Menu

La pace non è un business

Pochi giorni fa Joe Biden ha annunciato che le truppe di stanza in Afghanistan torneranno negli Stati Uniti il 31 agosto 2021. Questa data segnerà il vergognoso fallimento della “Operation Freedom’s Sentinel” e della “Resolute Support Mission” della NATO.

Infatti, dopo gli attacchi dell’11 settembre, gli Stati Uniti e i loro alleati europei hanno invaso l’Afghanistan e hanno iniziato la più lunga avventura militare della storia degli Stati Uniti.

Una corretta comprensione di questa notizia richiede di non perdere di vista le molte guerre che hanno seguito i tragici eventi del 2001. È vero, l’Afghanistan è sta la più lunga, ma non l’unica. Mentre il teatro più importante di queste operazioni era in Afghanistan e Iraq, le truppe statunitensi e i loro alleati sono stati coinvolti in azioni militari significative in Pakistan, Siria, Libia, Yemen, Somalia e Filippine.

Nonostante la negligenza con cui la stampa egemone ha coperto questi eventi, le indagini successive hanno dimostrato che almeno 801.000 persone sono morte a causa di queste guerre e altri 37 milioni sono stati sfollati dalle loro case, condannati a una vita nomade e miserabile, in molti casi per sempre.

E che dire dei costi economici astronomici di questi conflitti? A partire dal 2020, il governo federale ha speso 6,4 trilioni di dollari. Questa cifra include gli stanziamenti approvati dal Congresso e gli interessi sui prestiti contratti per finanziare le guerre, che per la gioia di Wall Street sono stati finanziati prendendo in prestito dal settore privato, portando il deficit del governo federale e il debito nazionale alle stelle.

Entro il 2029, il debito nazionale dovrebbe raggiungere gli 89 trilioni di dollari, il che porterebbe il rapporto debito/PIL del paese al 277%, superando l’attuale rapporto debito/PIL del Giappone del 272%.

I governi americani che si sono succeduti si sono lanciati allegramente in guerra senza raccogliere le vere risorse per finanziarle. Al contrario, Harry Truman fece passare un aumento temporaneo fino al 92% delle aliquote fiscali sulle fasce di reddito più alte per finanziare la guerra di Corea e Lyndon Johnson fece lo stesso per sostenere i costi della guerra del Vietnam, aumentandole fino al 77%.

George W. Bush, invece, ha ridotto la pressione fiscale sui ricchi invece di aumentarla, e i suoi successori non hanno fatto nulla per porre fine a tale follia.

Queste cifre dimostrano i formidabili profitti che queste operazioni hanno prodotto per il complesso militare-industriale e anche per gli avvoltoi finanziari di Wall Street. Offrono favolose opportunità di business senza tener conto dei loro costi umani o del fatto che Washington ha raccolto solo vittorie parziali ed effimere, come in Iraq, o sconfitte traumatiche come in Vietnam e Afghanistan.

Molti esperti sostengono che gli Stati Uniti non possono più vincere le guerre, eppure continuano a combatterle. La ragione è facile da capire: alimentano esponenzialmente i profitti della frazione finanziaria del capitalismo statunitense e, in misura minore, quelli del tradizionale complesso militare-industriale, cioè lo “Stato duro” dell’imperialismo statunitense.

Questo è coerente con la rude osservazione di Jimmy Carter quando si chiedeva perché la Cina è più avanti di noi. “Ho normalizzato le relazioni diplomatiche nel 1979”, diceva. “Dal 1979, sai quante volte la Cina è stata in guerra con qualcuno? Nessuna. E noi, d’altra parte, abbiamo continuato a combattere le guerre da allora”.

Carter concludeva che gli Stati Uniti sono “la nazione più bellicosa nella storia del mondo” a causa del desiderio di imporre i valori e gli interessi americani agli altri paesi, evidenziando come la Cina stesse investendo le sue risorse in progetti come l’alta velocità ferroviaria e le infrastrutture di base piuttosto che sprecarle nella difesa.

Naturalmente, la Cina non ha un “complesso militare-industriale-finanziario” che ha un disperato bisogno di guerre per raccogliere enormi dividendi e per pagare gli stravaganti compensi, bonus e remunerazioni varie intascati dagli amministratori delegati delle sue gigantesche transnazionali.

Questo è il motivo per cui, purtroppo, la pace è stata un obiettivo così sfuggente e le guerre, d’altra parte, proliferano quasi senza controllo. Non c’è motivo di credere che questo cambierà nei prossimi anni.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.