Menu

Gli Usa regalano 52 milioni di dollari a Guaidó e nuove sanzioni contro il Venezuela

L’autoproclamato “presidente ad interim” Juan Guaidó e l’opposizione venezuelana hanno ricevuto 52 milioni di dollari dall’amministrazione Trump. Secondo una dichiarazione di martedì dell’Agenzia degli Stati Uniti per lo Sviluppo Internazionale (USAID), il finanziamento sarà destinato ai media indipendenti, alla società civile, al settore sanitario e all’Assemblea Nazionale controllata dall’opposizione.

Inoltre, l’amministratore di USAID Mark Green ha annunciato mercoledì che gli Stati Uniti impegneranno 36 milioni di dollari in aiuti al Venezuela, come parte di un programma di soccorso guidato dalle Nazioni Unite. Al momento non è chiaro se questa somma faccia parte dei 52 milioni di dollari o di un’erogazione aggiuntiva.

L’amministrazione Trump aveva precedentemente indirizzato oltre 40 milioni di dollari in aiuti destinati all’America Centrale per finanziare l’opposizione venezuelana. Secondo una nota dell’USAID visto dal Los Angeles Times, il denaro era destinato a stipendi, biglietti aerei, addestramento, propaganda, tra le altre voci di bilancio.

Il nuovo pacchetto di aiuti si accompagna con un nuovo ciclo di sanzioni statunitensi contro il settore petrolifero venezuelano. Allo stesso modo dell’annuncio di martedì, le nuove restrizioni del Dipartimento del Tesoro mirano a quattro compagnie di navigazione petrolifera e le loro rispettive navi, che sarebbero coinvolte nel trasporto di petrolio dal Venezuela a Cuba.

Le misure bloccano i beni di Caroil Transport Marine Ltd., con sede a Cipro, nonché le imprese panamensi Trocana World Inc., Tovase Development Corp e Bluelane Overseas SA. Inoltre, vengono sanzionate la Carlota C, la Sandino, la Petion e la Giralt.

In una dichiarazione, il Segretario del Tesoro Steven Mnuchin ha protestato contro Cuba per aver continuato a importare greggio venezuelano nonostante l’amministrazione Trump abbia imposto un embargo petrolifero a gennaio. “Gli Stati Uniti continuano ad agire con forza contro l’ex regime illegittimo di Maduro e gli attori stranieri maligni che lo sostengono. I benefattori cubani di Maduro forniscono un’ancora di salvezza al regime e consentono il suo apparato repressivo di sicurezza e di intelligence”, ha dichiarato.

Il 3 luglio, il Dipartimento del Tesoro ha sanzionato la Cubametales, società statale cubana di importazione ed esportazione di petrolio, per aver continuato a importare petrolio dal Venezuela. Più recentemente, il 5 agosto, Trump ha firmato un ordine esecutivo che impone un ampio embargo al Venezuela, proibendo tutti i rapporti con lo stato venezuelano e autorizzando sanzioni secondarie contro entità terze.

Tuttavia, nonostante le sanzioni, le esportazioni di petrolio a Cuba sono continuate costantemente, con fonti industriali che hanno segnalato un aumento fino ad oggi in settembre a 119.000 barili al giorno (bpd), da 70.000 bpd in agosto.

Le ultime misure di Washington hanno fatto seguito alla reintegrazione dei legislatori filogovernativi nell’Assemblea Nazionale controllata dall’opposizione, avvenuta martedì scorso. Questo passo fa parte di un accordo raggiunto la scorsa settimana tra il governo Maduro e le sezioni minoritarie dell’opposizione.

Questo è un gesto politico, democratico e patriottico”, ha detto Tania Diaz, che guida la delegazione del PSUV al potere. “Le nostre forze hanno insistito su meccanismi di dialogo e comprensione come formula per garantire la pace nel paese”, ha aggiunto. Oltre al ritorno in parlamento dei deputati dei partiti al potere, l’accordo contiene anche disposizioni riguardanti un nuovo consiglio elettorale nazionale e garanzie elettorali, nonché sforzi congiunti per aggirare le sanzioni statunitensi.

Nonostante l’apprezzamento per il ritorno del blocco filogovernativo, i parlamentari dell’opposizione si sono chiesti se alcuni deputati del PSUV possano assumere legalmente le loro funzioni nell’Assemblea nazionale. Diaz e diversi altri deputati del PSUV sono anche membri dell’Assemblea Nazionale Costituente, che è stata eletta in mezzo a una violenta rivolta antigovernativa nel 2017. Da parte sua, il legislatore del PSUV Carreño ha risposto che spetta alla Corte Suprema pronunciarsi sulla questione.

La maggioranza dell’opposizione nell’Assemblea Nazionale si è resa responsabile di oltraggio alla corte dal 2016, dopo che una disputa crescente con la magistratura venezuelana ha visto le decisioni dell’organismo dichiarate “nulle e decadute”. A tutt’oggi non vi è stata alcuna dichiarazione della Corte Suprema in merito allo status giuridico dell’organo legislativo. Da parte sua, Washington ha escluso ogni negoziato con Caracas, promettendo di mantenere le sanzioni fino a quando il governo Maduro rimarrà al potere.

(Fonte: Venezuelanalysis.com)

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.