Menu

Val di Susa. Blitz e bandiere No Tav nel cantiere di Chiomonte

Poco dopo le 22,00 di ieri, durante il primo giorno del campeggio No Tav a Chiomonte, c’è stato un blitz dei No Tav contro il presidio della polizia ad Avanà, non lontano dalle recinzioni del cantiere Ltf. I No Tav, muniti di fionde, dal lato dove c’è una sorta di ponte tibetano, hanno lanciato sassi e fatto rumore verso gli agenti che presidiano i cancelli del varco 1, vicino alla centrale Enel.

Il diversivo ha consentito ad un altro gruppo di penetrare nel cantiere e di issarvi delle bandiere No Tav. Guarda il video: http://www.notav.info/top/cantiere-inviolabile/

Rabbiosetta la reazione del segretrio provinciale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap) Silverio Sabino, secondo il quale: “I responsabili del movimento, che hanno entusiasticamente appoggiato l’iniziativa di un sedicente Comitato studentesco di organizzare un campeggio proprio vicino ai presidi, avrebbero dovuto riflettere sulle conseguenze, Il campeggio andrebbe immediatamente sgomberato”.

Pronta la replica dei No Tav che sul loro sito scrivono “Apprendiamo dai giornali che il SAP (sindacato autonomo di polizia), già si spende nel richiedere lo sgombero del campeggio iniziato da pochi giorni, accusandoci anche ingigantendo di molto i fatti avvenuti. Riteniamo che questo campeggio sia una grande occasione, che oltre di socialità e informazione sulla tematica tav, sia anche un campeggio di lotta. Gli studenti, naturalmente riconoscono i forti legami che ci sono tra quelle politiche che hanno distrutto la scuola pubblica e hanno privato di un futuro un’intera generazione e quelle politiche di speculazione e devastazione ambientale che la questione tav rapresenta. Per questo ci teneiamo a precisare che il cantiere e le truppe occupanti, rappresentano per noi una minaccia concreta per il nostro futuro, e quindi pensiamo che questi non possano pensare di trascorrere una tranquilla vacanza in valle di susa a nostre spese”.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.