Menu

La Francia è passata dall’ebollizione sociale al sollevamento generale

L’intervista a Jean-Luc Mélenchon, leader de La France Insoumise, realizzata da Rachid Laïreche e pubblicata su Libération lo scorso 18 dicembre. Traduzione a cura di Andrea Mencarelli (Potere al Popolo).

***

Quale è il seguito, dopo la manifestazione di martedì?

La marea umana del 17 dicembre porta un messaggio così potente! In Francia, l’idea di una repubblica sociale si è radicata. Macron può capire che il suo tempo è passato per questo progetto. Soprattutto dopo la disastrosa partenza del suo autore principale, Jean-Paul Delevoye. E il costo per l’economia, e per gli stipendi della gente, di questo progetto provocatorio è già considerevole. Il suo dovere è quello di sapersi inchinare. Credo che il paese non mollerà la presa. La lotta fino al ritiro del progetto è ora un tema con molti colpi di scena.

Sei a favore di una tregua natalizia?

Spetta al governo far sì che ciò avvenga ritirando il progetto.

Come descriveresti l’umore del paese oggi?

Il paese è passato da uno stato di ebollizione sociale a un sollevamento generale. Stiamo proseguendo il processo di rivoluzione popolare iniziato l’anno scorso. Il terreno preparato dai Gilets gialli è ora occupato da una domanda sociale sostenuta dai sindacati e dai settori organizzati della forza lavoro. Ma è la stessa cosa. All’inizio, la gente vede che le esigenze di base non sono più garantite. Poi la domanda iniziale si allarga e l’aspirazione popolare diventa più chiara. Le dimissioni di Delevoye hanno rafforzato questo sentimento. La popolazione diventa un popolo politico.

Qual è il vostro ruolo politico in mezzo in questo scenario?

Il sindacalista difende i lavoratori dove sono: un ferroviere difende i lavoratori delle ferrovie, un insegnante difende gli insegnanti, ecc. Noi, insoumis, siamo ovviamente in prima linea nell’azione. Ma dobbiamo offrire una critica globale. Il progetto delle pensioni a punti porta con sé una visione del mondo. Noi proponiamo l’alternativa. Loro: ogni uomo per sè. Noi: tutti insieme.

Dall’inizio del quinquennio, voi fate della pedagogia, ma politicamente, è Marine Le Pen che ne raccoglie ogni volta i frutti…

Infatti, lei fa surf. Non durerà. Perché rimane nel quadro del sistema economico dominante. E questo sistema sta raggiungendo un’impasse ecologica e sociale. Molti hanno capito che i modelli di produzione, consumo e scambio sono la causa comune della nostra miseria sociale e del disastro climatico. Questo inaspettato pregiudizio sta ricostruendo la consapevolezza del bene comune e dell’interesse generale. Il collettivismo è tornato. Dobbiamo essere pazienti e testardi.

È per questo che avete organizzato un meeting questo mercoledì a Parigi?

Sì, i miei compagni hanno pensato che fosse un buon modo per presentare il senso profondo della nostra lotta contro la pensione a punti. In questo meeting, si ha il tempo per spiegare. È utile perché siamo in un grande momento della storia sociale del Paese. Quello che sta succedendo è molto profondo e globale. Ci sono state delle manifestazioni nel più piccolo comune. Le persone vengono trasformate dal loro mettersi in azione. Dopo la manifestazione del 17 dicembre, la Francia non è più la stessa.

Allo stesso tempo, una parte della sinistra, compreso il vostro partito, si riunirà per un incontro congiunto a Beauvais. Vi interessa questa unione?

Sì. Non eravamo alla precedente riunione di questo formato, alla fine di novembre a Saint-Denis? Questo è positivo perché significa che tutte queste persone sono d’accordo a lottare contro la riforma di Macron. Non era una conclusione scontata. L’azione trasforma le persone coinvolte. I socialisti prima hanno visto passare il treno, poi ci sono saliti sopra, e ora accettano la destinazione. Ma deve essere un sostegno collettivo e indefettibile per la lotta. Un altro argomento è la discussione di un progetto comune sul pensionamento. Nel bel mezzo della lotta, questo potrebbe dividerci inutilmente. Poiché il Parti Socialiste (PS) e l’Europe Écologie–les Verts (EELV) sono per un piano previdenziale a punti, il Parti Communiste(PCF) e noi per il pensionamento a 60 anni con 40 di contributi.

Siete contrari ad un progetto comune?

Sono necessarie riforme. La gente va in pensione troppo tardi e troppo povera. Parliamo di questo. Ma non tra due porte. Ciò che conta ora è convincere il governo a ritirare il pacchetto di riforme nel suo complesso. Vedremo il resto più tardi. Se vinciamo, le controproposte avranno senso.

In quale stato si trova La France Insoumise?

Il movimento segue gli alti e bassi del paese. Quando la marea sociale è alta è una formidabile macchina da combattimento, quando il livello di attività scende, scende anche il suo.

Il vostro movimento è in grado di reinventarsi?

