Menu

Colombia: un settore delle FARC annuncia il ritorno alla lotta armata

Contro “il tradimento dell’accordo di pace da parte dello Stato”.

L’ex numero due delle FARC, Iván Márquez, da un luogo sconosciuto da più di un anno, è riapparso in un video insieme ad altri ex leader della guerriglia estinta per annunciare “una nuova fase della lotta armata”.

“ Annunciamo al mondo che la seconda Marquetalia (città natale delle FARC  da più di mezzo secolo) è iniziata sotto la protezione del diritto universale che aiuta tutti i popoli del mondo a sollevarsi in armi contro l’oppressione” ha affermato Márquez nel video pubblicato su Internet, in cui appare accanto a una ventina di uomini armati di fucili.

Il video è stato caricato su una pagina web che, a quanto pare, è stata creata come portale ufficiale del nuovo gruppo armato. Questa guerriglia, tuttavia, acquisisce il nome del gruppo estinto al quale apparteneva Márquez, ovvero, Forze armate rivoluzionarie della Colombia FARC-EP . Marquez appare nel video in questione insieme ad altri ex comandanti delle FARC come ‘Jesús Santrich’, ‘El Paisa’ e ‘Romaña’ .

Marquez, che nel video è vestito di verde militare e con una pistola alla cintola, afferma che la decisione di tornare alle armi “[…]  è la continuazione della lotta di guerriglia in risposta al tradimento dello stato dell’accordo di pace di La Paz L’Avana ” e afferma che cercherà di stabilire alleanze con l’ELN  [1].

Nel manifesto che legge nel video, afferma che questa insurrezione, che prende il nome e i simboli delle forze armate rivoluzionarie della Colombia (FARC), non è rivolta ai soldati o alla polizia  ” rispettosa degli interessi popolari“, ma che sarà  rivolta contro “… quell’oligarchia esclusiva e corrotta , mafiosa e violenta che crede di poter continuare a bloccare la porta del futuro del Paese “. In tal senso, afferma: “ Lo Stato conoscerà una  nuova modalità operativa. Risponderemo solo agli attacchi”. Inoltre Marquez annuncia anche il loro “ totale disimpegno delle trattenute a fini economici”, in un apparente riferimento ai rapimenti, ma anche che “ cercheranno un dialogo con uomini d’affari, allevatori, commercianti e i ricchi del paese, per cercare in questo modo il loro contributo al progresso di comunità rurali e urbane ” aggiungendo:   “[...] in due anni, oltre 500 leader del movimento sociale sono stati uccisi e 150 guerriglieri sono già stati uccisi in mezzo all’indifferenza e all’indolenza dello Stato.

Alla fine del manifesto letto da Márquez, Santrich, del quale viene richiesta l’estradizione dagli Stati Uniti con l’accusa di traffico di droga, interviene per lanciare l’arringa “Viva las FARC-EP”, cui il resto dei guerriglieri risponde con un ” viva!”.

La Fondazione per la Pace e la Riconciliazione aveva avvertito in un rapporto che  “… i gruppi dissidenti delle FARC erano entrati in un processo di ‘banditizzazione’ senza carattere politico” e che  ”  […]gli ex leader di quel gruppo armato si stavano radunando ed avrebbero potevano formare un nuovo guerrigliero entro l’anno prossimo “.

Video | Finché c’è la volontà di combattere, ci sarà speranza di vincere :  

Durante il primo anno del governo del presidente Iván Duque, i gruppi armati composti da dissidenti delle FARC  si sono rafforzati. Questa è la principale conclusione del rapporto “ Più ombre che luci, sicurezza in Colombia un anno dopo il governo di Duque”, presentato mercoledì dalla Peace and Reconciliation Foundation (Peers), che ha coinvolto più di 50 ricercatori in varie aree del paese per fare una radiografia della violenza in Colombia, tre anni dopo la firma dell’Accordo di pace con le FARC.

Molti in Colombia ritengono che Duque, che ha superato un anno di governo lo scorso 7 agosto, stia gettando benzina anziché acqua sul fuoco.

Il primo di questi focus è il dissenso delle FARC, sia “politico che armato” composto da ex guerriglieri che non hanno accettato il  processo di pace mentre il secondo è guidato da diversi ex leader come Iván Márquez o Jesús Santrich che non sono stati presi in considerazione durante il processo di pace.

“ Se questi due (dissidenti) si uniscono, la potenza di fuoco crescerà perché danno una base politica alle persone che sono vittime del traffico di droga e del crimine comune”, ha affermato Ariel Avila, vicedirettore della Fondazione nella presentazione del rapporto.

 

[1] L’Esercito di Liberazione Nazionale (in spagnolo: Ejército de Liberación Nacional – ELN) è una organizzazione di guerriglia insurrezionale rivoluzionaria marxista che opera in diverse aree dellaColombia dal 1964

* Articolo pubblicato il 29 agosto 2019 su “NODAL/Portal informativo de noticias de América Latina y el Caribe” diretto dal sociologo, docente universitario e gi

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *