Menu

Usb: vittoria contro il software-spia

USB Agenzie Fiscali ha vinto la sua battaglia legale contro l’utilizzo di software-spia impiegati presso il Centro di Assistenza Multicanale dell’Agenzia delle Entrate. Il Giudice del Lavoro di Cagliari ha infatti ritenuto fondato il ricorso presentato da USB in merito alla violazione dell’articolo 4 dello Statuto dei lavoratori, in cui si vieta l’utilizzo di dispositivi per finalità di controllo a distanza dei lavoratori.

Al CAM, il centro delle Agenzie delle Entrate dove il contribuente può ricevere informazioni di natura fiscale, i software-spia venivano usati anche come forma di pressione e per far lievitare i carichi di lavoro ben oltre quanto stabilito dall’accordo nazionale che regola il funzionamento e il ruolo dei CAM.

USB Agenzie Fiscali esprime la sua soddisfazione per la sentenza, in cui si ristabilisce il principio fondamentale che le esigenze organizzative non possono prevalere sul rispetto dei diritti dei lavoratori e che le tecnologie finalizzate ad una migliore organizzazione del lavoro non debbono invadere il campo della riservatezza.

USB, che già  prima della sentenza aveva richiesto all’Agenzia delle Entrate la disattivazione dei software-spia, ritiene che ora l’amministrazione debba disattivare tali dispositivi in tutto il territorio nazionale, visto che ciò che è illegittimo a Cagliari non ha nessuna ragione d’essere lecito altrove.
USB proseguirà inoltre la sua battaglia contro queste illegittime ed odiose forme di controllo a distanza dei lavoratori, in tutti i luoghi di lavoro pubblici e privati.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.