Menu

“Dobbiamo sperare che le condizioni dei lavoratori peggiorino”

Le banche hanno il pelo sul cuore e quando parlano tra i loro simili dicono sempre la verità sui loro interessi e la prevalenza di questi su tutti gli altri soggetti che compongono la società.

Il giornale d’inchiesta statunitense “The Intercept” è venuto in possesso di una nota interna della Bank of America nella quale si auspica – e dunque si agirà in tale direzione – affinchè di fronte all’inflazione le condizioni dei lavoratori statunitensi peggiorino, soprattutto sul piano salariale.

Ma non si tratta del cinismo di una banca in particolare, è la logica stessa del sistema di cui quella banca è un soggetto. La lotta di classe di classe è nata proprio per rovesciare la logica di questo sistema ed oggi è più che mai necessaria per ribadirlo.

Qui di seguito l’articolo integrale di The Intercept

*****

In una recente nota privata ottenuta da The Intercept, un dirigente della Bank of America ha dichiarato “di sperare” che i lavoratori americani perdano potere sul mercato del lavoro. Facendo previsioni ai clienti sull’economia statunitense nei prossimi anni, il promemoria ha anche osservato che i cambiamenti nella percentuale di americani in cerca di lavoro “dovrebbero contribuire a far salire il tasso di disoccupazione”.

Il memo, una “revisione di metà anno” del 17 giugno, è stato scritto da Ethan Harris, responsabile della ricerca economica globale per il ramo di investment banking della società, Bank of America Securities. La sua aspirazione specifica: “Entro la fine del prossimo anno, speriamo che il rapporto tra posti di lavoro disponibili e disoccupati sia sceso ai livelli più normali dell’ultimo ciclo economico”.

La nota giunge nel contesto di una spinta da parte della Federal Reserve a “raffreddare” l’economia, sulla base della stessa logica: gli alti salari stanno guidando l’inflazione. Quest’anno la Fed ha aumentato i tassi di interesse per la prima volta dal 2018. Storicamente, ciò ha spesso causato recessioni, ed è esattamente ciò che sembra stia accadendo ora: Il Dipartimento del Commercio ha riferito giovedì che il prodotto interno lordo è sceso per il secondo trimestre consecutivo, indicando che una recessione potrebbe essere già iniziata.

Alcune parti della revisione di metà anno, in particolare l’enfasi posta sull’incombente recessione, sono state oggetto di attenzione da parte della stampa al momento della diffusione del memo ai clienti. Questa è la prima pubblicazione integrale del documento.

Quello che il promemoria chiama “rapporto tra posti di lavoro disponibili e disoccupati” è generalmente calcolato al contrario, ovvero il rapporto tra disoccupati e posti di lavoro disponibili. Il rapporto più diffuso offre una misura dell’equilibrio di potere tra lavoratori e datori di lavoro. Più basso è questo numero, più opzioni hanno i disoccupati nella ricerca di un lavoro e più opportunità hanno gli occupati di passare a lavori con retribuzioni e condizioni migliori. Secondo il Bureau of Labor Statistics, a maggio questo rapporto era pari a 0,5, il che significa che c’erano due posti di lavoro disponibili per ogni disoccupato.

Nel 2009 – nei momenti peggiori della crisi economica seguita al crollo della bolla immobiliare durante la fine dell’amministrazione di George W. Bush – il rapporto è salito fino a 6,5, quindi c’erano più di sei disoccupati per ogni posto di lavoro aperto. Poi è sceso lentamente nel decennio successivo, fino a raggiungere lo 0,8 nel febbraio 2020, prima che iniziassero le serrate della Covid-19.

Questo recente e insolito momento di leva dei lavoratori ha reso Bank of America piuttosto ansiosa. Il memorandum esprime preoccupazione per “un mercato del lavoro con una tensione record”, affermando che “le pressioni salariali saranno… difficili da invertire”. Sebbene ci siano stati alcuni aumenti una tantum in alcune sacche del mercato del lavoro, la pressione al rialzo si estende praticamente a tutti i settori, i redditi e i livelli di competenza”.

