Menu

Chi è eletto? La “composizione organica” del Parlamento

Certamente la classe politica, imprenditoriale e dirigente del nostro paese si sta sempre più dimostrando assolutamente non all’altezza del problema che da tempo sta investendo l’intero sistema economico capitalista occidentale.

Comunque se sono stati eletti qualcuno li ha “nominati” (come si dice alla TV!); e forse questa nomina è avvenuta all’insegna del non-detto e del non-saputo dei trascorsi o delle “avventure” e le professioni dei candidati.

Noi siamo molto curiosi in merito e vogliamo dare una occhiata più da vicino a come è composto il nostro Parlamento, cioè Camera e Senato.

Quali, e quanti, sono gli eletti (non dagli elettori ma, bensì, dalle segreterie dei partiti o meglio dai loro leaders).

Con ciò notiamo che, nelle nostre due camere rappresentative (ma …de chi???), sono presenti “potenti” “circoli lobbystici” o corporazioni varie.

Per corporazione intendo quegli addetti o appartenenti a professioni per le quali occorre essere iscritti ad un “albo professionale”, nel quale, per poterci far parte, si debbono superare alcune prove o esami, siano essi selettivi che di “affidabilità”!!

Se osserviamo la composizione delle nostre due camere rappresentative, Camera e Senato, notiamo che viene, come dire, riproposto il vecchio strumento dello “Stato Corporativo”, di repubblichina memoria!!!

Il posto d’onore va agli avvocati, 134 in parlamento, 87 alla Camera e 47 al Senato, di ogni partito, gruppo e sottogruppo possibile, solitamente i meno presenti in aula. I più strutturati economicamente appartengono però, almeno culturalmente, al centrodestra.

Alcuni di costoro contano tutti su redditi, diciamo così, vigorosi, con imponibili che vanno da milioni di euro ad alcune centinaia di migliaia, annui. Molti di questi (quasi tutti) continuano ad esercitare la loro professione nonostante siano percettori della indennità di base prevista per gli eletti alla camera ed al Senato: 14 mila euro al mese, tutto compreso, più trasferte e spese sanitarie coperte.

Nelle inchieste fatte da alcuni giornalisti i commenti sono: «…il Parlamento è frustrante»!

Infatti: … Su 945 eletti, infatti, in 446 (176 senatori e 270 deputati) continuano a svolgere il loro vecchio mestiere. Questo calcolo deriva dall’incrocio delle dichiarazioni dei redditi con l’indennità base dei singoli parlamentari. (Carlo Puca da Panorama.it 25/7/2011)

E’ chiaro che, al dunque, quando nei due rami del parlamento viene proposta una legge che modifichi e rendendo più agevole il far parte di queste vere e proprie “corporazioni”, assistiamo ad una alzata di scudi bipartisan per rendere difficoltosa l’attuazione della proposta o almeno allontanarla nel tempo.

Tempo addietro nei nostri commenti e riflessioni si ipotizzava e si affermava che la società si stava sempre più corporativizzando fino ad assumere le caratteristiche di uno stato neo-corporativo.

Nelle nostre analisi è sempre presente il metodo marxista che tiene in evidenza, nello studio del sistema di produzione capitalistico, la “composizione organica del capitale” ossia: Marx isolò il capitale investito nell’assumere i lavoratori perché, essendo l’esercizio della forza lavoro l’unica sorgente di nuovo valore, questa era la parte del capitale che aumentava per fornire gratuitamente al capitalista un profitto, o plusvalore … . Marx chiamò questa parte capitale variabile (v). L’altra parte investita nella fabbrica, nelle macchine, ecc. era in ugual modo essenziale alla produzione, ma il suo valore veniva solamente trasferito al prodotto finale senza alcuna variazione nella sua grandezza.

Per questo motivo Marx lo chiamò capitale costante (cc). Ci sono varie relazioni tra il capitale totale (C) e i suoi componenti:

p/C oppure p/(cc + v) è il saggio di profitto

p/v è il saggio di plusvalore

cc/v è la composizione organica del capitale

La composizione organica del capitale esprime in termini di valore la relazione tecnica tra gli apparati produttivi e il numero di lavoratori necessari per metterli in funzione, ciò che gli economisti accademici chiamerebbero grado d’intensità del capitale.

Se questa stessa lettura la estendiamo anche alle due camere come “composizione organica degli eletti”; notiamo che:

Composizione della Camera dei Deputati 630

Composizione   del Senato 315

Tot. 930

Professionisti eletti Camera e Senato

1) magistrati 17 , ai magistrati è imposta l’aspettativa , non possono svolgrre il doppio incarico;

2) avvocati 134 = (87 dep. 47 sen.) gli avvocati possono svolgere il doppio incarico, non c’è divieto;

3) dirigenti 133

4) imprenditori 114

5) docenti univ.ri 77

6) giornalisti 89

7) medici 53

617 = 66,3% (degli eletti)

8) operai 4 = 0,43% (degli eletti)

quale miglior lettura di questa?

mio 08-2455795 alle 11.01.21

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.