Menu

Battaglione Azov e dintorni

Dopo la liberazione di Mariupol e la resa dei criminali che tenevano in ostaggio la città, in molti pensavano che non avrebbero mai più sentito parlare dei nazisti del Battaglione Azov. Ciò è sbagliato per almeno tre motivi.

Il primo è che il Battaglione Azov non è stato ancora del tutto sconfitto; sebbene il grosso delle sue forze fosse di stanza a Mariupol, hanno migliaia di altri uomini dislocati sul resto del territorio ucraino. A ciò si aggiunga che il Battaglione Azov gode di una rete internazionale di supporto e complicità.

Il secondo motivo è che il processo ai prigionieri di guerra del Battaglione Azov avrà certamente una grande eco internazionale. Tuttavia ciò è ridimensionato dal fatto che in uno dei tanti criminali bombardamenti che l’esercito ucraino effettua sul Donbass, è stato colpito anche il carcere in cui si trovavano buona parte dei prigionieri del Battaglione Azov.

Ne sono morti una cinquantina, mentre i feriti anche di più. Al momento non si sa quanti possano essere in condizioni di affrontare un processo.

Il terzo motivo è quello politicamente più interessante e riguarda la coscienza sporca dei partiti di governo italiani. Questi nei mesi scorsi hanno sostenuto in ogni modo (anche militarmente) i criminali nazisti del Battaglione Azov e questa esposizione gli si sta ritorcendo contro nel bel mezzo della campagna elettorale.

Nessun partito è in grado di far accettare ai propri elettori il sostegno a gruppi dichiaratamente nazisti, è una contraddizione impossibile da gestire rimanendo nel campo dell’onestà intellettuale. Pertanto, il metodo a cui ricorre la socialdemocrazia nostrana è quello del revisionismo. Cioè, la ripresa della campagna di beatificazione del Battaglione Azov facendo ricorso a tutto il famoso repertorio di fandonie che ci hanno propinato nei mesi scorsi.

Questa apologia è tuttavia fuori tempo massimo e quasi nessuno ci crede più, ormai è controproducente. Per questo motivo, qualcuno ha iniziato ad introdurre dei patetici distinguo tra il Battaglione Azov delle origini e quello degli ultimi tempi. Il tentativo è di far credere che fosse nato con buone e pacifiche intenzioni e che poi si fosse incattivito e radicalizzato di fronte alle avversità della guerra.

Ciò è completamente falso, il Battaglione Azov nasce come organizzazione nazista e non ha mai cambiato linea. Al più, a volte ha cercato di darsi un’immagine moderata, ma la sostanza è rimasta invariata. A tal riguardo, può essere utile leggere cosa compare nel sito dell’OSCE già dal 2016 sul conto del Battaglione Azov.

Olga Seletskaya, un’attivista della società civile: “Dal marzo 2014 ho partecipato attivamente alle manifestazioni che si sono tenute a Mariupol. Ero il cordinatore della tendopoli situata vicino al Comune. Ero impegnata nella preparazione e nello svolgimento del referendum a Mariupol. Gli ufficiali del battaglione Azov mi hanno arrestata a Mariupol.

Subito dopo sono stata incappucciata e portata nella zona del villaggio di Rechnoy per l’esecuzione. Ho sentito i colpi di mitragliatrice sopra la testa. Poi mi hanno portato all’aeroporto di Mariupol, dove hanno cercato di costringermi a testimoniare mettendomi un sacchetto di plastica in testa che non mi permetteva di prendere aria. Mi hanno usato addosso un taser e volevano gettarmi in una fossa piena di cadaveri. Hanno minacciato di fare del male a mio figlio e alla mia famiglia.”

Denis Gavrilin, un uomo catturato dalla Guardia nazionale ucraina il 31 luglio 2014 e consegnato al Battaglione Azov: “Gettavano le persone in una fossa piena di cadaveri, erano i corpi delle persone che avevano giustiziato con armi da fuoco. Ci gettarono in quella fossa; aveva un odore specifico. Mi sentivo come se anch’io fossi stato giustiziato. […]

Gli interrogatori avvenivano ogni due o tre ore. Ricordo molte cose. Mi stavano affogando. I miei occhi erano coperti: mi avevano messo un asciugamano o uno straccio sul viso. Non potevo vedere. Inoltre, le mie mani erano ammanettate dietro di me. Inoltre, tenendomi la testa da dietro, dopo avermi messo questo straccio sul viso, mi hanno versato dell’acqua sopra. Non ne sono sicuro, da una bottiglia, o da un bollitore, forse… non riuscivo a vedere. Mi sembrava di annegare. Poi mi facevano riprendere. E di nuovo.

Mi ero già rotto un ginocchio e hanno visto la cintura sulla mia gamba, sul ginocchio, e l’hanno rotta di nuovo. Questo è successo il primo giorno. Poi mi hanno messo degli aghi sotto le unghie dei piedi. Era come se qualcuno mi stesse tirando i tendini dal collo. Come se tutto fosse tirato fuori da me e il dolore mi lasciasse insensibile … Conosco un tizio a cui sono stati estratti quattro denti anteriori con una pinza.”

Yuriy Slusar, un miliziano antigovernativo: “Il 4 novembre sono stato arrestato dagli uomini dell’Azov e della SBU [Servizio di sicurezza dell’Ucraina] mentre lavoravo nella città di Druzhkovka. Sono stato portato a Kramatorsk. Mi hanno picchiato sulla testa e sui piedi con una catena, hanno sparato con una pistola vicino al mio orecchio, hanno minacciato di spararmi alla testa o di spararmi ai piedi. Mi hanno umiliato e hanno detto che mi avrebbero violentato. Hanno minacciato di portare mia moglie e le mie figlie e di torturarle davanti a me. Non ho potuto mangiare per tre giorni.”

