Menu

I ferrovieri greci bloccano treni con i carri armati della Nato

L’esempio dato dai lavoratori aeroportuali di Pisa e dai portuali di Genova è contagioso. Anche in Grecia i ferrovieri si sono rifiutati di far transitare i carri armati della Nato destinati ai paesi nell’Europa dell’Est.

*****

Attualmente, i veicoli corazzati e i carri armati da combattimento vengono caricati nel porto commerciale greco di Alessandropoli per essere trasportati nei paesi dell’Europa dell’Est della NATO. I lavoratori delle ferrovie non vogliono appoggiare questo e ora sono sotto la pressione degli imprenditori.

Il porto commerciale greco di Alessandropoli è un importante porto mercantile sia per merci che per combustibili, in quanto è vicino ai confini greco-turchi, collegato via mare al terminal portuale e dispone di un aeroporto internazionale. È inoltre collegato alla ferrovia e alle principali autostrade europee.

Dall’inizio degli eventi militari in Ucraina, più di 3.000 soldati statunitensi e centinaia di veicoli corazzati e carri armati sono arrivati ​​al porto greco di Alessandropoli. Da lì continuano in treno verso la Romania e altri paesi dell’Europa dell’Est membri della NATO, riferisce il sito di notizie greco In.gr. L’articolo dice:

«I carri armati statunitensi appartenenti alle forze NATO, scaricati dall’enorme traghetto “Liberty Passion” nel porto di Alessandropoli, sono stati trasportati con la ferrovia attraverso la prefettura di Evros verso i paesi dell’Europa dell’Est. I carri armati delle forze NATO sono stati trasportati con la ferrovia da Alessandropoli alla Romania attraverso la Bulgaria».

Il 1 aprile il media greco Imerodromos ha informato che la prosecuzione della spedizione di veicoli blindati dal porto greco di Alessandropoli fino al confine con l’Ucraina è in pericolo perché parte dei lavoratori della compagnia ferroviaria TrainOSE si sono rifiutati di «appoggiare attivamente l’invio di armi».

Dicono che è stata intensificata la pressione sui lavoratori della fabbrica di macchine di Salonicco affinché si spostino ad Alessandropoli per portare aiuto lì.

Il portale di informazione del Partito Comunista di Grecia (KKE) ha aggiunto che i veicoli blindati statunitensi erano stati consegnati via mare ad Alessandropoli e poi trasportati in Polonia. Secondo il rapporto, il 30 marzo «tre treni pieni si erano già spostati in questa direzione» per mezzo del trasporto ferroviario. Secondo i  mezzi di comunicazione, i ferrovieri greci hanno rifiutato di caricare il materiale e «fornire supporto tecnico per il trasporto». Il KKE ha informato che gli imprenditori «hanno invocato il contratto di lavoro in cui si afferma che i lavoratori devono lavorare dove l’azienda ne ha bisogno». Il KKE ha risposto:

«Da circa due settimane, i lavoratori della fabbrica di macchinari di Salonicco subiscono pressioni per farli andare ad Alessandroupoli. Condanniamo le minacce dell’imprenditore contro i lavoratori di TrainOSE che si sono rifiutati di partecipare alla manutenzione dei treni e di trasportare i carri armati della NATO dal porto di Alessandropoli».

Dopo l’intervento dei sindacati locali, le minacce contro i ferrovieri sono cessate. Una dozzina di sindacati locali hanno pubblicato una risoluzione in cui si impegnavano a non partecipare al passaggio della «macchina di guerra» attraverso il Paese, secondo le informazioni di Imerodromos. La risoluzione dice:

«È ridicolo che un datore di lavoro dica: ‘Non dovresti preoccuparti di cosa trasportano i treni, è il tuo lavoro e devi eseguirlo’».

Inoltre, il documento afferma:

«Non saremo complici della macchina da guerra che percorre i territori del nostro Paese. La ferrovia non si utilizza per il trasporto di materiale bellico all’estero.

Le locomotive utilizzate a tale scopo devono rientrare alla loro base. Nessuna minaccia a qualsiasi ferroviere rifiuti di accettare il trasferimento di materiale bellico della NATO dal nostro Paese».

La risoluzione del KKE è stata sostenuta da una dozzina e mezza di sindacati locali, tra i quali si trovavano: “lavoratori dell’industria chimica del nord della Grecia, dipendenti privati ​​della città di Tessalonica, lavoratori dell’edilizia, lavoratori delle telecomunicazioni e della tecnologia dell’informazione, dell’industria alimentare, enti locali e aziende municipali, hotel e servizi pubblici”.

Traduzione per piensaChile: Martin Fischer

*Fonte: RTDE.Site

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

8 Commenti


  • Pasquale

    Chissà che non sia giunta l’ora di una nuova internazionale dei lavoratori.


  • Daniel MARTIN

    Il 9 April c’è una Conferenza Europea d’emergenza contro la guerra. A l’iniziativa di NAR Nuova Corrente Sinistra (Grecia) e del Partito Operaio Indépendante (Francia)
    da


  • F

    Speriamo gli diano fuoco… Una guerra iniziata dall america e NATO.


  • Giglia

    La speranza per la PACE parte solo dal basso, speriamo si allarghi a tutta L’EU, il grande assente in questa orribile guerra


  • Maurizio Brombin

    La NATO dovrebbe sparire e, insieme, la chiesa per me la più grande offesa a DIO.


  • Mario

    In ordine ,per primo la NATO sarebbe ora è tempo che L’ America smettesse di padroneggiare su tutto il mondo. Idem per i politici Italiani a mandare armi , non è così che si cerca la pace . Hanno fatto bene Grecia e Italia, rifiutarsi caricare armi e altro . Finiamola con queste pagliacciate.


  • Ughetta Pesavento

    Chi la finanzia non è meno di chi la fà. E comunque. Non mi fido di Zaleski manovrato dall’America.


    • Redazione Contropiano

      Zelenskij… Zaleski gioca, e bene, nella Roma…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.