Menu

Israele procede nell’occupazione coloniale delle zone palestinesi

Il governo israeliano ha approvato i piani di costruzione di 381 nuove abitazioni per coloni a Givat Zeev, nella zona palestinese di Gerusalemme est. Lo ha rivelato all’AFP l’associazione israeliana Peace Now. ”E’ la terza volta che l’amministrazione civile israeliana, che ricade sotto la giurisdizione del Ministero della Difesa, annuncia piani di costruzione di nuove case nei territori occupati da quanto il governo ha rilasciato gli ultimi prigionieri palesinesi come previsto dal piano di pace”, ha detto il portavoce di Peace Now, Lior Amihai. Israele ha infatti approvato il 6 gennaio scorso piani per 272 nuove case in Cisgiordania e il 10 gennaio la realizzazione di altre 1.800 unita’ abitative in Cisgiordania e a Gerusalemme est. La comunita’ internazionale considera illegali tutti gli insediamenti nei Territori Palestinesi occupati da Israele nel 1967. Qualche giorno fa, il governo israeliano aveva convocato gli ambasciatori di Gran Bretagna, Francia, Italia e Spagna perchè “no aveva gradito” le posizioni critiche di alcuni paesi europei verso gli insediamenti coloniali israeliani.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.