Pavel Karakozov, un attivista catturato dal battaglione Azov a Mariupol: “Prima di allora, stavo organizzando un referendum a Mariupol. Partecipavo ai lavori di preparazione e allo svolgimento del referendum. Il 12 luglio, dopo aver lasciato il lavoro … sono stato catturato da uomini in uniforme militare, che mi hanno immediatamente incappucciato e iniziato a picchiarmi.

Dopo la perquisizione del mio appartamento sono spariti molti oggetti di valore. Mia moglie ha sporto denuncia alla polizia per il furto di denaro e oggetti d’oro. All’arrivo all’aeroporto di Mariupol, sono stato picchiato e gettato in uno scantinato. Qualche ora dopo, mi hanno sollevato e picchiato fino a farmi perdere conoscenza. Poi hanno chiamato un medico e mi hanno fatto un’iniezione; dopodiché mi hanno portato di nuovo nel seminterrato.

Le torture sono continuate al mattino e alla sera. Il giorno dopo sono stato trasferito in una cella individuale del camion della prigione, che è stata parcheggiata al sole per un giorno. Prima di ciò, hanno proposto alle guardie di picchiarmi e lo hanno fatto con piacere. Dopo aver trascorso tre giorni in quella cella, mi hanno portato fuori per interrogarmi e ho avuto un’emorragia.

Da allora sono stato sempre mezzo incosciente. Poi hanno cercato di annegarmi. Mi hanno messo un pezzo di stoffa sul viso; quattro uomini forti mi tenevano entrambe le mani. Il quinto uomo versava acqua sul panno e, dopo che questo si era bagnato, ho iniziato a respirare acqua …

Non ne sono sicuro, ma secondo me è ancora peggio dell’annegamento. Prima di scambiare i prigionieri a Mariupol, hanno organizzato una “festa d’addio” per noi: ci hanno… picchiato sulla schiena con bastoni di gomma.”

German Mandrikov: “Sono solo un civile, non avevo partecipato alle azioni militari ma gli investigatori della SBU mi hanno costretto ad autoincriminarmi attraverso la tortura. Ai primi di ottobre sono andato a trovare mia madre e sono stato arrestato da sconosciuti.

Mi hanno portato all’aeroporto di Mariupol dove per tre giorni di seguito ho subito torture bestiali. Hanno usato abusi sia psicologici che fisici: mi hanno dato la scossa elettrica, mi hanno soffocato con un sacchetto di plastica, mi hanno picchiato sui piedi con un ferro da stiro, mi hanno versato addosso acqua gelata, ecc.

I torturatori avevano un’insegna Azov sulle maniche della divisa. Hanno minacciato di violentare mia madre e mia moglie. Non potevo più sopportare il tormento e ho firmato alcuni documenti senza nemmeno leggerli.”

Stanislav Shchedrovsky, un prigioniero del Battaglione Azov: “Durante il pestaggio mi hanno rotto le costole, e danneggiato i polmoni. Poi mi hanno portato in tribunale dove ho firmato, sotto minaccia, alcuni documenti. Non ho avuto nemmeno la possibilità di leggerli. Quelle persone continuavano a picchiarmi e a minacciarmi. Mi hanno messo un panno umido sulla pelle e mi hanno applicato delle scosse elettriche. Succedeva spesso.

Mi hanno spaccato la gabbia toracica. Più tardi sono stato operato ai polmoni. Mi hanno picchiato sulla testa e sulle mani. La mia testa si è gonfiata, non potevo muovere il braccio e quasi tutte le mie costole erano rotte e il fegato danneggiato”.

Robert Aniskin: “Non avevo preso parte alle azioni militari e non mi ero arruolato nelle forze di autodifesa, né avevo fatto la guardia a nessun posto di blocco. È stato il battaglione Azov ad avermi arrestato. Mi hanno picchiato con il calcio dei fucili durante l’arresto. Poi mi hanno interrogato usando l’elettroshock e picchiando ovunque.

Successivamente sono stato portato alla SBU di Mariupol dove, con un sacchetto di plastica in testa e le mani legate dietro la schiena, sono stato gettato nel seminterrato. Sono rimasto così per oltre 24 ore. Poi mi hanno messo un’altra busta in testa e l’hanno tagliata in modo che potessi respirare e hanno iniziato l’interrogatorio. Sono stato gettato a terra e 3 o 4 uomini mi hanno preso a calci e colpito con i tirapugni su tutto il corpo.”

Yegor Kharitonov, un prigioniero del Battaglione Azov: “Sono stato portato all’aeroporto di Mariupol e picchiato da 3 o 4 persone del battaglione Azov. Mi hanno colpito alla testa con il calcio di un fucile d’assalto e anche al naso e alle mani; mi hanno dato calci all’inguine. Mi calavano in una buca profonda 3-4 metri e vi gettavano spazzatura e pietre.

Mi hanno colpito alla testa, alla schiena, alle braccia e alle gambe. Mi sparavano dei colpi sopra la testa, mi collegavano dei fili ai piedi e mi davano la corrente elettrica. Mi bruciavano con le sigarette e mi tormentavano.”

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

3 Commenti


  • Michele Pautin

    Domanda semplice semplice.
    La foto mostrata era apparsa mesi fa su vari giornali. In seguito si era rivelata ritoccata con Photoshop in numerosii particolari. Che ne pensate?
    Cordialita´. R.P. Ffm. 🙂


    • Redazione Roma

      che non cambia affatto la sostanza dei fatti


  • Oriana

    vedo in allegra compagnia pure la bandiera dela Nato, più chiaro di così…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.