Menu

La Cina si prepara alla tempesta economica americana

Si dice di solito che i siti cinesi siano solo propaganda. Questo articolo, pubblicato sabato su China Daily, fa chiaramente capire che non è così.

Conoscono perfettamente i loro punti deboli, li mettono sul piatto e, contrariamente alla stampa occidentale, offrono soluzioni. Interventi che vanno addirittura contro l’impostazione governativa degli ultimi mesi, allorquando scrivono chiaramente di allentare le strozzature della catena di approvvigionamento, dovuto proprio alle restrizioni.

Da parte mia, e da parte di diversi lettori, abbiamo una visione critica dell’attuale impostazione governativa, se non altro perché, ad esempio, l’annunciata Riforma Sanitaria, prevista per il marzo di quest’anno, ancora non è stata varata.

Si sono fatti provvedimenti lato offerta e alcune cose lato domanda, ma incidere sul salario sociale globale di classe – ad esempio una sanità pubblica ed universale – sarebbe una risposta efficace ai venti di crisi, oltretutto necessaria dopo quello che è avvenuto a Shanghai in questi mesi.

In ogni caso, in Cina sanno che vanno incontro a gravi turbolenze economiche causate dai venti contrari internazionali, in primis statunitensi. Ne sono consapevoli, offrono soluzioni. La speranza è che vadano oltre e varino misure di salario sociale.

Buona lettura.

*****

Il rallentamento degli Stati Uniti potrebbe avere un impatto sulle esportazioni cinesi

Zhou Lanxu – China Daily

Il rischio che l’economia statunitense rallenti e addirittura cada in recessione potrebbe aggiungere un altro livello di incertezza all’economia cinese in termini di crescita delle esportazioni e stabilità finanziaria, sottolineando la necessità per la Cina di rafforzare la sua economia interna, hanno affermato gli esperti.

Le preoccupazioni per una potenziale recessione economica degli Stati Uniti hanno portato depressione sui mercati, poiché gli investitori dubitano che l’aggressivo inasprimento della Federal Reserve statunitense riuscirà a domare l’inflazione Usa senza innescare un “atterraggio duro” della più grande economia del mondo.

Le azioni statunitensi sono oscillate dopo l’aumento del tasso di mezzo punto percentuale della Fed – mercoledì – con l’S&P 500 in rialzo del 2,99% mercoledì ma in calo del 3,56% giovedì per chiudere a 4.146. 87 punti.

Ciò ha fatto seguito a transitorie inversioni della curva dei rendimenti dei titoli del Tesoro USA: il rendimento dei titoli di stato statunitensi a 10 anni è sceso al di sotto del rendimento dei titoli a due anni, a fine marzo e inizio aprile, il che è considerato uno dei principali indicatori dell’economia sulla via della recessione.

Non pensiamo che (il rischio di recessione) sia una seria preoccupazione a breve termine”, ha affermato Rob Subbaraman, responsabile della ricerca macro globale di Nomura, citando l’ammortizzatore fornito dagli alti risparmi delle famiglie, bassi tassi di disoccupazione e solidi bilanci aziendali.

Ma il rischio potrebbe aumentare in futuro, ha affermato Subbaraman, poiché il gruppo di servizi finanziari prevede che la probabilità cumulativa di una recessione economica negli Stati Uniti da qui alla fine del 2024 sia abbastanza alta – tra il 35 e il 40 percento – con un rischio maggiore nella seconda metà del 2023 e 2024.

È probabile che la crescita economica degli Stati Uniti inizi a rallentare nella seconda metà di quest’anno, ha affermato, dati fattori come l’inasprimento delle politiche monetarie e fiscali e l’aumento dei prezzi delle materie prime che compromettono la domanda.

Ha osservato anche che un possibile rallentamento degli Stati Uniti potrebbe danneggiare gli esportatori cinesi, perché vendono principalmente beni ai consumatori statunitensi mentre il consumo di beni potrebbe raffreddarsi più bruscamente dell’intera economia statunitense visto che la spesa si sposta dai beni ai servizi mentre l’ondata di Omicron si attenua.

Penso che la Cina sarà influenzata negativamente dal rallentamento degli Stati Uniti e probabilmente più di quanto ci si rende conto guardando soltanto la crescita aggregata del PIL statunitense”, ha affermato Subbaraman.

Sono emersi segnali che la crescita delle esportazioni cinesi potrebbe affrontare rischi al ribasso. L’indice dei nuovi ordini all’esportazione dei produttori è sceso a 41,6 ad aprile dal 47,2 di marzo, indicando una più profonda contrazione degli ordini all’esportazione, ha affermato il sondaggio sull’indice dei gestori degli acquisti pubblicato dall’Ufficio nazionale di statistica.

Secondo gli esperti, anche il nervosismo del mercato globale per i rischi di recessione potrebbe scuotere i mercati finanziari cinesi. Dopo il crollo delle azioni statunitensi di giovedì, il mercato azionario cinese ha chiuso in ribasso venerdì, con l’indice Shanghai Composite di riferimento in calo del 2,16% per chiudere a 3.001,56 punti.

Hu Zhihao, vicedirettore dell’Istituto nazionale per la finanza e lo sviluppo, ha affermato che il panorama finanziario globale potrebbe diventare più turbolento con l’aumento dei rischi di recessione per gli Stati Uniti e l’economia mondiale.

In quanto seconda economia più grande del mondo, la Cina può resistere ai venti contrari esterni rafforzando la sua circolazione economica interna, ha affermato Hu. Ha chiesto misure per aumentare ulteriormente la domanda interna con il sostegno fiscale, ridurre al minimo le interruzioni della catena di approvvigionamento causate dalla pandemia e ottimizzare le normative del settore per promuovere il sano sviluppo dei settori immobiliare e di Internet.

I tassi ipotecari sono diminuiti quest’anno come parte degli sforzi nazionali per ottimizzare le normative del settore immobiliare. Il tasso di interesse per i prestiti immobiliari individuali di nuova emissione è sceso al 5,42% a marzo, in calo di 17 punti base rispetto all’inizio dell’anno, ha affermato venerdì la Banca popolare cinese, la banca centrale.

* da Pianocontromercato

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.