Menu

No Debito: “militarizzazione Valsusa provoca vittime”

Fermare subito la repressione. Sosteniamo lo sciopero della valle e le mobilitazioni in tutta Italia.

Dopo le inaudite violenze contro i manifestanti sabato oggi l’azione della polizia ha provocato un’altra vittima. Luca Abbà, uno dei tantissimi militanti impegnati pacificamente nella resistenza passiva, è in condizioni gravissime. Il suo ferimento è avvenuto in conseguenza di una incursione della polizia in un sito dichiarato di “interesse strategico nazionale” e cioè posto fuori da ogni tipo di praticabilità del confronto democratico.  Se possibile la tragedia risulta ancora più grave ed immotivata dato che l’azione delle forze dell’ordine non aveva alcun obiettivo operativo rispetto alle opere ma unicamente un intento repressivo contro i militanti NO TAV.  La repressione in corso va fermata immediatamente ed i suoi responsabili devono pagare per le loro gravissime responsabilità.  Il Comitato Nazionale NO DEBITO esprime a Luca tutta la sua vicinanza, sostiene le mobilitazioni e lo sciopero generale della Valle e si appella a tutte le forze democratiche perchè si agisca con ogni determinazione contro un’opera che già produce i suoi nefasti frutti.

Comitato Nazionale No Debito 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.