

Nell’aprile del 2018, poco più di un anno fa, quindi, “Hemmeti” dichiarava candidamente: “facciamo il lavoro al posto della UE”, e minacciava costantemente di “togliere il tappo” qualora i soldi non fossero continuati ad affluire nelle loro tasche.

Bisogna ricordare che la pratica “predatoria” nei confronti delle popolazioni che doveva reprimere, e il business aurifero, sono altre fonti di finanziamento di queste “milizie”.

Nell’opacità, che rende impossibile il check della destinazione finale dei fondi, oltre che allo strapotere di cui godevano, è facile ipotizzare che ne fossero i principali beneficiari.

Il ROCK prevedeva la cooperazione delle polizie di differenti paesi della UE (tra cui UK, Francia e Italia), mentre gli ufficiali sudanesi prendevano le proprie informazioni proprio dai temuti e famigerati “servizi di sicurezza” – i NISS – così come dagli RSF stessi. Ragion per cui un progetto di cooperazione di intelligence, di scambio e condivisione di informazioni su temi legati al traffico di persone e la criminalità internazionale, comprendeva apparati di potere usati come cani da guardia del regime, conosciuti per l’uso sistematico della tortura e la carcerazione dei dissidenti.

La polizia tedesca, in particolare, era incaricata di fornire materiale ed addestramento a chi di fatto rappresentava l’assicurazione sulla vita, nonché la maggiore fonte di spesa, del regime, tra l’altro condividendo le informazioni di Frontex e dell’Interpol.

Grazie l’upgrade fornito dalla polizia tedesca, il braccio armato del regime poteva fare meglio il suo lavoro sporco.

Possiamo condividere il giudizio del giornalista Martin Plaut, contenuto in “The European Union’S role in Sudanese repression”, da cui abbiamo attinto e a cui rimandiamo per le fonti:

Che la UE abbia, o non abbia, finanziato gli RSF non significa che il sostegno della UE non abbia avuto un impatto diretto sul campo. È servito per rafforzare gli agenti della sicurezza, ed è stata la causa dell’avere adottato nuovi obbiettivi che hanno molto poco a che fare con la protezione di coloro che emigrano attraversando i territori in questione. Questi sviluppi si sono sommati all’abilità del governo sudanese di controllare la propria popolazione, fornendo intelligence e informazione al regime”.

Tradotto: dietro la retorica dell’aiuto ai migranti durante il loro percorso migratorio, che è la versione propagandistica con cui sono stati dipinti tali progetti agli occhi dell’opinione pubblica occidentale, vi era l’aiuto ad uno dei più liberticidi e sanguinari regimi della regione…

Il Sudan del dittatore deposto questo 11 aprile, quindi, svolgeva la stessa funzione, mutatis mutandis, che l’Unione Europea fa svolgere tra l’altro al Marocco, alla Turchia, al Libano e ai propri “alleati libici” rispetto ai flussi migratori, di fatto normalizzando dei regimi che sono agli antipodi di quelli che sarebbero i valori democratici propugnati ad ogni piè sospinto dagli ideologi dell’Unione, con una pratica che rispolvera le mai accantonate pratiche coloniali.

Nel caso sudanese, la cosa appare ancora più paradossale, visti i crimini commessi da queste milizie in precedenza, perpetrati poi nei confronti dei migranti ed ora alla popolazione di tutto il Sudan, colpevole di chiedere una veloce transizione ad un organismo civile e quindi il passaggio di poteri dal Consiglio Militare Transitorio (TMC) – alla cui testa sono due personaggi chiave del “vecchio regime” – ad un organismo civile che gestisca la transizione.

L’altro aspetto fondamentale di queste milizie è il fatto di essere la punta di lancia della coalizione a guida saudita che fa la guerra alla popolazione yemenita, avendo il Sudan fornito la “carne da cannone” – le stime dicono 14.000 soldati – per questa guerra, che ha provocato la più grave crisi umanitaria mondiale, secondo ciò che ha dichiarato l’ONU.

Il grosso delle truppe è composto da ex miliziani e da soldati-bambino delle zone più depresse, che con un minimo addestramento e “lauti guadagni” per sé e le proprie famiglie, vanno a combattere per gli interessi dei sauditi e degli Emirati Arabi Uniti.

Sia detto per inciso, ma il traffico di armi con le petrol-monarchie del Golfo (e l’Egitto), poi utilizzate in Yemen, ha fatto gonfiare il volume delle esportazioni di Gran Bretagna, Francia e Italia, rendendo l’industria bellica uno dei pochi settori della manifattura per ora non in crisi, per un modello di sviluppo export-oriented che ha come “cuore” del proprio apparato produttivo proprio “l’industria della morte”.

