Menu

Roma. CgilCislUil non si confronta con il Comune se c’è anche Usb

Come il sindacato unico fascista del “patto di Palazzo Vidoni”, CgilCislUil pretendono che non ci sia altra rappresentanza dei lavoratori e che, dunque, nessuna istituzione interloquisca con la organizzazioni diverse dalla loro.

Questa nota del Comune di Roma chiarisce a che punto sia arrivata questa deriva corporativa.

Può accadere, in una trattativa, che un sindacato si alzi dal tavolo e se ne vada non condividendo il merito che si va delineando. Qui siamo allo sfregio istituzionale di non presentarsi neppure al confronto se non si è i “soli” a fare da contraltare.

Che la presenza “sgradita” sia quella dell’Usb, che ha un solido radicamento tra i lavoratori capitolini (Comune, trasporti, ecc), è una riprova della debolezza strategica della “triplice”…

*****

Campidoglio, sindacati confederali abbandonano tavolo su temi strategici città

Raggi: “Sempre aperta al dialogo, serve maggiore responsabilità nei confronti di lavoratori e cittadini”

Roma 22 novembre 2019 – La Sindaca Virginia Raggi aveva convocato, nella data di oggi, le organizzazioni sindacali confederali in Campidoglio per affrontare insieme, all’insegna del confronto, i principali temi strategici della città anche in seguito allo sciopero dello scorso 25 ottobre.

Cgil, Cisl, Uil e Ugl, appurata la presenza dell’Usb, hanno deciso di abbandonare il Campidoglio in modo pretestuoso e senza partecipare al tavolo.

“Sono delusa e amareggiata. Sono sempre stata aperta al dialogo e continuerò a esserlo. Spiace che a causa di vecchie logiche interne alle sigle sindacali, si perda una preziosa occasione di confronto utile ai lavoratori ed ai cittadini. Ho convocato un nuovo incontro il prossimo 19 dicembre. Mi auguro che stavolta si preferisca mettere al centro temi e contenuti e non beghe che interessano e riguardano solo ed esclusivamente le singole organizzazioni sindacali e non cittadini e lavoratori, verso i quali occorre maggiore responsabilità”, sottolinea la Sindaca di Roma Virginia Raggi.

“Il dialogo e la collaborazione sono ingredienti vincenti e producono risultati enormi. Lo abbiamo dimostrato con il lavoro sviluppato insieme ai sindacati della Funzione Pubblica, siglando due contratti decentrati dal 2017 a oggi. Per questo oggi la considero un’occasione persa. Bisogna sempre mettere al centro il merito delle questioni. Oggi invece chi ha scelto di non partecipare al tavolo ha dimenticato quali sono le priorità”, osserva l’Assessore al Personale Antonio De Santis.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.