Menu

L’Usb Pisa per i terremotati del centro Italia

Grande partecipazione alla cena di solidarietà per i terremotati del centro Italia, promossa venerdì 2 settembre dalla Federazione dell'Unione Sindacale di Base di Pisa. Oltre 80 persone hanno riempito la sala del circolo Agorà, rispondendo all'appello proveniente dai territori colpiti dal sisma, dove le locali federazioni USB sono 
impegnate a rispondere al bisogno di casa per quei cittadini costretti a dormire nelle tende in una zona dove l'escursione termica notturna fa calare drasticamente le temperature.

Gli interventi della coordinatrice provinciale USB Cinzia della Porta, del responsabile del Circolo Che Guevara di Ponsacco Alessandro Rouge Rossi, di ritorno dalle zone del terremoto, di Valter Lorenzi della Rete 
dei Comunisti hanno delineato un quadro d'insieme della situazione venutasi a determinare nelle zone colpite dalle scosse di terremoto molto chiaro. La storia del nostro paese evidenzia un disprezzo per la vita delle popolazioni da parte delle istituzioni, che non hanno mai realizzato politiche strutturali per mettere in sicurezza territori notoriamete ad alto rischio sismico ed idro geologico.

Governi, amministratori e im"prenditori" si sono sempre arricchiti sulle spalle delle vittime. La Protezione Civile è in fase di privatizzazione, i Vigili del Fuoco sono umiliati da politiche di riduzione del personale e dequalificazione del servizio, ma soprattutto i governi Monti – Letta – Renzi promulgano leggi (la 100 del 2012) che vanno ad applicare le direttive dell'Unione Europea, improntate al cosiddetto "pareggio di bilancio", che non prevede più il sostegno degli Stati alle popolazioni colpite dalla calamità naturali. Le risorse pubbliche sono orientate a coprire i buchi di bilancio delle banche, politiche industriali di rapina alla Marchionne, scelte di guerra contro popoli a noi vicini, per rispondere ai bisogni di sviluppo di Finmeccanica e dell'ENI.

La risposta a queste politiche è quella immediata delle Brigate di Solidarietà Attiva, alle quali si sono aggregati i militanti di Ponsacco scesi 48 ore dal terremoto nelle zone colpite, quella sindacale di costruzione di una rete di solidarietà del mondo del lavoro al fianco dei terremotati, quella politica di mobilitazione generale per imporre un cambiamento di rotta radicale dalle politiche di austerità dell'Unione Europea e del governo Renzi.

Nelle prossime settimane i compagni del circolo Che Guevara di Ponsacco continueranno il lavoro di raccolta materiale e fondi che consegneranno direttamente nelle mani delle popolazioni locali, l'Unione Sindacale di 
Base si prepara ad uno Sciopero Generale che nella piattaforma avrà anche la richiesta di messa in sicurezza delle popolazioni colpite dalle calamità naturali, la Rete dei Comunisti sosterrà attivamente la No Renzi Day, manifestazione nazionale proposta dalla Piattaforma Sociale Eurostop, che intende dare una spallata ad un governo che dietro le frottole del presidente del consiglio nasconde politiche di lacrime e sangue solo per le masse popolari.

Oltre l'emergenza, per affrontare alla radice i problemi che portano continuamente migliaia di persone a subire le conseguenze di catastrofi naturali dalle quali ci si può difendere, occorre costruire una grande mobilitazione nazionale, per rompere l'Unione Europea e mandare a casa governi corrotti, aprendo la strada a politiche che mettono in primo piano la vita delle maggioranze, non il profitto e lo sfruttamento degli esseri umani e della natura.

USB federazione di Pisa
Via Baldo degli Ubaldi, 3 – 56125 Pisa
tel 050970390 www.usb.it pisa@usb.it

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.