Menu

Svezia. Proteste contro l’adesione alla Nato, contraddizione tutta interna alla socialdemocrazia

Alcune centinaia di persone hanno dato vita ad una manifestazione contro l’adesione alla NATO davanti alla sede del partito socialdemocratico al governo a Stoccolma, in Svezia, Alcuni svedesi temono che la perdita della neutralità militare non contribuisca alla pace nel mondo.

“La cosa migliore per la sicurezza della Svezia e del popolo svedese è l’adesione alla NATO”, ha dichiarato il primo ministro svedese Magdalena Andersson, confermando formalmente l’intenzione di Stoccolma di entrare a far parte della più grande alleanza militare del mondo all’inizio di questa settimana.

L’annuncio segna la fine dei 200 anni di neutralità militare della Svezia, una politica di sicurezza che il Paese nordico ha abbracciato fin dal XIX secolo.

Mentre la maggioranza degli svedesi si è espressa a favore dell’adesione del Paese alla NATO in seguito alla guerra in Ucraina, sono i giovani ad essere maggiormente contrari.

Alcuni sono scesi in piazza nella capitale svedese, condannando la perdita della neutralità militare come un passo che genererebbe più violenza nel mondo.

“L’adesione alla NATO farà scorrere altro sangue perché la NATO è un’organizzazione di guerra e non di pace”, ha dichiarato a DW Ava Rudberg, 22 anni, presidente del partito della Giovane Sinistra svedese, che ha partecipato alla protesta. “È un’alleanza militare che crea più guerra e noi vogliamo mantenere la pace in Svezia”.

A Stoccolma i  manifestanti sono scesi in piazza con cartelli che condannano la decisione della Svezia di aderire alla NATO. No alla guerra” e “No alla Nato” è la richiesta dei manifestanti.

In realtà la Svezia ha già svolto un ruolo in Afghanistan dispiegando truppe nel Paese come parte della operazione guidata dalla NATO fino alla fine di maggio 2021, Alina Engström, analista dell’Agenzia Svedese di Ricerca sulla Difesa, ha dichiarato alla televisione DW che già dagli anni ’90 la Svezia ha aumentato la sua interoperabilità con la NATO. Ciò significa che il Paese aderisce già agli standard della NATO. L’annuncio dell’adesione all’Alleanza è “un piccolo passo a livello militare e operativo”, ha affermato Engström .

Lisa Nabo, 27 anni, presidente della lega giovanile del partito socialdemocratico svedese al governo, ha affermato che, nonostante la precedente cooperazione con la NATO, la perdita ufficiale della neutralità è un problema con cui molti giovani svedesi stanno lottando. “Come giovani socialdemocratici stiamo lottando un po’ con l’immagine di noi stessi in questo momento, perché molti di noi hanno iniziato la loro carriera politica con l’idea di essere un’organizzazione pacifica che lotta per fermare la militarizzazione. È difficile combinare questo concetto con l’adesione alla NATO. Ma naturalmente rispettiamo la decisione del nostro partito, che è stata democratica e unanime, e il nostro obiettivo ora è assicurarci di poter essere ancora una voce importante per la pace nel mondo”.

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

2 Commenti


  • c. Sergio Binazzi

    Questo mondo è proprio fatto male, aldilà del loro intervento in Afganistan, ma chi glielo fa fare a sta gente di entrare ufficialmente nella nato con 200 anni alle spalle di neutralità? Ci gode la gente a fare guerre? Non so che darei per poterne uscire da questa confraternita di guerrafondai


  • enzo+guida

    bene chi ha protestato in svezia . tuttii popoli delle nazioni d’europa devono chiedere abolizioni della nato che difende gli interessi di usa , chiedere un forzo di difesa di soli stati europeii, senza usa . enzo guida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.