Come denunciato dalle comunità sudanesi in esilio, il ruolo della UE è stato più che nefasto, covando in seno questa serpe – funzionale al contenimento manu militari dei flussi migratori – e finanziando di fatto quelli che si sono rivelati essere i maggiori affossatori di ogni ipotesi di  “democrazia”.

Numerose fonti infatti riportano che le parti delle forze dell’ordine e dell’esercito ostili all’escalation militare della giunta sono state acquartierati nelle loro caserme, mentre circa un centinaio di ufficiali sarebbero stati arrestati per il rifiuto di perpetrare altra violenza nei confronti della popolazione.

Il massacro – che ha fatto più di cento vittime certificate e quasi 500 feriti – e le successive rappresaglie durante tutto il tempo della “disobbedienza civile” sono il frutto dell’indicazione che “l’asse del male” (Arabia Saudita, EAU ed Egitto) ha dato alla TMC, le cui figure di spicco si erano recate poco tempo prima in questi paesi, tra l’altro allineandosi alla volontà di escalation militare contro la “Mezzaluna Sciita”. Una missione che ha come obiettivo principale la guerra – in tutte le sue possibili forme – contro la Repubblica Iraniana.

L’isolamento internazionale, la determinazione dei popolo sudanese, ed il ruolo di mediazione di alcuni stati africani, ha fatto in parte retrocedere la giunta militare che, oltre a negare ogni responsabilità nei gravi fatti di martedì – ben oltre lo sprezzo del ridicolo – aveva dichiarato finita le consultazione con la delegazione composta dalle varie forze dell’opposizione (le Forze della Dichiarazione della Libertà e del Cambiamento – DFC ). Consultazione entrata in un impasse proprio dopo avere raggiunto un accordo su tutta l’architettura e la composizione degli organismi di transizione, tranne che per il corpo politico più importante, annunciando la tenuta delle elezioni in nove mesi.

La TMC è stata costretta dalla mobilitazione popolare, mai cessata dal 6 aprile – giorno dell’inizio dell’“accerchiamento” della capitale – ad intavolare una trattativa più volte interrotta e ripresa, probabilmente per “prendere tempo” dopo avere preparato il transito in stile gattopardesco dal vecchio regime, e assicurarsi l’appoggio di alcuni importanti attori regionali. per i quali di fatto funge da “delegato politico”, per poi cercare di stroncare l’opposizione, anche per la dimostrata capacità di coinvolgimento di tutti i settori sociali e di tutte le regioni, con “lo sciopero generale politico”.

Ma quest’atto di forza ed i suoi possibili riverberi, dovuti alla capacità di resistenza in un mondo di mutevoli equilibri e di contraddizioni esplosive, devono avere acceso una “lampadina d’allarme”.

Parte della comunità internazionale aveva condannato l’accaduto – senza avere però avere agito di conseguenza – e l’Unione Africana avevano sospeso il Sudan, ricevendo l’appoggio dalla UE, nel mentre gli Stati Uniti hanno nominato un “inviato speciale” con cui determinare un proprio piano di intervento che li possa rimettere al centro dei giochi geopolitici dell’area, dopo anni di embargo al paese accusato di essere (non a torto) uno dei centri internazionali dello “Jihadismo”, ma che ora può essere funzionale – nell’area – alla strategia  dell’amministrazione Trump, che ha rimosso l’embargo.

Quella che si gioca in Sudan, sulla pelle della popolazione, è una partita geopolitica del tutto rilevante e complessa, perché per i vari attori regionali, e quelli internazionali che hanno un ruolo nell’area, il futuro del Sudan ha una valenza strategica: la collocazione internazionale del Sudan post-Bashir nell’attuale mondo multipolare non è proprio un particolare secondario nello scacchiere mondiale.

Oltre ai motivi sopra descritti, vi è la questione della “Nuova Via della Seta” cinese, di cui il Paese è un hub importante, e il flusso di investimenti effettuati dalla Repubblica Popolare nel Paese. Le aspettative, in parte rientrate, con il riallineamento della giunta all’“Asse del Male” con la Turchia, che ne voleva fare (all’epoca della cooperazione, durante l’era Bashir) uno dei pivot della sua strategia africana. Nonché la sempre più stretta collaborazione militare, recentemente intensificata, tra Russia e Sudan; senza dimenticare la volontà del Qadifferenti interessitar di contrastare i suoi avversari, trovando un proprio “referente politico” locale, magari tra l’opposizione islamica orfana di Bashir…

Dall’altro lato, la storia del Sudan – di cui le attuali mobilitazioni popolari sono un frutto – è quella di una popolazione che ha conquistato l’indipendenza negli anni ’50, sventato due colpi di stato a metà anni Sessanta e a metà anni Ottanta, ed è riuscita (con una “tempesta di sabbia” iniziata nella seconda metà di dicembre) a defenestrare un despota che fin dall’89 deteneva il potere grazie ad un putsch che l’aveva visto alleato con le forze più retrive dell’islam politico, le quali fornivano  l’architrave ideologico del suo dominio, implementando tra l’altro la Sharia.

