Menu

Trenta anni fa i salari dei lavoratori “precipitavano” sulla scala mobile

La mattina del 1 agosto di 30 anni fa, le lavoratrici e i lavoratori italiani scoprirono che non ci sarebbe più stata la “scala mobile” a far tenere il passo ai salari rispetto all’aumento dei prezzi. La scala mobile uguale per tutti e per tutte le categorie di lavoratori, era un meccanismo strappato con le lotte operaie a metà degli Settanta, che adeguava automaticamente i salari rispetto all’andamento del carovita.

Trenta anni fa, il 31 luglio 1992, i segretari generali di Cgil Cisl e Uil siglavano con il governo Amato e la Confindustria la cancellazione della scala mobile, condizione richiesta ai sindacati e imprescindibile per evitare le dimissioni di un governo imposto, fu solo il primo di una lunga lista, dal “vincolo esterno europeo” e dall’emergenza della crisi monetaria scatenata dalla speculazione sulla lira.

Da quel giorno i salari dei lavoratori italiani sono arretrati fino a divenire il fanalino di coda a livello europeo, con l’Italia unico Paese in cui si registra il segno meno nella crescita salariale.

Contro quell’accordo si scatenò una straordinaria stagione di lotte operaie e sindacali, la “stagione dei bulloni” venne definita, per l’accoglienza che i lavoratori riservarono ai segretari di CgilCislUil che andavano nelle piazze a cercare di spiegare l’inspiegabile, cioè che avevano accettato di tagliare per sempre i salari e gli stipendi per difendere il governo dei padroni e del Trattato di Maastricht.

L’assenza di un meccanismo di adeguamento dei salari e degli stipendi all’inflazione, ha prodotto un vero e proprio collasso della capacità di acquisto delle famiglie. Una ipoteca che con la ripresa incalzante dell’inflazione sta già minacciando pesantemente il potere d’acquisto delle retribuzioni e annuncia scenari ancora peggiori per l’Autunno.

“Oggi come ieri i segretari di Cgil Cisl e Uil sono pronti a lanciare una ciambella di salvataggio ai padroni e alle politiche economiche dell’Unione Europea” – scrive in una nota l’Unione Sindacale di Base – “La repressione delle lotte, l’uso delle magistratura contro le avanguardie sindacali vanno lette anche in questo quadro di evidente necessità di ripresa delle lotte contro l’austerità. Oggi come ieri non staremo a guardare”.

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • Angelo De Marco

    E da questo ulteriore attacco al salario del lavoratori dell’ agosto 1992 inizio’ nell’aeroporto di Fiumicino e nella sede romana dell’Alitalia la riflessione che portò, nell’autunno del 1992, numerosi delegati della sx sindacale all’uscita dalla CGIL e alla creazione del primo sindacato di base in queste due realtà, il Sulta che poi attraverso altre esperienze confluì nel percorso di fondazione dell’ USB

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.