Menu

I tormenti del “patriota” Trump

L’andamento non è più quello trionfale e, come sanno i marinai, è quando non hai il vento in poppa che si vede di che stoffa sei fatto.

Il povero Donald trump ha messo su una serie di scemenze che neanche un Salvini fuori forma avrebbe inanellato. Per ultimo due colpi bassissimi. Sul piano politico, il “bacio della morte” rifilatogli da i nazisti statunitensi (ci sono, in veste ufficiale, e nessuno li reprime; ah, ci fosse ancora James Belushi..), che hanno deciso di appoggiarlo alle elezioni.

“Trump – ha detto Rocky Suhayda, 64 anni, presidente del partito nazista americano – rappresenta una reale opportunità per i bianchi nazionalisti, Un opportunità che non capiterà mai più”. “La campagna di Trump ha mostrato che i nostri punti di vista non sono così impopolari”.

Sul piano del merchandising elettorale, invece, ecco qui la disastrosa maglietta con il suo slogan preferito:

13882283_10154464746863982_1720838658080184695_n

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.