Menu

Caro-affitti in Europa. Le diverse risposte di Parigi e Berlino

Dal 1° luglio è ritornato il calmieramento degli affitti a Parigi. Il principio era stato introdotto dalla Loi Alur di Cécile Duflot ed era stato applicato tra il 2015 e il 2017. Tale tetto massimo è stato poi annullato su decisione del Tribunale amministrativo, a seguito di un ricorso dell’Unione Nazionale dei Proprietari Immobiliari (UNPI) e di altre organizzazioni del settore. La stessa cosa è successa a Lille, che aveva avviato un calmieramento nel 2015.

Tuttavia, questo calmieramento non è molto innovativo: secondo il sistema, gli affitti non devono superare di oltre il 20% gli affitti mediani nella zona e per una data tipologia di appartamento. La Loi Elan adottata nel 2018 ha riaperto questa possibilità di vigilanza, ma in forma “sperimentale”. Il municipio di Parigi l’ha quindi rilanciata. E ora l’UNPI sta già minacciando di far censurare nuovamente il dispositivo dai tribunali.

L’organizzazione ha presentato ricorso contro il decreto del 12 aprile 2019 che mette in campo il calmieramento a Parigi. Secondo un articolo apparso su Le Monde del 2 luglio scorso, l’UNPI intende addirittura attaccare tale regolamentazione con il Consiglio costituzionale, attraverso questioni prioritarie di costituzionalità, in caso di procedimenti giudiziari tra inquilini e proprietari.

Secondo loro, il calmieramento degli affitti costituirebbe una “violazione dei diritti di proprietà”. Il gruppo dei locatori avanza sempre lo stesso argomento: misure che moderano il livello degli affitti scoraggerebbero gli investitori e quindi danneggerebbero la costruzione di abitazioni. “I dati forniti da Century21 sulla sua attività nella prima metà dell’anno contraddicono la disaffezione degli investitori per il mercato dell’Ile-de-France: sono il 13% in più rispetto al 2018 ed effettuano il 32% delle transazioni”, ha sottolineato Le Monde.

Per l’associazione Droit au logement (DAL), al contrario, il sistema parigino è troppo modesto per contribuire realmente ad abbassare gli affitti nella capitale, una delle più costose d’Europa. “Nessun inquilino che ha firmato il contratto d’affitto prima di lunedì 1 luglio, potrà beneficiarne”, dice il DAL. D’altra parte, il DAL avverte che gli inquilini che attualmente hanno la fortuna di pagare meno dell’affitto mediano – perché sono stati nella zona per decenni, per esempio – rischiano di vedere il loro affitto effettivamente aumentare con la direzione. Perché i proprietari avranno tutto il tempo di “portare alla pari” gli affitti quando sono inferiori al livello mediano.

Proprietari avidi, società immobiliari e speculatori non hanno alcun briciolo di coscienza ad imporre loro un drastico aumento dell’affitto quando il contratto di locazione viene rinnovato”, avverte l’associazione.

La nuova regolamentazione dipende dalla buona volontà dei comuni. L’8 luglio, ad esempio, il Consiglio comunale di Bordeaux ha rifiutato il calmieramento. Si è subito creato un Collettivo per la regolamentazione degli affitti a Bordeaux ed è partita una petizione per chiederne l’implementazione nella metropoli aquitana.

In Germania, il calmieramento degli affitti esiste già. Ciò però non ha impedito la loro crescita esponenziale nella capitale tedesca. I proprietari di casa non esitano ad utilizzare il pretesto dei lavori di ristrutturazione per fare enormi aumenti. Inoltre, gli affitti aumentano notevolmente ad ogni cambio di inquilino (ma i contratti di locazione sono generalmente a tempo indeterminato). Di conseguenza, gli affitti per nuove locazioni nella capitale tedesca sono aumentati del 75% tra il 2011 e il 2016!

Il movimento berlinese per il diritto all’alloggio ha reagito a questa situazione con numerose mobilitazioni e la città attraverso misure politiche. Il 18 giugno, l’ufficio del sindaco, guidato da un’alleanza di sinistra (socialdemocratici, verdi e il partito di sinistra Die Linke), ha deciso di congelare immediatamente gli affitti per cinque anni. Questo blocco si applica anche ai nuovi contratti di locazione. E gli ammodernamenti, che possono sempre portare ad aumenti degli affitti, dovranno ora essere soggetti ad autorizzazione.

La decisione è stata presa rapidamente. Tuttavia, non appena la misura è stata annunciata, il gruppo dei proprietari immobiliari (Haus und Grund) ha consigliato ai suoi membri di notificare ai suoi locatari gli aumenti immediati degli affitti prima della scadenza del 17 giugno. Gli inquilini che ne sono sfuggiti dovrebbero ora essere tranquilli per cinque anni. Ma in Germania, come in Francia, le lobby dei proprietari minacciano di intraprendere azioni legali.

Contemporaneamente, a metà giugno, è stata presentata un’iniziativa cittadina per il diritto all’alloggio al municipio: 77.000 berlinesi chiedono un referendum sull’espropriazione delle principali società immobiliari della capitale. Questo è il primo passo verso l’organizzazione di un referendum locale.

La città deve ora considerare la proposta. Questo non richiede l’espropriazione vera e propria – che sarebbe giuridicamente impossibile – ma che la città riacquisti le case delle grandi società immobiliari a prezzi inferiori a quelli di mercato. Queste unità abitative ricomunalizzate dovrebbero poi essere gestite democraticamente con gli inquilini. D’ora in poi, il comune può adottare il progetto proposto nella sua forma attuale o negoziare con i suoi promotori un progetto alternativo. In caso contrario, la procedura passa alla fase successiva e l’iniziativa deve raccogliere 180.000 firme in quattro mesi per tenere un referendum. Se la proposta viene votata in un referendum, la città è obbligata ad attuarla.

Dal suo lancio, l’iniziativa “Expropriate Deutsche Wohnen” (che è la più grande società immobiliare privata della città) è stata molto popolare. Questo ha spinto il municipio di Berlino a decidere per il congelamento gli affitti. Questa misura potrebbe anche avere un altro effetto: rendere la speculazione immobiliare sempre meno attraente per gli investitori.

Il congelamento degli affitti sarebbe ugualmente la soluzione anche per Parigi e per le altre grandi città francesi? Non secondo il DAL, che richiede invece una reale riduzione degli affitti, l’estensione della loro regolamentazione all’insieme di tutti gli agglomerati disagiati, l’aumento dell’assistenza abitativa personalizzata, la costruzione massiccia di alloggi sociali, una moratoria sugli sfratti, nonché la requisizione di alloggi vuoti, “per rispondere all’emergenza sociale”.

* Traduzione a cura di Andrea Mencarelli (Potere al Popolo) dell’articolo pubblicato su BastaMag.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.