Menu

La Corea del Nord testa con successo una bomba all’idrogeno. Riunito Consiglio di Sicurezza Onu

Le autorità della Corea del Nord hanno reso noto di aver condotto con successo un test con una bomba nucleare all’idrogeno. Le autorità sudcoreane e il Servizio geologico americano poco prima avevano rilevato un sisma di magnitudo 5.1 a 49 km a nord di Kilju, l’area in cui sono avvenuti altri  test nucleari nordcoreani. Secondo i servizi segreti di Seul il sisma era di origine artificiale. Il test è avvenuto alle 10.00 del mattina mentre da noi era ancora notte fonda. Si tratta del  quarto test nucleare sotterraneo condotto dalla Corea del Nord dopo quelli realizzati nel 2006, nel 2009 e nel 2013. Secondo il ben informato sito China Forum gli esperti cinesi ritengono però che il sisma non sia stato causato da un’esplosione termonucleare.

“C’è un gap enorme tra la potenza sviluppata normalmente dalle bombe all’idrogeno e quella generata dal test odierno”, ha dichiarato alla governativa CCTV l’esperto militare cinese Du Wenlong. “È difficile credere che la Corea del Nord possa fabbricare con successo una bomba all’idrogeno senza l’aiuto di altre nazioni, perché la sua industria non è in grado di produrla”, ha detto al Global Times Zhai Dequan, ricercatore della China Arms Control and Disarmement Association. “Lo sviluppo di una bomba termonucleare ha bisogno di tecnologie sofisticate: quella che Pyongyang chiama ‘bomba all’idrogeno’ è probabilmente un ordigno a metà tra una bomba nucleare convenzionale e una all’idrogeno”, ha spiegato Jin Qiangyi, direttore dell’Asia Research Center dell’Università Yanbian.

“La Corea del nord è uno Stato responsabile, non saremo mai noi i primi ad utilizzare armi nucleari né a trasferire tecnologie” ha affermato il governo di Pyongyang in un comunicato diffuso dalla missione della Nord Corea all’Onu, dopo l’annuncio di un nuovo test nucleare. Sulla televisione nordcoreana una speaker ha detto che Pyongyang ha testato una bomba all’idrogeno “miniaturizzata”, elevando “la potenza nucleare” del paese “al livello successivo” e fornendolo di un’arma per difendersi contro gli Stati Uniti e gli altri suoi nemici. La dichiarazione afferma che il test è stato un “perfetto successo”. Il test viene ritenuto come un “atto di autodifesa” che pone il Paese nel novero degli “Stati nucleari avanzati”. La bomba all’idrogeno è molto più potente di quelle nucleari tradizionali all’uranio e molto più difficile da realizzare.

Dopo l’annuncio  della Corea del Nord è stato convocato per oggi il Consiglio di sicurezza dell’Onu a porte chiuse.  Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu valuterà la possibilità di nuove misure restrittive contro la Corea del Nord Corea. “Le provocazioni della Corea del Nord avranno conseguenze”, ha dichiarato il portavoce del Pentagono, mentre la Casa Bianca ritiene che sia necessario attendere valutazioni indipendenti sull’ultimo test nucleare annunciato dalla Corea del Nord ma lo ritiene “una provocazione e una violazione delle norme internazionali”. Si torna così a parlare di sanzioni ma sanzioni internazionali sono già in vigore da tempo verso la Corea del Nord in quanto erano state varate e rafforzate dopo i precedenti test atomici.

 

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.