Menu

Nuovi schiavi per i caporali (grazie al decreto Salvini)

Accade sempre più spesso, quindi ci deve essere un perché. Siamo atei senza se e senza ma, persuasi a ragion veduta che la religione sia stata per secoli “l’oppio dei popoli”.

Però ci succede sempre più spesso di trovare informazioni illuminanti nelle e rese di posizione condivisibili in testate che non sono soltanto cattoliche, ma addirittura di proprietà vaticana.

Rovesciando l’aforisma marxiano, potremmo dire che oggi l’oppio (con i suoi derivati o succedanei) è talmente sceso di prezzo che anche i ceti popolari possono assumerlo nella sua forma fisica, anziché contentarsi di quella salmodiata.

Ma non stiamo parlando di cose scherzose. Lì dove ci troviamo casualmente in sintonia con i cristiani è un solo tema: quello dei migranti e del trattamento ignobile che riserva loro tutto l’Occidente opulento, con ovviamente in testa l’attuale ministro dell’inferno.

Sembra giusto dunque ricordare che questo tema – e non altri – porta allo scoperto un contenuto radicale che accomuna cristiani autentici e comunisti atei: l’universalismo. Ovvero il considerare tutti gli esseri umani uguali quanto a diritto a vivere nel miglior modo possibile. Le differenti declinazioni di questo universalismo (morale-religioso o sociale-politico) sono ovviamente consistenti, ma non al punto da perdere di vista il vero nemico: chi crede che si possano trattare altri esseri umani come cose o animali in virtù di una differenza di colore di pelle, di tradizioni o religione.

Per questo, crediamo sia importante segnalarvi questo articolo che dimostra, ancora una volta, come il cosiddetto “decreto sicurezza” del ducesco Salvini non produca affatto “più sicurezza”, ma soltanto più manodopera senza diritti da mettere nelle mani dei mercanti di schiavi. Italiani, naturalmente.

*****

Nuovi schiavi per i caporali (grazie al decreto Salvini)

Fulvio Fulvi – sabato 29 dicembre 2018. L’Avvenire

Le baraccopoli in Puglia e in Calabria stracolme dei migranti già fuoriusciti dal circuito dell’accoglienza. L’allarme della Carita.

Ecco i nuovi, attesi quanto devastanti, effetti del “decreto sicurezza”. Sono circa 500 i migranti che in questi giorni vivono nella baraccopoli nelle campagne tra Rignano Garganico e San Severo, nel Foggiano, quello che chiamano il “Gran ghetto”. Le presenze sono quasi il doppio rispetto a quelle che negli anni passati, durante le festività natalizie, si sono registrate nell’accampamento della Capitanata. «Un numero destinato a crescere quando finirà la raccolta degli agrumi nella Piana di Gioia Tauro, in Calabria, e centinaia di braccianti extracomunitari torneranno qui per poter lavorare nei campi di pomodori» commenta don Andrea Pupilla, direttore della Caritas diocesana di San Severo. «Ma l’incremento delle presenze è un effetto della nuova legge – commenta il sacerdote – perché i ghetti si riempiono quando Cara e Cpr si svuotano: basti pensare al Centro di accoglienza e per richiedenti asilo di Borgo Mezzanone, presso Manfredonia, che da mille presenze oggi ne conta solo 200». Dove sono andati gli altri 800? Se ne vanno dalle strutture pubbliche e si appoggiano nelle baraccopoli abusive diventando “merce umana” a disposizione dei caporali.

«La situazione nel “gran ghetto” è peggiorata – precisa don Pupilla –, a Natale ho visto altre capanne sorgere e un casolare abbandonato è stato occupato: così aumenta l’illegalità e il problema non si risolve, semmai si sposta da un luogo all’altro. Pensiamo a quello che potrà succedere a marzo-aprile, alla ripresa del lavoro nelle coltivazioni ortofrutticole della zona…». Il numero dei migranti in queste campagne, la prossima estate, potrebbe anche superare le mille unità. Dallo scorso settembre si attende qui l’installazione dei moduli acquistati da Regione Puglia per ospitare gli immigrati cercando di sottrarli, così, dalle grinfie del caporalato che si allungano anche nell’offerta (scalando l’affitto sul già magro salario) di un buco per dormire, che può costare anche 200 euro al mese. «Perché non cominciano a montare le casette, visto che il Consiglio comunale di San Severo ha approvato da mesi la variante al piano regolatore?» si domanda don Pupilla. Burocrazia o disinteresse?

Pensare che quest’estate il problema era diventato una priorità del governo, dopo la strage dei 16 giovani migranti rimasti schiacciati all’interno dei camioncini, dove erano stipati come bestie. «Ora il bisogno più grande di questi disperati non è tanto avere coperte e indumenti per affrontare l’inverno – dice don Pupilla –, ma procurarsi i documenti necessari a ottenere il permesso di soggiorno».

Anche le baracche e le tende dei tre campi di San Ferdinando, vicino a Rosarno, in provincia di Reggio Calabria, sono affollate più del solito: oltre 3mila persone a dicembre. «Sono 600 in più dell’anno scorso a vivere in questo “inferno” e continuano ad arrivare – commenta Vincenzo Alampi, direttore della Caritas di Oppido Mamertina-Palmi –, sono venuti qui per raccogliere mandarini da Lazio, Campania, Puglia e persino dal Piemonte, dormono sotto le tende nei sacchi a pelo o nelle baracche che si costruiscono da soli, sono approdati a San Ferdinando dopo la chiusura di vari Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) e Cas (Centri di accoglienza straordinaria)». Gente che non ha niente, solo paura e fame, «e noi cerchiamo di aiutarli». Fino ad aprile rimarranno nel centro calabrese poi si sposteranno altrove per un’altra stagione in balia degli sfruttatori. «Migliaia di persone si butteranno nelle strade e nelle campagne – dice Alampi – e sarà una situazione ingestibile».

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.