La situazione ci costringe a farlo. Le ultime elezioni presidenziali non hanno cancellato la crisi della Quinta Repubblica. Macron l’ha aggravata abusando della monarchia presidenziale come mai prima d’ora. Quando eravamo in testa, mi sono assunto le mie responsabilità proponendo una federazione popolare. La sinistra tradizionale l’ha rifiutata. Ha anche rifiutato il supporto per i Gilets gialli. Così, alle elezioni europee, abbiamo pagato direttamente per la divisione tra la classe operaia e la classe media. Ripetiamo ovunque che questo divorzio è il problema centrale. La riconciliazione sarà raggiunta attraverso il legame nella coscienza e nell’azione tra la crisi ecologica e la crisi sociale.

È per questo che state offrendo a Yannick Jadot un contratto di governo o è solo per metterlo alla prova?

Volevo vedere la sua reazione perché diceva di non sentirsi incompatibile con François Ruffin…

Forse è con lei che è incompatibile?

Se c’è un problema con qualcuno, cambiamo le persone. Qual è il problema? Né lui né io siamo indispensabili.

Ma molti deputati insoumis stanno spingendo perché lei si candidi alle prossime presidenziali…

Li ringrazio per questo. Tutto dipende dallo stato del paese tra due anni. Oggi è prematuro. Per ora, devo continuare a svolgere il mio ruolo di parafulmine: quando il fulmine colpisce, è su di me. Sono contento. I bellissimi alberi sono ancora in crescita. La nostra ambizione è molto alta: vogliamo governare. Stiamo formando una nuova spina dorsale per la nostra famiglia. I colpi arrivano perché siamo credibili. E la nostra forza è più determinata ora che non è più incarnata da una sola persona. Mostriamo molti volti e talenti. È qualcosa di cui essere orgogliosi. E decisi.

In uno dei suoi ultimi post sul blog, fa riferimento alla sconfitta del laburista Jeremy Corbyn nel Regno Unito con parole dure, indicando in particolare la sua “sintesi”…

La sua sconfitta è innanzitutto un’enorme frustrazione. Non era una cosa da poco vincere nel Regno Unito. Corbyn ha cercato il punto di equilibrio interno al suo partito. È un errore: orientarsi in quel modo è andare verso il muro. Perché le tensioni all’interno di un partito non riflettono quelle all’interno della società. Ha finito per dire che voleva un nuovo referendum sulla Brexit. Perché? Il problema non è il voto del popolo britannico, ma quello dei parlamentari che si rifiutano di accettarlo.

Al posto di Corbyn, quali proposte avresti fatto?

Avrei discusso il contenuto dell’accordo di uscita in materia sociale e di cooperazione. Non l’ha fatto. La cosa peggiore è che ha detto che non avrebbe interferito con il nuovo referendum. A cosa serve un leader senza un’opinione sul futuro del suo Paese? Prendere una posizione crea sempre un conflitto. Ma questo è il prezzo per costruire una solida coscienza popolare.

Nello stesso post del blog, i commenti su Corbyn, l’antisemitismo e il CRIF (Consiglio di rappresentanza delle istituzioni ebraiche in Francia, ndt) hanno scatenato una polemica…

Ogni settimana, i macronisti non perdono occasione per denigrarmi più e più volte. È del tutto patetico. Il CRIF di Francis Kalifat pratica un comunitarismo ristretto. Si comporta come un ramo del Likud (partito nazionalista liberale e di destra israeliano, ndt). Ma non è rappresentativo. Cos’ha davvero contro di me? Per aver detto che il bombardamento elettorale di Corbyn sul tema dell’antisemitismo era inaccettabile! E che non lo permetterò!

Ma non è la prima volta che sorge una polemica tra voi e il CRIF…

Sì, è così. Ci sono molte cause legali. Il CRIF ha fatto espellere undici rappresentanti de La France Insoumise dalla marcia in omaggio a Mireille Knoll [un ottuagenario ebreo ucciso nel marzo 2018]. Questo non sarà mai perdonato senza delle scuse. Il giorno prima avevamo chiamato Francis Kalifat per garantire la nostra sicurezza. Ha fatto il contrario, scatenando su di noi la sua milizia. Contro il parere della famiglia Knoll. Con quale dirittoQuesto modo di inventare degli antisemiti che non esistono è intollerabile! Tutti sanno che ho innumerevoli motivi per non esserlo. Credo nell’assoluta uguaglianza di tutti gli esseri umani. Kalifat non trova nulla di cui lamentarsi quando Emmanuel Macron riceve un membro dell’Azione Francese all’Eliseo. La sua indignazione è selettiva. Deve essere chiaramente denunciato come un manipolatore. Lo sto facendo.

Oggi non crede ancora in Macron, meno nella giustizia dopo il suo processo e la sua condanna e meno nella polizia dopo la nascita dei Gilets gialli. In cosa crede?

Macron sta calpestando lo Stato repubblicano. La dottrina dell’impiego della polizia è disastrosa. Porta a una violenza inaccettabile contro la popolazione. Ora i funzionari hanno il permesso di sparare in faccia ai francesi, di mutilarli. E il loro sindacato ha il permesso di minacciare giudici e partiti politici. Si tratta di una agghiacciante deriva autoritaria. La giustizia chiude un occhio. Regna la confusione delle categorie. Nel nostro processo, coloro che ci hanno ascoltato per l’inchiesta si sono trovati nelle parti civili. Tutto questo è molto triste per chi ama il suo paese. Domani, quando saremo al potere, istituiremo una Commissione Giustizia della Verità per indagare su tutti gli abusi di potere e i crimini del regime macronista.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.