La nota ricorda una precedente nota di Bank of America del 2021, in cui si avvertiva di un “fortissimo slancio del mercato del lavoro, che suggeriva che l’economia avrebbe non solo raggiunto, ma anche superato la piena occupazione”. Oggi, queste tendenze si sono rivelate peggiori del previsto”.

Il memo è un’incredibile dimostrazione che l’economista Adam Smith aveva ragione quando descrisse la politica dell’inflazione nella sua famosa opera del 1776, “La ricchezza delle nazioni”.

“In realtà gli alti profitti tendono ad aumentare il prezzo del prodotto più di quanto non facciano gli alti salari”, sosteneva Smith. “I nostri mercanti e industriali si lamentano molto dei cattivi effetti degli alti salari nell’aumentare il prezzo. … Non dicono nulla sui cattivi effetti degli alti profitti. Tacciono sugli effetti perniciosi dei loro stessi guadagni. Si lamentano solo di quelli degli altri”.

Quindi, esattamente come Smith avrebbe previsto, la Bank of America si lamenta a gran voce dei cattivi effetti degli alti salari nell’aumento dei prezzi, ma sembra tacere sugli effetti perniciosi degli alti profitti.

Ciò è particolarmente notevole se si considera il ruolo che i profitti aziendali hanno avuto nel recente aumento dell’inflazione. All’inizio del 2020 i profitti aziendali al netto delle imposte erano pari all’8,1% dell’economia, ma da allora sono saliti fino all’11,8% del PIL. In un’economia delle dimensioni degli Stati Uniti, ciò equivale a un aumento di oltre 700 miliardi di dollari di profitti all’anno. Questi maggiori profitti aziendali sono stati la causa di oltre il 50% dei recenti aumenti dei prezzi.

La nota si concentra invece sull’allettante prospettiva che la Federal Reserve aumenti i tassi di interesse, rallenti l’economia e rimetta in riga i lavoratori.

La prospettiva degli americani che lavorano sarebbe, in genere, esattamente l’opposto. Per la maggior parte di noi, è fantastico avere molti posti di lavoro disponibili, con datori di lavoro che fanno a gara per accaparrarseli. Un mercato del lavoro rigido è meraviglioso. Le pressioni salariali sono ottime. Da questo punto di vista, la questione chiave in questo momento sarebbe come ridurre l’inflazione mantenendo alta l’occupazione e il potere dei lavoratori.

Tale approccio includerebbe tentativi a tutto campo di ridurre i problemi della catena di approvvigionamento e il potere di determinazione dei prezzi delle grandi aziende.

L’aspetto più interessante è che, nell’entusiasmo della Bank of America per l’attacco della Fed ai lavoratori, la banca sbaglia i fatti fondamentali: Le pressioni salariali non si sono rivelate, come sostiene la nota, “difficili da invertire”.

“Se si verificasse un’accelerazione continua della crescita dei salari, sarebbe un problema”, ha dichiarato in un’e-mail a The Intercept Dean Baker, economista senior del Center for Economic and Policy Research, un think tank liberale di Washington. “Ciò significherebbe quasi certamente una spirale salari-prezzi con un’inflazione sempre più alta. Tuttavia, la crescita dei salari [nominali] è rallentata bruscamente, passando da un tasso annuo del 6,0% a poco più del 4,0% negli ultimi mesi. … Quindi, [Bank of America vuole] che la Fed aumenti i tassi (e la disoccupazione) per attaccare un problema (l’accelerazione della crescita dei salari) che non esiste al mondo”.

Il memo ci dice quindi quello che abbiamo sempre sospettato: Gli attori economici più potenti degli Stati Uniti – entità come Bank of America e i suoi clienti – non amano che i lavoratori abbiano potere. Ma è bello averlo nelle loro stesse parole. Harris, l’autore, non è stato disponibile per un commento.

 

 

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • Giovanni

    Il capitalismo si conferma e traduce come conflitto di classe permanente e sta alle stesse classi subalterne ricercare convergenze per avviare un processo politico di unificazione delle rivendicazioni e delle lotte della ” working class”, per poter costruire un fronte popolare capace di rovesciare i rapporti esistenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.