Proprio queste forze, osteggiate da gran parte della popolazione – cercando di ricollocarsi, oltre a difendere a spada tratta la continuità del codice islamico – sono forti sostenitrici della giunta, avevano dimostrato per la strade della capitale proprio il giorno prima del massacro.

Inoltre il Sudan non è un paese “pacificato”. Vi agiscono differenti formazioni armate, parti costituente dell’Opposizione, radicate nelle regioni più periferiche e penalizzate dal vecchio ordine politico, mentre i militanti politici e sindacali sono abituati alle dure condizioni della clandestinità ed ad affrontare l’attività repressiva dei corpi di sicurezza.

Una cosa è certa: l’autodeterminazione del popolo sudanese ha molti nemici e altrettanti “falsi amici”, tranne coloro che si identificano con il processo in corso, in Africa ed altrove.

Cerchiamo di analizzare gli avvenimenti intercorsi da questi giorni, partendo dall’ultima dichiarazione del 13 giugno della SPA.

Questa organizzazione denuncia le varie forme di rappresaglia attuate contro la popolazione durante i tre giorni di disobbedienza civile: “questi metodi tirannici non sono altro che una estensione dei metodi del defunto regime”, mettendo in evidenza l’inefficacia di queste metodologie di fronte alla determinazione popolare.

La dichiarazione si conclude affermando che “la nostra preoccupazione principale è la sicurezza degli attivisti, dei membri dei comitati territoriali, e tutti i cittadini che sono politicamente attivi e coinvolti nella lotta politica attuale. Non esiteremo nell’attuare tutte le forme dell’escalation, al fine di garantire la loro salvaguardia fisica e la garanzia di poter lavorare”.

Bisogna infine segnalare l’arresto e la deportazione di alcuni leader dell’opposizione, come Salah Abdelrahman, leader del Fronte delle Forze Democratiche Rivoluzionarie; e la deportazione di tre esponenti di spicco del Movimento di Liberazione del Popolo del Nord, di Malik Angar.

Il giorno precedente, mercoledì 12 giugno, le forze della DFC hanno rilasciato una dichiarazione in seguito all’incontro di una loro delegazione con il Assistant Secretary of State degli USA per gli African Affairs: Tibor Nagy e il neo-nominato “Inviato Speciale” statunitense in Sudan, Donald Boorth, in cui si è discusso sia della necessità del trasferimento di potere ad una autorità civile transitoria che del massacro perpetrato il 3 giugno, affermando l’importanza di condurre una “trasparente inchiesta con il supporto internazionale su questi incidenti, che porti i suoi registi, pianificatori ed esecutori, processabili di fronte ad un giusto tribunale”.

Le parti hanno convenuto sui seguenti punti:

  • l’importanza di un immediato trasferimento di potere ad una autorità civile transitoria

  • la positività dell’iniziativa di “mediazione fraterna” dell’Etiopia, condotta dal primo ministro Aby Ahmed

  • le responsabilità della TMC e la necessità di formare una commissione investigativa internazionale per accertare i fatti e portare a processo i responsabili

  • tutte le forze armate e le milizie devono evacuare le aree residenziali con effetto immediato ed essere sostituite da personale di polizia

  • il rilascio immediato dei prigionieri politici

  • il ripristino dei servizi di Internet e la rimozione di qualsiasi divieto imposto su questi, assicurando l’informazione libera

Le incognite di questa delicata fase politica in Sudan si intrecciano con i “venti di guerra” che attraversano la regione e con le mobilitazioni che i popoli del continente africano stanno mettendo in campo. Una cosa è certa: ciò che avverrà in Sudan cambierà il volto della regione.

Sta a noi essere i “naturali alleati” del popolo sudanese, dando sponda alle sue rivendicazioni di sovranità popolare, giustizia sociale e indipendenza politica, affinché l’autodeterminazione dei popoli non sia una vuota formula funzionale ai vari progetti neo-coloniali che  hanno differenti interessi sul paese.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.