Menu

Tutta in una foto la destra italiana

Eccola qui, tutta assieme nella stessa foto, la destra italiana.

Letta, Salvini, Boschi, Taiani, tal Cioffi in rappresentanza di Di Maio; assenti fisicamente, ma idealmente presenti, Meloni e Renzi.

Tutti uniti a festeggiare le bombe di Netanyahu che fanno strage a Gaza, tutti uniti a sostenere l’apartheid feroce di Israele verso il popolo palestinese, tutti uniti a considerare democrazia e libertà l’oppressione violenta e razzista di un sistema di potere israeliano che ebrei liberi e antifascisti coraggiosamente condannano e combattono.

La destra italiana si rivela sempre al momento del bisogno. Stava con la Francia che occupava l’Algeria, stava con gli Stati Uniti che devastavano il Vietnam, stava e sta con le “guerre umanitarie” occidentali che hanno provocato milioni di morti e decine di milioni di profughi, che naturalmente la destra italiana rifiuta di accogliere.

La destra italiana è sempre stata un cane fedele della NATO e ora accoglie con gioia le bombe atomiche che vengono installate nel nostro paese.

La destra italiana si definisce euro-atlantica e con questo vuol dire che il suo patriottismo tanto sbandierato finisce dove comincia il patriottismo USA.

La destra italiana ha tante correnti e conflitti di potere, ma sta assieme negli affari che contano e nella fedeltà ai padroni, per questo oggi un banchiere la unifica al governo.

La destra italiana ogni tanto fa finta di dividersi per raccattare voti, ma di fronte alla guerra di Israele contro i palestinesi sta tutta a fianco della soldataglia israeliana che bastona i bambini.

La destra italiana oggi copre il 99% del Parlamento, per questo la finta democrazia del nostro paese trova naturale schierarsi con uno stato la cui “democrazia”è la stessa del Sudafrica quando vi comandavano i bianchi.

Conservate questa foto da vomito, lì c’è un quadretto di nemici della libertà dei popoli e nostri. Viva la resistenza palestinese.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.