Menu

“Di chi sono le responsabilità sui fatti di San Basilio”

4629 visualizzazioni

Intervista a Michele Giglio. I mass media stanno amplificando strumentalmente quanto accaduto nel popolare quartiere romano di San Basilio. Radio Città Aperta questa mattina ha voluto vederci più chiaro ed ha sentito Michele Giglio, uno degli abitanti del quartiere, attivista storico dell'Asia Usb e della Carovana delle Periferie.

Abbiamo in collegamento Michele Giglio. Vogliamo parlare di quanto è accaduto ieri a San Basilio cercando di andare a fondo, di approfondire la questione in maniera accurata. Prima però vorrei partire proprio dalla strettissima attualità. So che anche questa mattina  c'è uno sfratto che si sta cercando di impedire. Ti va di spiegarci come è la situazione adesso?

Questa mattina non stiamo a San Basilio ma in un altro quartiere del quadrante est. Siamo in zona Prenestina vicino a Via Longoni dove c'è un picchetto antisfratto di una famiglia che vive in un alloggio dei Piani di Zona e viene sfrattata perché praticamente queste cooperative – che hanno costruito su aree pubbliche 167 con denaro pubblico della regione – stanno truffando gli inquilini perché gli fanno pagare delle somme che non stanno nella legge regionale che regola le assegnazioni di queste case che non sono case popolari Erp, ma sono a economia in convenzione e quindi queste cooperative usufruendo di denaro pubblico le affittano e le vendono a prezzo di mercato.

E quindi guadagnano due volte.

Guadagnano due volte. Però parliamo di quanto accaduto ieri a San Basilio.

Esatto. Andiamo invece a quanto è accaduto ieri perché insomma la vicenda è finita poi sui media nazionali semplicemente bollata come razzismo ..

Non si tratta di razzismo, anche se la gente purtroppo viene bombardata quotidianamente anche dal potere, a prescindere da chi governa, perché è chiaro che c'è una destra xenofoba e razzista che soffia sul fuoco ma c'è un'altra forma di xenofobia che magari anche i governi di centrosinistra attuano, non lo dicono ma le attuano perché se poi applicano politiche neo liberiste che affamano la gente è normale che la percezione che si dà è comunque quella che lo stato sociale te lo toglie chi è più povero di te, mentre in realtà lo stato sociale lo tolgono i governi che si succedono nel nostro paese, che accettano le imposizioni del Fondo Monetario, della Banca Centrale Europea, dell'Unione Europea e quant'altro. Bisogna aggiungere che noi viviamo in un paese che ha la percentuale più bassa di case popolari. Il problema è questo qui, soprattutto nella città di Roma, dove esiste da sempre un problema abitativo e negli ultimi anni si sta accentuando sempre di più. Che succede? Succede che nonostante ci sia una bassissima percentuale di case popolari, negli ultimi anni, invece di assegnarle queste case,  magari perchè muore l'intestatario o quant'altro, le  lascia vuote e invece di assegnarle vengono murate. Nel frattempo è chiaro che il fabbisogno è tanto, la crisi è tantissima, qualcuno per bisogno fa la domanda all'Ater, ma siccome le case popolari non si fanno, sempre per bisogno le occupa. Che succede? Succede che nel momento in cui le occupi, dopo anni che non viene gestito il problema, le case si riassegnano. Ora è un caso che ieri questo appartamento in graduatoria sia andato ad una famiglia di immigrati marocchini. La gente ha reagito, sbagliando, inveendo, ma è il risultato inevitabile. Infatti poi l'ha detto nell'intervista in televisione anche quel cittadino, che conosciamo, il quale precisava che comunque fosse stato, anche se fosse stata una famiglia di italiani, si sarebbe reagito così. "Io ho fatto la domanda per la casa, il comune di Roma non risponde da anni, io mi sarei opposto con le mie forze". Allora il tema di fondo è questo: che nel nostro paese andrebbe rilanciata l'edilizia residenziale pubblica. Noi siamo il paese con la percentuale più bassa, quindi avendo la percentuale più bassa abbiamo dei prezzi di mercato inaccessibili. E qua il problema è che le risposte che danno le istituzioni non risolvono il problema e cercano di mettere i bisogni dei cittadini italiani contro i bisogni di altri cittadini che vengono da altri luoghi, ai quali comunque  bisogna dare una riposta, perché se lavorano nel nostro paese o vengono ospitati nel nostro paese anche in quel caso gli va data una risposta abitativa.

Sì. L'impressione – scusa se ti interrompo – è che non solo non si provveda a risolvere questa situazione ma, anzi, si cerchi in qualche modo di favorire uno scontro, quella che potremo definire una guerra tra poveri.

Certo, perché il potere in questo, avendo in mano l'informazione, ne approfitta. C'è anche un problema di fondo. Questa intervista la stiamo facendo da una radio libera, ma l'informazione è controllata dal grande capitale nel 90 per cento dei casi, quindi siccome non si danno le risposte, si dice alla povera gente che lo stato sociale te lo toglie chi è più povero di te, mentre non è così E' dagli anni '80 che nel nostro paese e in questa città, nel quale non vengono costruite case popolari perché bisogna incrementare la rendita finanziaria e la speculazione edilizia, a prescindere da chi governa, queste la fanno da padrona. Quindi i vari Caltagirone, i vari Ligresti, i vari Toti, Parnasi, e quant'altro. Alla gente gli va spiegato che è un imbroglio pensare che tu la casa non ce l'hai perché te la toglie chi è più povero di te.

E dopo aver creato queste condizioni è molto più semplice semplificare e ridurre tutto ad una questione di razzismo ..

Certo. La gente viene bombardata quotidianamente ogni giorno, ogni giorno … che il problema sono gli immigrati, che il problema è che si danno i soldi agli immigrati – che poi tra l'altro non è neanche vero perché anche quando vengono stanziati i soldi li prendono le cooperative che gestiscono e agli immigrati non va nulla. Non si fanno le case popolari, non danno risposte, non  gestiscono le case popolari. Il paradosso è che oltre che al fatto non le gestiscoscono, le muranp pure per non assegnarle. La stessa cosa l'hanno fatta anche le forze razziste e xenofobe di questo paese, che hanno governato, mi riferisco alla Lega Nord, mi riferisco ad Alleanza Nazionale e quant'altro  e non solo a Roma. A Milano negli anni passati hanno murato 9.750 alloggi e comunque sia agli italiani non è che gli hanno dato la casa … “Te la toglie l'immigrato" lasciano intendere, però anche quando loro governavano, se volevano dare casa ai milanesi o ai "padani" non gliel'hanno data uguale Quando ha governato Alemanno in questa città – non ci scordiamo che Alemanno quando si è candidato a sindaco, avevo detto che quando divento sindaco faccio 50 mila case popolari – non è stato fatto nulla di questo. Ma in questa storia soprattutto le amministrazioni di centro-sinistra hanno delle grandissime responsabilità. Sono quelle che sono state più zelanti nell'attuazione dal piano di vendita delle case popolari o al piano di privatizzazioni. Quindi hanno forse responsabilità anche maggiori su questo

L'impressione è che il quadro sia quello di una precisa volontà che porta poi a situazioni di questo tipo. Grazie Michele per essere stata con noi.

radiocittaperta.it , la radionline che puoi ascoltare in  tutte le città

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *