Menu

Venezuela. Sollevarsi in tempo di guerra economica

Guardiamo in faccia la dimensione della guerra economica contro il popolo venezuelano. Da 7 anni ormai, monopoli transnazionali e nazionali ci fanno aspettare in fila e correre da un luogo all’altro per ottenere beni vitali (alimenti, medicinali e prodotti per l’igiene). La nostra moneta, il Bolivar, è stata attaccata nella misura di… 29.862.393.456%: nel 2012 il tasso di cambio era di 8,69 BsF/US$, oggi siti come DolarToday, senza alcuna base economica, creazioni puramente politiche e guerrafondaie, segnano 2.595.042.000 BsF/US$ e producono l’incessante aumento dei prezzi dal 2013.

 

Questa guerra, senza precedenti nella storia per le sue dimensioni, è iniziata nel 1999 e si è intensificata nel 2013. Il popolo venezuelano non solo ha resistito, ma ha scelto di sollevarsi eroicamente. Questo è un fenomeno inspiegabile per Donald Trump e i suoi consiglieri, al punto che John Bolton ha perso il lavoro.

 

Noi venezuelani abbiamo fatto qualche cosa che l’imperialismo americano non può decifrare.

 

Le lezioni della guerra. Questa è una lotta di classe: quella che una volta sembrava retorica viene vissuta quotidianamente. È chiaro che c’è una lotta di classe quando, nel circuito dei mercati privati, il rapporto tra salario, prezzo e profitto (come elaborato da Marx) diventa una caricatura. L’aumento accelerato e sproporzionato dei prezzi, in conseguenza dell’attacco alla moneta e della logica del mercato capitalistico, fa cadere i salari reali, al punto che il lavoratore non è in grado di coprire i propri bisogni materiali. Il lavoratore che fa il pane e riceve uno stipendio di 40.000 BsS/mese, o poco più di 1.000 BsS/giorno, non può nemmeno acquistare una delle decine di pagnotte di pane che prepara ogni giorno. Il prezzo di ogni pane è di 10.000 BsS. La differenza è in termini di profitto.

 

Il mito dell’inefficienza dello Stato. Immaginate se in questi tempi di guerra non avessimo un sistema sanitario pubblico nazionale che serve l’85% della popolazione (al di là delle carenze che lo caratterizzano). Immaginate se non esistesse un piano di vaccinazione che garantisca una copertura pubblica di vaccinazione superiore al 90%.

 

Immaginate se l’unica opzione fosse quella di acquistare i vaccini per i nostri figli in dollari, come ci viene chiesto dai medici privati. In questi tempi di guerra, dov’è il famoso settore privato “efficiente”? Quante persone vanno in cliniche private e a quale costo, e qual è l’importo coperto dagli assicuratori? Da dove provengono le risposte date alle popolazioni, dal circuito pubblico o privato?

 

Immaginate se non ci fossero scuole pubbliche, scuole superiori o università che accolgono il 90% dei nostri bambini e giovani e se ci fossero scuole private e le università private, in questi tempi di guerra, garantiscono l’accesso all’istruzione? Continuiamo l’esercizio dell’immaginazione e supponiamo se in questi tempi di guerra il programma di alimentazione scolastica non esistesse. Immaginate Caracas senza metropolitana. Immaginate famiglie senza Comitati Locali per l’Approvvigionamento e la Produzione.

 

In termini di attività industriale e commerciale, il 98,71% e il 99,87% appartengono rispettivamente al settore privato. Il settore pubblico non produce farina di mais precotta, riso, pasta, olio, margarina, carta igienica, dentifricio, dentifricio o medicinali; lo fa il settore privato, in particolare le multinazionali che, nel contesto di questa guerra, si lamentano da sette anni e chiedono allo Stato valuta estera a basso costo per adempiere alla loro responsabilità di approvvigionamento del popolo venezuelano.

 

In questo scenario, chi è più efficiente, lo Stato che genera il 98% della valuta estera del paese o aziende private che non esportano nemmeno il 2% dei loro prodotti? Il governo che fornisce servizi sanitari ed educativi a più dell’85% della popolazione, o grandi aziende private che si aspettano solo valuta estera a basso costo?

 

L’occasione d’oro. É solo rafforzando il circuito pubblico, collettivo, statale e comunale che sconfiggeremo la guerra economica. É tempo di andare avanti nella costruzione del socialismo bolivariano nel XXI secolo.

 

Cadere nella trappola monetarista e decapitalizzare l’amministrazione pubblica per il fatto che il denaro non può essere emesso perché è la causa dell’inflazione equivale a sposare la strategia del nemico. In tempo di guerra, quando i salari si deteriorano a seguito di attacchi alla moneta, è essenziale rafforzare il circuito pubblico e comunale. Questa è l’unica garanzia di accesso a beni vitali per la popolazione e, così facendo, stiamo costruendo il socialismo del XXI secolo. Nel 2003, in risposta al blocco generale della lobby del petrolio, la strategia di Chávez è stata quella di rafforzare il settore pubblico.

 

Immaginiamo questa guerra senza le missioni sociali. E questo perché siamo organizzati! Nonostante tutti i tentativi dell’imperialismo di destabilizzare, demoralizzare e smobilitare, il popolo venezuelano si sta sollevando in questa guerra in modo consapevole e organizzato. Sul territorio, nel comune, ci si forma, si informa, si comunica, si impara, si inventa, si risolve e ci si mobilita. Siamo organizzati nei Comitati Locali di Approvvigionamento e Produzione, nelle unità di combattimento di Bolívar Chávez, nelle milizie, nei consigli comunali, nei consigli di produzione dei lavoratori, nei comitati sanitari, nelle missioni, nell’organizzazione nazionale femminista UNaMujer, ecc.

 

Le ferite di questa guerra sono profonde e anche molto dolorose, ma il popolo venezuelano ha sopportato tutto e ha resistito sollevandosi.

 

Il fallimento del modello socialista? I media e i leader dell’opinione pubblica di destra affermano che la causa di ciò che noi venezuelani stiamo vivendo oggi è il fallimento del modello socialista. Un fallimento per chi? Tra il 1980 e il 1998, secondo il modello capitalistico neoliberale, l’economia è cresciuta del 52% e la povertà estrema del 132%. Tra il 1999 e il 2015, dopo la Rivoluzione Bolivariana, l’economia è cresciuta del 43% e la povertà è diminuita del 56% nonostante l’assedio, la guerra economica e il sabotaggio che i venezuelani hanno affrontato dal 1999. Il Venezuela rimane il paese meno diseguale dell’America Latina.

 

 

* Economista e professoressa all’Universidad Simón Bolívar, autrice del libro “La mano visibile del mercato. Guerra economica in Venezuela” (Edizioni Efeso, 2019). Traduzione in italiano a cura di Andrea Mencarelli dell’articolo pubblicato su UltimasNoticias.

 

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.