Menu

Piacenza. La manifestazione in nome di Ahmed, assassinato per il profitto

1610 visualizzazioni

I manifestanti hanno cominciato a concentrarsi davanti alla stazione di Piacenza molto prima dell'ora fissata per il corteo della logisica dopo l'assassinio di Ahmed Abd Elsalam. Da tutta italia hanno aderito all appello dell'Usb per la manifestazione contro gli omici padronali. Da Milano, Torino, Padova, Roma e Napoli sono arrivati parecchi pulmann. Hanno aderito non solo forze sindacali, ma anche settori di movimento e partiti politici. Sventola nelle prime fila la bandiera No Tav, con lo spezzone guidato da Nicoletta Dosio.

Tra gli aderenti e presenti c'è Comunita mussulmana, i sindacati Adl, Slai Cobas, Sol Cobas, Usi, Sgb, Rete dei Comunisti, Sinistra anticapitalista, Rifondazione Comunista, Il Pci appena rinato, quello di Rizzo, i Giovani comunisti. Importante la presenza di una delegazione di Emergency.

Alle 15 la manifestazione è partita con già alcune migliaia di partecipanti. Al microfono il primo intervento è stato dedicato ad Abd Elsalam e al gravissimo omicidio di qualche giorno fa. Ma non si ricorda soltanto lui. Sono stati riportati i casi di altri due operai morti questa mattina durante il turno di lavoro, all'Ilva di Taranto e all'Atac di Roma.

Una denuncia quindi rispetto a tutti i morti sul lavoro, a causa dell'ansia padronale di spremere il massimo profitto, che risparmiando sulle misure di sicurezza, sui diritti dei lavoratori, sui tempi di circolazione delle merci.

Schermata del 2016-09-17 19:49:37Il corteo composito con ovviamente una grossa presenza dell'Usb, ma anche  di molte altre realta politiche e sociali, giunte da tutta Italia per denunciare il tentativo di insabbiare questi crimini riducendoli a "incidenti stradali" casuali.

ore 16.10 La manifestazione è giunta in Piazza dei Cavalli. La questura aveva fatto chiudere tutti i negozi del centro città, seminando il panico tra gli abitanti. Magari utilizzando argomenti leghisti ("ci invadono glii extracomunitari e i teppisti dei centri sociali"…), incapaci di vedere il dolore e le nuove forme del conflitto sociale e sindacale.

Un video dalla piazza: https://www.facebook.com/gastone.rossi.noirestiamo/videos/1686661264984880/

Schermata del 2016-09-17 17:13:11

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ore 17.00 Il corteo si dirige di nuovo verso la stazione. La partecipazione è molto cresciuta, e la paura instillata nellòa città è evidentemente molto diminuita. Passato per il centro e per la casa di Abd Elsalam, dove c'è stato un lungo applauso e pugni al celo. Poi interventi contro jobs act, Renzi e Poletti.

Un altro video: https://www.facebook.com/contropiano/videos/787827441320192/

Schermata del 2016-09-17 17:11:45

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ore 18.00 Il corteo è arrivato alla destinazione. Al termine è stato rilanciato il blocco di tutti i magazzini della Gls in Italia in vista dell incontro con la dirigenza della ditta tedesca, che lunedi è attesa a Piacenza per un incontro con le parti sindacali in Prefettura.

È stato infine rilanciato lo sciopero generale il prossimo 21 ottobre, con appuntamento a piazza S. Giovanni, a Roma. Quella giornata ricorderà ancora una volta Abd Elsalam e tutti i lavoratori uccisi in nome del capitale nei luoghi di lavoro.

 

 

 

14370128_1468561853231374_3842882916170785626_n

14383463_10209931022619580_1943127948_n 14389745_10209930656450426_1536894034_n 14397927_10209930656490427_519816015_n 14383323_10209930662410575_349191984_n 14371763_10209930665970664_210345931_n 14389818_10209930677010940_1795439945_n 14031133_10209931021419550_112577288_n

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *