Menu

L’Italia aumenta le spese militari nel 2021: 1,64 miliardi in più

Nel 2021 aumentano i finanziamenti per le missioni militari all’estero ma soprattutto aumentano le spese militari in carico al Ministero della Difesa. L’aumento è anche consistente, tenendo conto che dal computo delle spese militari non vengono presi in carico alcuni capitoli delle spese per la Difesa in carico a ministeri come quello dello Sviluppo Economico e del Mef.

Dai dati risulta l’aumento del rifinanziamento del “Fondo per le Missioni Internazionali”; iscritto nello Stato di Previsione del Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF). Si tratta di 800 milioni che si aggiungono ai 682,9 disponibili a legislazione vigente. Il totale è dunque 1.482,9 milioni, in aumento rispetto ai 1.308,7 milioni del 2020:

Balza agli occhi poi come nel Bilancio del Ministero della Difesa nel suo complesso, la dotazione finanziaria per il 2021 è cresciuta a 24.583,2 milioni di euro con un balzo di ben 1.641,4 milioni in più rispetto ai 22.941,8 dello scorso anno.

In esso è compresa, oltre la Funzione Difesa vera e propria, anche la “Funzione sicurezza del territorio”, cioè l’Arma dei Carabinieri.

Per quest’ultima, nel 2021 si registra il consolidato superamento della soglia dei 7 miliardi di euro: per la precisione, sono 7.209,4 i milioni stanziati (contro i 7.054,9 del 2020) e, di questi, 469,7 sono quelli  destinati ai “Carabinieri per la tutela forestale, ambientale e agro-alimentare”.

La Funzione Difesa vera e propria  passa invece dai 15.323,4 milioni di euro del 2020 ai 16.809 milioni del 2021 un incremento di ben 1.485,6  milioni; che, in termini percentuali, equivale a + 9,7%.

Il commento di un osservatorio  del settore come Analisi Difesa, è che “dopo i 1.341 milioni in più tra il 2019 e il 2020, adesso altri 1.485,6; in soli 2 anni, la Funzione Difesa ha quindi visto crescere le risorse disponibili di ben 2.826,6 milioni. “Era dal biennio 2008-2009 che non si vedeva nulla del genere!” sottolinea il sito specializzato.

Insomma è vero che questi sono tempi di scostamenti di bilancio e molte risorse sono state dedicate e fronteggiare le conseguenze sanitarie e sociali della pandemia, ma le spese militari sembrano essere l’unico capitolo a non dover mai soffrire d’austerity, con il più ampio consenso bipartisan. Sono il più chiaro dei brutti segni dei tempi. Da sempre.

Fonte: Analisi Difesa

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.