Menu

L’Usb occupa l’Inps contro tagli a servizi e stipendi

Stamattina una delegazione dell’Usb ha occupato la sala nella quale era in corso la riunione del Collegio dei Sindaci dell’INPS. Una protesta contro la richiesta dei Sindaci di tagliare 100 milioni dal Fondo 2013 destinato alla produttività dei lavoratori, che equivale ad una decurtazione della retribuzione mensile di 300 euro.
Al termine dell’iniziativa, andata avanti per tutta la mattinata, Luigi Romagnoli, uno dei delegati USB presenti alla protesta, dichiara – “Abbiamo costretto il Collegio ad un confronto serrato, a tratti molto acceso, spiegando come i tagli per 1,2 miliardi chiesti all’INPS in un triennio e la previsione di decurtazione degli stipendi dei dipendenti dell’ente rappresentino benzina sul fuoco di una situazione sociale già drammatica”.
“La sottrazione di servizi – afferma l’esponente dell’USB – sta scatenando la rabbia dei cittadini contro i lavoratori che agli sportelli rappresentano l’Istituto. Con i tagli alle retribuzioni i dipendenti dell’INPS pagherebbero due volte scelte inaccettabili e antisociali ”.
“Siamo riusciti ad ottenere l’impegno da parte del Collegio dei Sindaci ad approfondire la questione con gli Organi dell’Amministrazione – prosegue il dirigente sindacale – La soluzione ipotizzata è quella di una nota di variazione al Bilancio 2013 con la quale individuare risparmi su altre voci del Bilancio”.
“USB conferma la necessità di andare allo sciopero dei lavoratori dell’INPS – conclude Romagnoli dell’USB – per contrastare i tagli complessivi, che rischiano di strozzare l’ente e di determinare uno svuotamento della sua funzione”.

Di seguito il comunicato stampa diffuso dall’organizzazione sindacale sulla vicenda:
“Nel triennio 2012-2014 l’INPS dovrà fornire al Governo risparmi strutturali per 1,2 miliardi e, a regime, 533 milioni all’anno a partire dal 2014. Cifre enormi, scaturite da misure di contenimento della spesa come la Spending Review e la Legge di stabilità 2013, che hanno già causato la mancata spedizione dei CUD ai pensionati e il taglio delle visite fiscali, con la perdita di mille posti di lavoro dei medici.
Ad aggravare ancora di più una situazione già difficile è il Collegio dei Sindaci dell’INPS che ha bocciato il piano di risparmi presentato dall’ente nel bilancio di previsione 2013, chiedendo un taglio di 100 milioni dai fondi destinati alla produttività dei lavoratori che equivale a ridurre di 300 euro mensili le retribuzioni dei dipendenti dell’ente previdenziale.
“Si vuole mettere in ginocchio un pilastro dello Stato sociale – denuncia Luigi Romagnoli dell’Esecutivo nazionale USB Pubblico Impiego – e umiliare i lavoratori dell’INPS”.
Il dirigente sindacale dell’USB si rivolge ai Sindaci dell’INPS – “Tagliate innanzitutto i vostri privilegi, come l’uso disinvolto delle automobili di servizio o l’autocertificazione delle ore di lavoro per avere il buono pasto”.
“L’INPS non può continuare ad essere la cassaforte del Governo – prosegue il sindacalista – i contributi dei lavoratori devono essere spesi per prestazioni e servizi e non per ripianare il debito pubblico”.
“Abbiamo avviato le procedure per andare allo sciopero dei lavoratori dell’INPS – conclude Romagnoli dell’USB – E’ dagli operatori della previdenza che deve partire un forte allarme sullo smantellamento del sistema previdenziale pubblico. Ma siamo pronti a qualunque iniziativa per difendere i servizi per i cittadini e gli stipendi dei lavoratori dell’ente”.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.