Menu

Kiev. “Democratizzazione” alla Stepan Bandera: comunisti fuorilegge

Dopo il voto della Rada sulla rinuncia allo status di Paese fuori dai blocchi, la Giunta al potere a Kiev compie un altro passo, casomai qualcuno non l’avesse intesa, sulla strada dell’aperta democratizzazione, intesa alla maniera di Stepan Bandera.
Secondo notizie d’agenzia, la Corte d’Appello di Kiev ha rinviato al Tribunale di primo grado il caso della proibizione del Partito Comunista d’Ucraina. In tal modo, scrivono le agenzie, è stata annullata la sentenza del Tribunale amministrativo distrettuale di Kiev sulla sospensione del procedimento.
La decisione sarebbe stata presa dopo l’esame del ricorso da parte del Ministero della Giustizia e del Servizio di Registrazione di Stato. Lo scorso 8 luglio, infatti, il Ministero della Giustizia aveva avviato una causa presso il Tribunale amministrativo distrettuale di Kiev per il divieto delle attività del Partito Comunista d’Ucraina, sulla base di una “documentazione di attività illegali dei comunisti” e di “partecipazione diretta dei rappresentanti del Partito Comunista alle azioni di guerra contro le forze ucraine”, presentata dal Ministro della Giustizia Pavel Petrenko.
Il 5 novembre scorso, tuttavia, la Corte distrettuale amministrativa di Kiev aveva sospeso l’esame della richiesta di divieto delle attività del PCU, fino a quando il tribunale non avesse esaminato le querele a sua volta presentate dallo stesso PCU contro il Ministero della Giustizia e il Servizio statale di registrazione.
Sempre nel luglio scorso, la Procura generale e il Servizio di Sicurezza dell’Ucraina avevano avviato 308 procedimenti penali contro i membri del Partito Comunista ucraino. Secondo le accuse, i comunisti erano sospettati “di sostenere l’annessione della Crimea e la creazione delle Repubbliche popolari di Lugansk e Donetsk”.
Il vice Ministro della Giustizia Igor Alekseev aveva detto che in tribunale erano state fornite “prove inconfutabili” a conferma che “i vertici del Partito Comunista e i suoi esponenti locali erano intervenuti a sostegno del movimento separatista nelle regioni orientali.”
Il 24 luglio era stata sciolta la frazione del Partito Comunista alla Rada. “Il gruppo comunista contava 33 deputati; 10 ne sono usciti, così che ora non ci sono sufficienti deputati per il funzionamento della frazione. Sciogliendo la frazione, abbiamo corretto un errore storico. Spero che non ci sarà più ideologia comunista nella nostra società” aveva detto l’allora speaker della Rada e attuale Segretario del Consiglio di Sicurezza Nazionale, nonché capo della frazione parlamentare del “Fronte Popolare”, Alexander Turcinov.
E una decina di giorni fa, poi, era stato portato all’OdG della Rada un disegno di legge per vietare la propaganda dell’ideologia comunista. Primo firmatario dell’iniziativa, ancora l’ex speaker della Rada Turcinov. Lo stesso Turcinov che, secondo le recenti dichiarazioni del deposto presidente ucraino Janukovic, sarebbe il diretto responsabile (era allora Presidente ad interim dell’Ucraina) dell’avvio delle azioni di guerra contro la popolazione del Donbass.
Secondo il testo del disegno di legge, firmato anche dai rappresentanti dei cinque partiti della Giunta di governo, la coalizione parlamentare in Ucraina intende vietare la propaganda comunista e anti-ucraina – insieme, teoricamente, a quella nazista e fascista tornate invece in gran voga – in qualsiasi forma. Uno degli obiettivi è anche “il completamento della decomunistizzazione di tutte le sfere della vita pubblica” dell’Ucraina affermano gli estensori del provvedimento.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.