Menu

Lombardia. La “cricca di comando” scricchiola in più punti

Ultim’Ora. Contestazione contro il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, davanti alla procura di Bergamo dove il governatore viene sentito come persona informata dei fatti dai magistrati che indagano sulla gestione dell’emergenza Coronavirus nella zona.

Una quarantina di persone si sono riunite in presidio davanti alla palazzo della procura per protestare contro la gestione regionale dell’emergenza Coronavirus e in particolare contro la mancata istituzione di una zona rossa nell’area di Nembro e Alzano Lombardo, due dei comuni della Bassa Val Seriana più colpiti dalla pandemia. “Fontana Bergamo non dimentica. M… “, si legge su uno striscione srotolato dai manifestanti.

Nel mirino dei contestatori, che si definiscono “cittadini di Bergamo”, anche gli industriali lombardi per le presunte pressioni esercitate sul mondo politico per la mancata tempestiva chiusura dei comuni più colpiti della Val Seriana: “Confindustria no zona rossa in Val Seriana. Tranquilli ci ha pensato Fontana”.

Fonte: AskaNews

*****

I nodi alla fine vengono al pettine, anche in Lombardia e nella sua, fino a ieri, immutabile cricca di comando sulla Regione.

Mentre a Bergamo sono iniziati gli interrogatori della magistratura sulla strage di pazienti e malati di Covid 19 (ieri è toccato all’assessore Gallera, oggi al presidente Fontana), anche sulla struttura dei numeri forniti dalla Regione sui casi di contagio, la giunta è finita sotto il tiro di chi sa di che cosa parla quando parla di numeri e l’ha accusata esplicitamente di fare “magheggi”, un giudizio più che esplicito.

“In Lombardia è evidente che i casi sommersi sono 10-20 volte quelli esistenti – ha affermato con sicurezza il prof. Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe che da anni si occupa di monitorare il sistema sanitario – “e se non li vado a identificare, tracciare e isolare questi continuano a girare e contagiare. E’ un cane che si morde la coda: da una parte non si vogliono fare troppi tamponi per evitare di mettere sul piatto troppi casi, dall’altro non identificando questi casi si alimenta il contagio tanto che, secondo la valutazione che pubblichiamo oggi, negli ultimi 23 giorni, dal 4 al 27 maggio, la Lombardia ha il 6% di tamponi diagnostici positivi, e sottolineo ‘diagnostici’, perché se mettiamo al denominatore tutti i tamponi fatti è chiaro che questa percentuale artificiosamente scende”.

Ma in un altro passaggio il prof. Cartabellotta è stato anche più contundente: “La nostra grossa preoccupazione è che in questo momento la situazione lombarda sia quella che uscirà per ultima da questa tragedia, perché se si chiude troppo tardi e si vuole riaprire troppo presto, e si combinano anche dei magheggi sui numeri, allora è ovvio che la volontà politica non è quella di dominare l’epidemia ma è quella di ripartire al più presto con tutte le attività, e questo non lascia tranquilli”, ha detto il presidente della fondazione Gimbe per il quale “non si sta effettuando un’attività di testing adeguato”.

La Giunta della Regione Lombardia ha reagito a queste accuse annunciando una querela contro il prof. Cartabellotta, trincerandosi dietro il fatto che nessuno, a partire dall’Istituto Superiore di Sanità, “ha mai messo in dubbio la qualità del nostro lavoro che, anzi, proprio l’Iss ha sempre validato ritenendolo idoneo per rappresentare la situazione della nostra regione”.

A inizio settimana poi c’è stato un altro incidente che ha avuto forti ripercussioni anche sul piano sociale e psicologico tra la popolazione.

Alcuni cittadini dell’area metropolitana di Milano, lunedi corso si sono visti arrivare sul telefonino un sms in cui venivano avvertiti di avere avuto contatti con casi di coronavirus. A confermarlo è la stessa Ats (azienda territoriale sanitaria) di Milano Città Metropolitana che precisa di avere poi rettificato l’informazione ieri, sempre via sms.

Questo il testo completo della “comunicazione urgente ai cittadini“:  “Gentile Sig/Sig.ra lei risulta contatto di caso di Coronavirus. Le raccomandiamo di rimanere isolato al suo domicilio, limitare il contatto con i conviventi e misurare la febbre ogni giorno. Se è un operatore sanitario si attenga alle indicazioni della sua Azienda”. Nelle nuova comunicazione si precisa che “agli interessati è stato inviato un ulteriore sms di rettifica nella giornata di martedì 25 maggio”. Insomma un errore informatico, ma di quelli che lasciano tracce pesanti.

Infine cominciano a muoversi anche le piazze, e qui le preoccupazioni della cricca di comando lombarda si intersecano e coincidono con quelle del governo centrale.

Mercoledi un corteo della Cub che chiedeva anche le dimissioni della giunta, ha cercato di raggiungere il palazzo della Regione fronteggiandosi a muso duro con la polizia.

Oggi l’Usb, nel quadro di una giornata nazionale di mobilitazione,  manifesta sotto l’assessorato regionale alla Sanità chiedendone il commissariamento e non solo. “Senza un’indicazione chiara degli obiettivi e delle riforme da attivare, il commissariamento rischia di essere un’inutile e ingannevole chimera o un ritorno a quella “normalità” che invece si è dimostrata essere il problema” – scrive l’Usb – “La sanità in Lombardia, così come altrove, deve tornare ad essere pubblica, universale e gratuita”.

Ma forse il segnale più forte di questa crisi della cricca di comando in Lombardia, è quel sindaco di un piccolo paese della bergamasca, leghista anche lui, che ha aspettato Gallera e Fontana davanti al tribunale di Bergamo, accusandoli delle loro responsabilità per la morte di tante persone tra cui suo padre. E’ un aspetto dello scricchiolìo estremamente significativo.

 

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.